Rapporto insegnante-alunni (dopo 20 anni)

off topic, cioè fuori tema.
Rispondi
Avatar utente
Winchester1894
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 2597
Iscritto il: 21/12/2010, 21:45

Rapporto insegnante-alunni (dopo 20 anni)

Messaggio da Winchester1894 » 22/12/2010, 21:29

Cari amici, ho esitato a lungo, nel timore di sembrare vanaglorioso. Ma tanto non sapete nemmeno chi io sia in realtà e quindi...
E poi la cosa è troppo bella per non raccontarla!

Messaggio ricevuto 1 ora fa:

Caro Maestro,
proprio così, è perchè mi sei davvero caro che ti scrivo. Per la riconoscenza
che ti porto, per avere continuato ad essere un modello anche oggi che sono
insegnante a mia volta
, per avere fatto di me "un lupo tra lupi", per essere
stato un suggeritore interno prezioso nei momenti difficili e per tutto quello
che le parole non riescono a dire.
Penso che le relazioni di aiuto importanti, come quelle tra maestro ed
allievo, nate in fasi del ciclo di vita così condensate, come quella del tempo
speso insieme a te, possano diventare un fattore protettivo che dura per sempre
e che va ben oltre i limiti temporali cadenzati dai ritmi evolutivi scolastici.
E' per questo che, subito dopo avere scelto il titolo di una conferenza-
spettacolo sul tema "la scuola che vorrei", ho pensato a te, come interlocutore
e conversatore all'interno di un salotto culturale allestito sul palco di un
teatro forlivese, dove da un paio di anni ho il piacere di condurre cicli di
conferenze, molto partecipati, su temi educativi.
Ti allego il materiale informativo.
Qualunque sia la risposta al mio invito, ti ringrazio di cuore per tutto ciò
che rappresenti, non per me solo, ma per intere generazioni di studenti che
hanno avuto il privilegio di incontrarti.
Di tutto, di cuore grazie e buone feste a te e famiglia.

Denis


Sicuramente IL PIU' BEL REGALO DI NATALE! :oops:

Vanni
Avanti, Ariete!

Avatar utente
teno64
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1281
Iscritto il: 21/12/2010, 18:29
Località: Cento FE

Re: Rapporto insegnante-alunni (dopo 20 anni)

Messaggio da teno64 » 22/12/2010, 22:06

Hai capito perchè, quando mi rivolgo a te, la parola Maestro la scrivo con la maiuscola... ;)
Semper Immota Fides

Avatar utente
Winchester1894
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 2597
Iscritto il: 21/12/2010, 21:45

Re: Rapporto insegnante-alunni (dopo 20 anni)

Messaggio da Winchester1894 » 22/12/2010, 22:11

Carissimo Stefano, forse è colpa dell'età... ma sono commosso e felice come non mi capitava da molto tempo...
Beh, almeno così so che qualcosa di utile l'ho fatto.

Ma tu come facevi a sapere se me lo meritavo 'sto maiuscolo? :?:
Ciao amico mio, tanti auguri a te e alla tua famiglia!

Vanni

P.S. - "Lupo tra lupi"-
Devo spiegare altrimenti non si capisce: un giorno una bimba della classe di Denis mi chiese "perchè ero diverso dagli altri maestri"
Io risposi che il maestro non deve starsene alla cattedra facendo il padreterno, ma deve partecipare a gioie e dolori, successi ed insuccessi dei suoi alunni... rispettandone il carattere e gli eventuali difetti, ma cercando di correggerli senza coartazioni, ricordando che anch'egli è solo un lupo anziano fra giovani lupacchiotti....
Ultima modifica di Winchester1894 il 22/12/2010, 22:19, modificato 1 volta in totale.
Avanti, Ariete!

hkg36
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1505
Iscritto il: 21/12/2010, 19:38
Località: (MC)

Re: Rapporto insegnante-alunni (dopo 20 anni)

Messaggio da hkg36 » 22/12/2010, 22:12

cacchio complimenti...
i miei insegnanti dicevano che non avrei fatto tanta strada...bhè si sbagliavano devo cambià un set gomme all'anno
Immagine

Avatar utente
teno64
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1281
Iscritto il: 21/12/2010, 18:29
Località: Cento FE

Re: Rapporto insegnante-alunni (dopo 20 anni)

Messaggio da teno64 » 22/12/2010, 22:29

Tu non la vedi Maestro...ma io si.! ;)
Semper Immota Fides

Avatar utente
docpilot
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 11237
Iscritto il: 21/12/2010, 19:27
Località: Neapolis

Re: Rapporto insegnante-alunni (dopo 20 anni)

Messaggio da docpilot » 23/12/2010, 1:31

Chi semina raccoglie...
Immagine
Moglie che tace casa felice. Confucio.
La gente che grida parole violente non vede, non sente, non pensa per niente.
Immagine

ENNIO47
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 5964
Iscritto il: 21/12/2010, 12:23
Località: Teramo

Re: Rapporto insegnante-alunni (dopo 20 anni)

Messaggio da ENNIO47 » 23/12/2010, 9:50

A Vanni ..sicuramente devi essere orgoglioso per l'attestato di stima inviatoti e se dopo molti anni ancora ricordano i tuoi insegnamenti.
Certamente sei una persona speciale,....si ricordano le persone buone ...non quelle cattive.
BUON NATALE !!!!
ImmagineImmagineImmagineImmagine
3703post(s) SOCIO SOSTENITORE FISAT
Immagine ABRUZZESE DOC!!!..Teramo.

Avatar utente
Winchester1894
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 2597
Iscritto il: 21/12/2010, 21:45

Re: Rapporto insegnante-alunni (dopo 20 anni)

Messaggio da Winchester1894 » 23/12/2010, 10:19

Ricambio gli auguri a te e a tutti gli amici: Buon Natale e ottimo 2011 !!!
Per il resto... certamente è stato un bel regalo che non mi aspettavo dopo tanti anni, considerato anche che Denis era un ragazzo dal carattere abbastanza difficile e... spigoloso.
Sono un credente da poco, ma certamente penso che l'amore possa spostare le montagne, questo l'ho imparato.

Vanni
Avanti, Ariete!

Avatar utente
docpilot
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 11237
Iscritto il: 21/12/2010, 19:27
Località: Neapolis

Re: Rapporto insegnante-alunni (dopo 20 anni)

Messaggio da docpilot » 23/12/2010, 19:02

Winchester1894 ha scritto:Sono un credente da poco, ma certamente penso che l'amore possa spostare le montagne, questo l'ho imparato.Vanni
Caro Vanni, ti prego di non considerarmi un maleducato invadente, ma questo genere di cose mi ha sempre attratto moltissimo. Io mi definisco un agnostico credente non praticante...e se non ti è di peso dirlo: quando e come ti è nata la "illuminazione"?
Saluti. :beer:
Immagine
Moglie che tace casa felice. Confucio.
La gente che grida parole violente non vede, non sente, non pensa per niente.
Immagine

Avatar utente
Winchester1894
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 2597
Iscritto il: 21/12/2010, 21:45

Re: Rapporto insegnante-alunni (dopo 20 anni)

Messaggio da Winchester1894 » 23/12/2010, 21:29

Innanzi tutto chiariamo che la mia affermazione non ha niente a che vedere con una religione particolare, ma è semplicemente una constatazione di fatti accaduti durante la mia vita di insegnante.
Nel corso degli anni ho avuto la ventura di trovarmi a contatto con ragazze e ragazzi "difficili", spesso per traumi vari, familiari e non.
Essendo portato, per educazione e formazione, a sentirmi emotivamente coinvolto nelle altrui sofferenze, senza neppure volerlo coscientemente (non era un progetto scientifico studiato a tavolino il mio) mi comportavo come un buon padre, o uno zio in gamba, facendo sentire tutta la forza dell'affetto che provavo per loro, senza mascherarmi dietro il paravento dell'ufficialità (e presunta superiorità) del mio ruolo di insegnante.
Mi mostravo come ero, con una forte volontà ma anche con tanti difetti e debolezze (esplicitati appositamente); soprattutto non pretendevo da loro niente se prima non avevo mostrato che lo potevo fare anch'io e che la cosa era utile e necessaria.
Sono stato ripagato, sempre, da un affetto pari e spesso superiore a quello da me profuso: i miei alunni/e mi hanno dato, quasi sempre, molto di più di quello che io chiedevo loro, sia sotto l'aspetto del "rendimento scolastico" sia sotto quello "emotivo".

Qualche anno fa, tornando a scuola dopo una mia breve malattia, appresi che i miei alunni non si erano comportati bene con la supplente...........

Feci una bella sfuriata e terminai, piuttosto alterato, chiedendo:
- Perchè, brutte carognacce, con me non lo fate?
Ci fu un momento di silenzio, poi una ragazzina alzò la mano e pronunciò queste poche parole:
- Perchè tu ci vuoi bene.

Se si vuol parlare di illuminazione.... questa sicuramente fu una grande conferma. Non mi serve altro.

Vanni
Ultima modifica di Winchester1894 il 23/12/2010, 21:37, modificato 1 volta in totale.
Avanti, Ariete!

aim
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 5743
Iscritto il: 23/12/2010, 16:16

Re: Rapporto insegnante-alunni (dopo 20 anni)

Messaggio da aim » 23/12/2010, 21:36

Il fatto che siate mal pagati non vi rende meno importanti e meno ricordati con affetto e gratitudine.

Cordialmente
aim

Avatar utente
Winchester1894
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 2597
Iscritto il: 21/12/2010, 21:45

Re: Rapporto insegnante-alunni (dopo 20 anni)

Messaggio da Winchester1894 » 23/12/2010, 21:43

Certamente caro aim non ho mai avuto un gran stipendio, ma mi sono sempre consolato vedendo che c'erano tanti lavoratori che stavano peggio di me...
E mi accontentavo, come ora mi accontento della mia pensione, non certo da nababbo, ma certamente migliore di quella di molti altri nelle mie condizioni.

Vanni
Avanti, Ariete!

Avatar utente
dinomite
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 2482
Iscritto il: 22/12/2010, 0:21

Re: Rapporto insegnante-alunni (dopo 20 anni)

Messaggio da dinomite » 23/12/2010, 23:03

Winchester1894 ha scritto: P.S. - "Lupo tra lupi"-
Io risposi che il maestro non deve starsene alla cattedra facendo il padreterno, ma deve partecipare a gioie e dolori, successi ed insuccessi dei suoi alunni... rispettandone il carattere e gli eventuali difetti, ma cercando di correggerli senza coartazioni, ricordando che anch'egli è solo un lupo anziano fra giovani lupacchiotti....
questa periodo mi ha commosso, ma mi ha anche fatto incazzare perchè per me non è stato cosi, non ho avuto un Maestro con la M maiuscola, nè professori con la P maiuscola.

A parte un paio di insegnanti che ricordo piacevolmente, devo a tutti gli altri la mia visione ultra-pessimistica del mondo e di me stesso e la consapevolezza profonda mai smentita che il processo evolutivo si sia arrestato e che, anzi, si sia curvato su se stesso.
Grazie a 'ste teste di cazzo mi sento in ceppi.
non esistono fatti solo interpretazioni.
F.Nietzsche

Avatar utente
Winchester1894
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 2597
Iscritto il: 21/12/2010, 21:45

Re: Rapporto insegnante-alunni (dopo 20 anni)

Messaggio da Winchester1894 » 23/12/2010, 23:47

La mia storia, caro Dinamite, è mooooooolto simile alla tua.
Differisce in due punti fondamentali però:
1) i miei genitori (due "giganti" e non sto a dire come e perchè) mi avevano equipaggiato di tutto;
2) qualche prof diverso dal modello fornito dalla Mutua (eh eh eh) che mi fece capire ciò che un prof NON DEVE FARE E/O DIRE....

Confrontando le sofferenze inflittemi dagli uni con le gioie dispensatemi dagli altri, capii ben presto qual'era la strada giusta.
Leggendo le tue parole, veramente terribili, mi rendo conto, ancora una volta, di che razza di responsabilitò abbiamo sulle spalle noi educatori e mi vengono i brividi.

Riprendo a scrivere ora, dopo aver passato un'oretta con una mia ex-scolara venuta a farmi gli auguri ancora una volta.
E da questa visita, amico, vorrei partire per darti un consiglio: lotta contro il pessimismo... che è come una cappa di piombo che ci impedisce di comunicare e di vivere serenamente.
Per quante esperienze negative tu possa aver patito, non puoi lasciarti trasportare da un sentimento che ti porta all'isolamento da tutte le cose belle della vita.
Ce ne sono tantissime brutte, sono d'accordo, ma tutte insieme non riescono ad offuscare un solo momento bello, che come un raggio di sole ci riscalda e ritempra.

Come il sorriso e la gratitudine di una ex-alunna, ormai donna, che si ricorda di un vecchio brontolone sparacchiatore a tempo perso.

Vanni
Avanti, Ariete!

Avatar utente
docpilot
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 11237
Iscritto il: 21/12/2010, 19:27
Località: Neapolis

Re: Rapporto insegnante-alunni (dopo 20 anni)

Messaggio da docpilot » 24/12/2010, 2:30

Caro Vanni, non avevi bisogno di chiarire l'origine della tua affermazione...il nostro spirito non si nutre di religione...non ne ha bisogno. Una delle tante conferme la hai avuta appunto da una ragazzina che ti ha "illuminato" in tutta la sua innocenza avendo pronunciato quelle poche parole in sincera semplicità, andando diritta al centro e annullando così la distanza tra te e la tua classe...Ti credo che non ti serve altro...
Saluti.
Immagine
Moglie che tace casa felice. Confucio.
La gente che grida parole violente non vede, non sente, non pensa per niente.
Immagine

lmn
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1307
Iscritto il: 21/12/2010, 14:43

Re: Rapporto insegnante-alunni (dopo 20 anni)

Messaggio da lmn » 24/12/2010, 13:14

Bravo Vanni....... e sopratutto auguri.... e auguri a tutti gli amici del Forum da LMN........ :D :P

Avatar utente
Marino.visconti
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 7701
Iscritto il: 21/12/2010, 14:14
Località: Gallia Cisalpina - Insubria

Re: Rapporto insegnante-alunni (dopo 20 anni)

Messaggio da Marino.visconti » 24/12/2010, 13:31

COMPLIMENTI...mi sono emozionato leggendo.......sono gradi soddisfazioni, complimenti di nuovo e auguri di buone feste.
Si vis pacem, para bellum
ImmagineImmagineImmagineImmagine

Avatar utente
dinomite
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 2482
Iscritto il: 22/12/2010, 0:21

Re: Rapporto insegnante-alunni (dopo 20 anni)

Messaggio da dinomite » 24/12/2010, 19:29

Winchester1894 ha scritto:E da questa visita, amico, vorrei partire per darti un consiglio: lotta contro il pessimismo... che è come una cappa di piombo che ci impedisce di comunicare e di vivere serenamente.
grazie per le belle parole.

Prima di venire qui a risponderti ho dovuto riflettere.

Realismo e pessimismo: difficile coglierne le sfumature e i distinguo che definiscono dove finisce uno e dove inizia l'altro.
Proprio in virtù di questo faccio davvero fatica a cogliere una ragione, un moto primo, in questa esistenza banale, già predeterminata ( e la balla che siamo padroni del proprio destino è solo retorica, al più vale per un caso su mille...forse ), eternamente imperfetta come imperfetto è il concetto stesso di genesi.

Al fine sono giunto alla conclusione che
« Nelle istituzioni esistenti, sostenute da immani forze di produzione e di distruzione, viene assimilata e mercificata ogni e qualsiasi protesta, persino quella dei Lumpen, ogni tentativo di lasciare la «nave dei folli». Se il metodo di Nietzsche può ancora aiutarci, allora l'unica forza che ci è rimasta è quella della cultura, della ragione. »
Mazzino Montinari avesse dannatamente ragione.
E mi mangio le mani se ripenso a tutti quei caproni che ho incontrato sul mio cammino formativo che non mi hanno saputo instillare l'amore per il sapere al di là della materia trattata e dei concetti espressi.
E mi incazzo per la fatica che faccio e per le energie che devo impiegare per riuscire a capire concetti che richiedono una solida base a monte, quella stessa base che proprio questi caproni mi avrebbero dovuto dare.
Senza avere alcuna certezza di essere, alla fine di tutto questo percorso, andato dalla parte giusta.
non esistono fatti solo interpretazioni.
F.Nietzsche

Avatar utente
Winchester1894
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 2597
Iscritto il: 21/12/2010, 21:45

Re: Rapporto insegnante-alunni (dopo 20 anni)

Messaggio da Winchester1894 » 24/12/2010, 20:56

Per scacciare i sofismi... ascolta il cuore!
Ho trovato più verità nei bambini che nei vecchi barbogi.

Vanni

ANCORA UNA VOLTA RINGRAZIO TUTTI GLI AMICI PER GLI AUGURI,
CHE CONTRACCAMBIO DI TUTTO CUORE!
Avanti, Ariete!

Rispondi