Meteo.

off topic, cioè fuori tema.
Rispondi
Avatar utente
sipowicz
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 14044
Iscritto il: 21/12/2010, 11:34
Località: Sud Salento

Meteo.

Messaggio da sipowicz » 30/11/2019, 12:42

.......................oggi mi prudono le mani e se il tempo mantiene vado a provare qualche carica diversa dal solito per la 527 sempre con palla sierra HPBT da 69 grs. dalla solita con 21,6 grani di S060 calo a 21,03 grs. e vedo cosa cambia e poi vai di ricamo con il revolver. :balletto: :banana:
E da qualche tempo che non risveglio l'SKS chi sa se ricordo ancora come usarlo, devo provare a riesumarlo dalla fuciliera e riscaldarlo un poco ho ancora delle Barnaul e Fiocchi nella dispensa dedicate al'SKS. :ciglia:
Ultima modifica di sipowicz il 30/11/2019, 12:49, modificato 1 volta in totale.
Quando il governo teme il popolo, c'è libertà. Quando il popolo teme il governo, c'è tirannia. Benjamin Franklin

Avatar utente
sipowicz
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 14044
Iscritto il: 21/12/2010, 11:34
Località: Sud Salento

Re: Meteo.

Messaggio da sipowicz » 30/11/2019, 16:50

...................allora fucile da sub?
Quando il governo teme il popolo, c'è libertà. Quando il popolo teme il governo, c'è tirannia. Benjamin Franklin

Avatar utente
sipowicz
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 14044
Iscritto il: 21/12/2010, 11:34
Località: Sud Salento

Re: Meteo.

Messaggio da sipowicz » 02/12/2019, 13:12

ranger.78 ha scritto:Almeno quello è di libera vendita! :haha:
..................per adesso di libera vendita.
Domenica sprecata non per il meteo ma a causa di improvvise e per giunta domenicali grane alla cava non si è potuto andare, peccato non ho potuto eliminare le ragnatele dalle canne vuol dire che prima della prossima sparacchiata faccio rifornimento di palle e polveri che cominciano a scarseggiare.
Quando il governo teme il popolo, c'è libertà. Quando il popolo teme il governo, c'è tirannia. Benjamin Franklin

Avatar utente
docpilot
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 11243
Iscritto il: 21/12/2010, 19:27
Località: Neapolis

Re: Meteo.

Messaggio da docpilot » 03/12/2019, 15:53

...e prima del fucile c'era il "freccino", almeno così lo chiamavamo noi ragazzini. Consisteva in un archetto costruito con tre stecche di ombrello (due accostate e la terza sopra di esse) avvolte in spire di nylon fatto passare nei fori all'estremità delle stecche, piegate ad arco e assicurate da vari nodi del suddetto nylon fatto passare di nuovo nei fori opposti.
Il freccino era sempre una stecca di ombrello, privata del foro a un 'estremità, sfregata su pietra ruvida per appuntirla, mentre l'altro foro veniva tagliato nel mezzo per alloggiare il filo di nylon (una specie di cocca).
Completato il tutto, si otteneva un vero e proprio archetto con i vari freccini preparati come sopra descritto. Ottimo per i pesciolini da fondale: sogliole, tracine e anche per quelli liberi...
Quante fritturine...

Poi, diventato più grandicello, passai al miniministen...all'arbalete e al medisten... Ma sono ricordi di gioventù...La muta manco la guardo più... :mha:
Immagine
Moglie che tace casa felice. Confucio.
La gente che grida parole violente non vede, non sente, non pensa per niente.
Immagine

Avatar utente
docpilot
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 11243
Iscritto il: 21/12/2010, 19:27
Località: Neapolis

Re: Meteo.

Messaggio da docpilot » 03/12/2019, 17:05

...la nostra inventiva... :sigaro: :fischio: :ciglia:

C'era, inoltre, anche un metodo diverso dal freccino per pescare: la "buatta".
Consisteva in un barattolo di vetro chiaro e trasparente ricoperto da un panno al posto del coperchio e tenuto fermo da un elastico intorno al bordo superiore. Si praticava un foro al centro del tessuto e lo si immergeva in mare riempiendolo d'acqua. Poi lo si tirava su, sempre pieno d'acqua e si cospargeva di farina tutto il tessuto. Sopra e sotto. La farina infatti con l'acqua diventava una pasta appiccicosa che si attaccava saldamente al panno. Era un'ottima esca.
La buatta pronta all'uso veniva quindi immersa, vicino alla riva, delicatamente per non disperdere in acqua la farina attaccata al panno. Ci si allontanava di qualche metro e con le maschere osservavamo i pesci che andavano a banchettare con l'esca sul panno. Si trattava di una nassa primordiale. Infatti, una volta che nel barattolo entravano due o tre pesci partivamo come fulmini tappando il buco nel panno imprigionandoli.
Si portava allora la buatta a riva versando il prezioso contenuto in un secchio...e poi si ripeteva l'operazione...
Era un gioco che univa l'utile al dilettevole...Ci divertivamo così. Vallo a dire a questi "giovani d'oggi"... :barella:
Immagine
Moglie che tace casa felice. Confucio.
La gente che grida parole violente non vede, non sente, non pensa per niente.
Immagine

Rispondi