Sta famigerata Commissione del Catalogo

notizie dal mondo delle armi e delle munizioni
Gisto

Sta famigerata Commissione del Catalogo

Messaggio da Gisto » 28/07/2011, 9:33

Leggendo in giro per il Forum alcuni Thread dei quali molti postati nella sezione Armi forse perchè alcuni utenti pensano che quello che scrivono loro sia più importante di quello che scrivono gli altri e lo scrivono lì perchè è la sezione più frequentata,ho visto e rivisto che alcuni si sperticano per l'abolizione del Catalogo e altri solo per la Commissione.
Allora io non sono sicuro di aver capito bene e vorrei chiedere agli esperti di farmi un po' di chiarezza:
Se io sono un importatore devo chiedere a questa Commissione il permesso di importare la Glock tal dei tali con lunghezza di canna pincopallino e tacca di mira regolabile e di inserirla nel Catalogo Nazionale come arma sportiva.
Se la Commissione dice di no ti manda a far dei grugni (come diciamo a Bologna) altrimenti ti affibbia un numero e ti inserisce.La Commissione definisce quindi i parametri della catalogazione,non è in Parlamento e non può emanare leggi che dicano che con una sportiva non ci si può difendere o che non si può portare con l'apposito titolo.Spero fino a qui di essere andato bene!!!
Allora io non capisco,come può esistere il Catalogo senza la Commissione???Se non c'è lei e c'è il Catalogo chi decide le armi da inserire?Si istituisce un'altra Commissione?E se si elimina solo il Catalogo,la Commissione cosa fa???
Spero mi chiarirete le idee!!!

Grazie Anticipatamente!!!

ORDNANCE
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 3075
Iscritto il: 21/12/2010, 12:29

Re: Sta famigerata Commissione del Catalogo

Messaggio da ORDNANCE » 28/07/2011, 10:13

Infatti, il catalogo senza la commissione non può esistere. Ma nel progetto proposto dalla Lega, non si parla di abolire la commissione lasciando il catalogo, ma il contrario. Abolire il catalogo e lasciare la commissione. La quale, a questo punto, avrà il compito precipuo di spiegare al banco di prova quali caratteristiche devono avere le armi per essere considerate "non a raffica" (categoria A della direttiva europea). Con la differenza che se c'è il catalogo nazionale, le caratteristiche di un determinato modello di arma restano fisse per sempre. Se il catalogo nazionale non c'è più, come ho già spiegato, se la commissione si inventa che per considerare "non a raffica" un clone Ar15 dovrà avere il caricatore a forma di cazzo, allora TUTTI gli esemplari di quel modello dal giorno dopo dovranno avere il caricatore a forma di cazzo.

Avatar utente
zak68it
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1200
Iscritto il: 25/01/2011, 20:51
Località: Trani, BAT

Re: Sta famigerata Commissione del Catalogo

Messaggio da zak68it » 28/07/2011, 10:22

ORDNANCE ha scritto:Infatti, il catalogo senza la commissione non può esistere. Ma nel progetto proposto dalla Lega, non si parla di abolire la commissione lasciando il catalogo, ma il contrario. Abolire il catalogo e lasciare la commissione. La quale, a questo punto, avrà il compito precipuo di spiegare al banco di prova quali caratteristiche devono avere le armi per essere considerate "non a raffica" (categoria A della direttiva europea). Con la differenza che se c'è il catalogo nazionale, le caratteristiche di un determinato modello di arma restano fisse per sempre. Se il catalogo nazionale non c'è più, come ho già spiegato, se la commissione si inventa che per considerare "non a raffica" un clone Ar15 dovrà avere il caricatore a forma di cazzo, allora TUTTI gli esemplari di quel modello dal giorno dopo dovranno avere il caricatore a forma di cazzo.

EHM...ma eventualmente questi caricatori saranno limitati? e per la detenzione? sai qualcuno potrebeb usarli per violentare, stuprare....
Silent... leges inter arma.

Pivi
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 6729
Iscritto il: 22/12/2010, 19:02
Località: Loneriacco di Tarcento - Udine

Re: Sta famigerata Commissione del Catalogo

Messaggio da Pivi » 28/07/2011, 14:01

Ci sarebbe anche il banco di prova. Quando arriva l'arma il banco di prova registra comunque tutti i dati dimensionali. Basta metterli nel catalogo e festa finita
WHEN COMMISSIONS ARE ALL AROUND...GET DOWN TO WHISKEY
CERCO / SCAMBIO CARTUCCE INERTI E BOSSOLI...NEL CASO MANDATE UN PM !
Immagine
ImmagineImmagine
CIAO DAL...

Gisto

Re: Sta famigerata Commissione del Catalogo

Messaggio da Gisto » 28/07/2011, 14:05

Pivi ha scritto:Ci sarebbe anche il banco di prova. Quando arriva l'arma il banco di prova registra comunque tutti i dati dimensionali. Basta metterli nel catalogo e festa finita
Grazie Pivi!!! :october:

Avatar utente
wardog
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 5732
Iscritto il: 21/12/2010, 16:29

Re: Sta famigerata Commissione del Catalogo

Messaggio da wardog » 28/07/2011, 16:07

Allora, bimbi miei, capiamo una cosa fondamentale:

1)L'italia e' un regime. Soft finche' si vuole,ma e' un RE-GI-ME.

Anziche' la tortura e la segregazione, qui soffriamo la morte economica, ci stanno depredando sempre di piu' con mezzi molto piu' sofisticati di una dittatura.

2)Il regime e' retto e amministrato dalla burocrazia. che e' la mano del potere, ma cresciuta talmente tanto da diventare un organismo senziente, con ramificazioni a ogni livello della vita sociale.

3)Ogni singolo atto, processo, relazione in italia e' sancito da NORME e da REGOLAMENTI. E' il metodo con cui la burocrazia si sostenta. Il Medium con cui acquisice status di necessita' immutabile. Meno le regole sono interpretabili, chiare, inequivocabili, piu' la burocrazia e' giustificata. Piu' la spesa viene ripartita. Un organismo senziente, che si preserva.

E voi pensavate che un organismo si faccia uccidere senza opporre resistenza? Vana speranza. I comunicati stampa sono l'urlo dell'organismo per essere stato minacciato.

Il furore dell'organismo promana dalla sua necessita' di CRESCERE.

Purtroppo, e lo dico veramente con tristezza, non abbiamo nessuno strumento legale per intervenire. Perche' uno dei primi atti che l'organismo burocrazia fa' per assicurare la sua sopravvivenza, e' sganciare se stesso dal popolo. Altrimenti, ne sarebbe servitore, come dovrebbe essere, e non padrone incontrastato.

Il punto in cui ci troviamo ora e' possibile vista la nostra storia. I nostri geni.

E' una vita che veniamo dominati, castrati, che mangiamo dalla mano del padrone. Perche' tante bastonate abbiamo preso, da averci spezzato anche la volonta' di agire uniti. Punto.

Nessuna speranza se non una tabula rasa. E sapete tutti cosa significa questo.
COST QUEL CHE COST, IL PIU' FIGO L'E' CHRIS COST...

Avatar utente
dinomite
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 2482
Iscritto il: 22/12/2010, 0:21

Re: Sta famigerata Commissione del Catalogo

Messaggio da dinomite » 28/07/2011, 16:17

diavolo di un WarDog, ogni volta che scrivi mi meravigli.

Mi ricordi tanto quei personaggi dei film di fantapolitica che dopo una apocalisse radunano intorno a se i pochi rimasti vivi e creano delle comunità uomo-centriche.

Bella l'immagine della burocrazia come di un Leviatano.

Non fossi in un posto inculato e isolato da due mezzi che mi terrorizzano : l'acqua e l'aria, mi piacerebbe davvero conoscerti per scambiare quattro chiacchiere con te.
non esistono fatti solo interpretazioni.
F.Nietzsche

aim
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 5743
Iscritto il: 23/12/2010, 16:16

Re: Sta famigerata Commissione del Catalogo

Messaggio da aim » 28/07/2011, 16:26

L'attuale iter prevede di richiedere la catalogazione di un'arma, la CC riceve la richiesta di parere ed emette il parere stesso (per le armi sportive viene richiesto un parere aggiuntivo, mi pare del CONI), il parere non e' vincolante perche' il Ministero puo' fare quello che vuole.

La questione Catalogo / Commissione e', in prospettiva, piu' complessa, ovviamente al Ministero gli e' preso un colpo ed e' normale che una burocrazie difenda se stessa, debbo pero' dire che non solo le evoluzioni sono normalmente molto piu' efficaci delle rivoluzioni ma anche che ormai e' stato detto talmente tutto ed il contrario di tutto che, persino avanti ai piu' che benevoli Giudici Amministrativi, le posizioni del Ministero stanno devenendo giorno dopo giorno sempre piu' indifendibili mentre davanti ai Giudici Civili la FISAT o altre associazioni possono gia' ottenere vittorie ragionevolmente sicure e dispendiose per i responsabili che difenderanno pure la loro burocrazia ma allo stipendio ci tengono.

Cordialmente
aim

raffica
Livello 2
Livello 2
Messaggi: 424
Iscritto il: 29/12/2010, 15:53

Re: Sta famigerata Commissione del Catalogo

Messaggio da raffica » 28/07/2011, 18:33

Gisto ha scritto:Leggendo in giro per il Forum alcuni Thread dei quali molti postati nella sezione Armi forse perchè alcuni utenti pensano che quello che scrivono loro sia più importante di quello che scrivono gli altri e lo scrivono lì perchè è la sezione più frequentata,ho visto e rivisto che alcuni si sperticano per l'abolizione del Catalogo e altri solo per la Commissione.
Allora io non sono sicuro di aver capito bene e vorrei chiedere agli esperti di farmi un po' di chiarezza:
Se io sono un importatore devo chiedere a questa Commissione il permesso di importare la Glock tal dei tali con lunghezza di canna pincopallino e tacca di mira regolabile e di inserirla nel Catalogo Nazionale come arma sportiva.
Se la Commissione dice di no ti manda a far dei grugni (come diciamo a Bologna) altrimenti ti affibbia un numero e ti inserisce.La Commissione definisce quindi i parametri della catalogazione,non è in Parlamento e non può emanare leggi che dicano che con una sportiva non ci si può difendere o che non si può portare con l'apposito titolo.Spero fino a qui di essere andato bene!!!
Allora io non capisco,come può esistere il Catalogo senza la Commissione???Se non c'è lei e c'è il Catalogo chi decide le armi da inserire?Si istituisce un'altra Commissione?E se si elimina solo il Catalogo,la Commissione cosa fa???
Spero mi chiarirete le idee!!!

Grazie Anticipatamente!!!
Caro Gisto.
Prova a guardare la faccenda da un punto di vista leggermente diverso.
Perchè esistono le armi sportive ,comuni e da caccia?
Perchè esiste un catalogo e una commissione che li..."cataloga".
Ora immagina per un momento che le armi rispondano solo ed esclusivamente agli articoli 1 e 2 della legge 110/75 .
Ci sarebbero solo armi permesse o vietate,al limite si può fare una lista delle armi proibite ,visto che in Italia scrivere faldoni di carta piace tanto,per la caccia c'è la legge che ne regola l'uso ,per il resto sarebbe molto più facile ,per uso sportivo ci pensano le varie Federazioni ,come d'altronde già fanno ,a ammettere o meno un'arma nel circuito delle gare e se ci pensi bene ,ancora non è chiaro perchè non posso utilizzare un'arma sportiva per difendermi....
per il resto ...beh ,buon divertimento.....

oizirbaf
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 13838
Iscritto il: 21/12/2010, 13:26
Località: Gallia cisalpina

Re: Sta famigerata Commissione del Catalogo

Messaggio da oizirbaf » 28/07/2011, 18:46

Eh, il cane da guerra ha proprio tutte le ragioni!
Il tragico, poi, si mesce al ridicolo che, agli occhi dei non addetti, diventa follia!
Ricordate i tempi pre autocertificazione: certif. di nascita, di residenza, di cittadinanza....
Macchecc.. li avevano tutti li, sulla carta d'identità che, fotocopiata ed autenticata dal ricevente avrebbe risolto il problema!
Dicunt, tradunt, ferunt che l'impero Romano crollò in causa della sopravvenuta burocrazia....
Oizirbaf :nooo:
Rem tene, verba sequentur.

aim
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 5743
Iscritto il: 23/12/2010, 16:16

Re: Sta famigerata Commissione del Catalogo

Messaggio da aim » 28/07/2011, 18:53

La 110 del 1975 e' chiarissima nel definire le armi da guerra, infatti recita "sono armi da guerra le armi di ogni specie che, per la loro spiccata potenzialità di offesa, sono o possono essere destinate al moderno armamento delle truppe nazionali o estere per l'impiego bellico,", una volta non esistevano il catalogo e la Commissione ed infatti tutte le armi si consideravano da guerra sulla semplice base di quanto scritto sopra.

Le pistole permesse erano ovviamente qualle in calibro 6,35 in calibro 7,65 BR, in calibro 30Luger ed erano permesse anche quelle in calibro 9 Steyr, le altre erano tutte ovviamente proibite, occasionalmente capitava qualche buontempone che pero' osservava che la Gendarmeria Pontificia, corpo militare straniero, aveva le beretta 6,35 che quindi erano armi da guerra, poi anche le beretta 34 e 35 in 7,65 erano in uso alla Polizia, allora militare, quindi considerabili da guerra etc. se queste considerazioni si facevano tra appassionati in armeria si concludevano con qualche inquiettudine tra i presenti se le faceva un PM si concludevano con uno o piu' arresti.

Ovviamente anche le armi lunghe avevano le loro limitazioncine, di possedere un M4 in 223 ovviamente neanche si sognava, si aveva l'M16 in 222, l'AK in 6mm PPC, il Garand in 270 Win, l'L1A1 ed i FAL Belgi erano in genere in 243 Win mentre il 91 era semplicemente da guerra.

Cordialmente
aim

Avatar utente
kappevale
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 2439
Iscritto il: 21/12/2010, 23:32

Re: Sta famigerata Commissione del Catalogo

Messaggio da kappevale » 28/07/2011, 20:15

aim ha scritto:Ovviamente anche le armi lunghe avevano le loro limitazioncine, di possedere un M4 in 223 ovviamente neanche si sognava, si aveva l'M16 in 222, l'AK in 6mm PPC, il Garand in 270 Win, l'L1A1 ed i FAL Belgi erano in genere in 243 Win mentre il 91 era semplicemente da guerra.

Cordialmente
aim

brutte robe da ricordare, ma anche il catalogo fa i suoi bei danni oggi. Mi tocca vendere armi comuni ai privati per averne altre, e me le sarei tenute, come si fa a catalogare un thompson (con il calcio saldato) arma corta? E un bt96 carabina da caccia e un mke t94 pistola? E un'arma con tacca di mira regolabile senza del non regolabile è arma comune? gli darei tanti :bulli: a sto catalogo.

aim
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 5743
Iscritto il: 23/12/2010, 16:16

Re: Sta famigerata Commissione del Catalogo

Messaggio da aim » 28/07/2011, 22:23

Purtroppo il Catalogo, cosi' come ci ha potuto favorire ci ha anche danneggiato, sopratutto, sintetizzando gli esempi che hai portato, avendo un comportamento del tutto ondivago che ha finito per rendere il catalogo uno strumento di ulteriore confusione , insicurezza e mancato rispetto dei diritti, personalmente credo che ormai il catalogo abbia detto talmente tutto ed il contrario di tutto da essersi assolutamente sputtanato sino a rendere difficile una difesa di molti suoi provvedimenti anche ai Giudici piu' refrattari alla difesa dei diritti degli oplofili.

Cordialmente
aim

Avatar utente
giovannimerecano
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 8689
Iscritto il: 29/07/2011, 15:44
Località: Elba, Alabama, U.S.A.

Re: Sta famigerata Commissione del Catalogo

Messaggio da giovannimerecano » 31/07/2011, 5:00

Il catalogo e la commissione sono il sogno piu' bello di Obama, Hillary Cunton (Ooooops! Clinton!), Schumer, Nancy Pelosi, e tutti gli altri burarchi (monarchi burocratici) del Democrap (Oooops! Democrat) Party che vorrebbero ridurci come i vostri dittatorelli sia di destra che di sinistra (non c'e' differenza) hanno ridotto voi.
Ma il pericolo piu' grave che sta minacciando tutti gli oplofili del mondo sono le Nazioni Unite, che stanno proprio adesso mentre scrivo (beh, oggi magari no perche' e' sabato) discutendo un trattato internazionale sulle armi il cui scopo ultimo (neanche tanto recondito) e' il disarmamento totale di tutti i cittadini del mondo. Noi per il momento stiamo abbastanza bene, perche' per ratificare un trattato internazionale ci vogliono 2/3 dei senatori U.S., e tutti i senatori repubblicani, e un discreto numero di senatori democratici si sono dichiarati contro un trattato che diminuirebbe la nostra sovranita' e sarebbe contrario al Secondo Emendamento alla nostra costituzione, quello che sanziona il diritto di possedere e portare armi. Ma il presidente Puzzadisudore (le iniziali B.O. di Barack Obama in angloamericano significano puzza del corpo di persona sporca) e Hillary la Cornuta di Stato darebbero il cu1o per poter firmare tale trattato, sempreche' qualcuno lo volesse (il loro cu1o), cosa di cui dubito fortemente.

Nota del traduttore per coloro che non masticano l'inglese: Hillary "Cunton" e' un gioco di parole basato sulla parola "cunt," letteralmente (ma volgarmente) usato per indicare l'apparato sessuale femminile esterno, ma che in senso lato e metaforico ha il significato di "donna stupida e non di classe."
L'altro gioco di parole e' "Democrap." L'accezione del lemme "Crap" e' "sterco," o "robaccia inutile."
Per quelli che non lo sanno, io vivo negli Stati Uniti (ormai non troppo uniti per colpa di Obama) dal 1975, e fino alla fine dello scorso mese di maggio, quando sono andato in pensione, ero un insegnante di liceo (lingua e letteratura inglese, ecc.). Cio' spiega la mia predilezione--spesso noiosa--per i giochi di parole in lingua inglese.
La Glock e' un'ottima pistola per quelli che non sanno usare una 1911

NEMO ME IMPUNE LACESSIT


SOCIO SOSTENITORE FISAT

reset-N1
Livello 3
Livello 3
Messaggi: 878
Iscritto il: 09/02/2011, 14:00
Località: Milano, Francia meridionale, Cittadino del Mondo fido al Governor

Re: Sta famigerata Commissione del Catalogo

Messaggio da reset-N1 » 31/07/2011, 8:56

giovannimerecano ha scritto:Il catalogo e la commissione sono il sogno piu' bello di Obama, Hillary Cunton (Ooooops! Clinton!), Schumer, Nancy Pelosi, e tutti gli altri burarchi (monarchi burocratici) del Democrap (Oooops! Democrat) Party che vorrebbero ridurci come i vostri dittatorelli sia di destra che di sinistra (non c'e' differenza) hanno ridotto voi.
Ma il pericolo piu' grave che sta minacciando tutti gli oplofili del mondo sono le Nazioni Unite, che stanno proprio adesso mentre scrivo (beh, oggi magari no perche' e' sabato) discutendo un trattato internazionale sulle armi il cui scopo ultimo (neanche tanto recondito) e' il disarmamento totale di tutti i cittadini del mondo. Noi per il momento stiamo abbastanza bene, perche' per ratificare un trattato internazionale ci vogliono 2/3 dei senatori U.S., e tutti i senatori repubblicani, e un discreto numero di senatori democratici si sono dichiarati contro un trattato che diminuirebbe la nostra sovranita' e sarebbe contrario al Secondo Emendamento alla nostra costituzione, quello che sanziona il diritto di possedere e portare armi. Ma il presidente Puzzadisudore (le iniziali B.O. di Barack Obama in angloamericano significano puzza del corpo di persona sporca) e Hillary la Cornuta di Stato darebbero il cu1o per poter firmare tale trattato, sempreche' qualcuno lo volesse (il loro cu1o), cosa di cui dubito fortemente.

Nota del traduttore per coloro che non masticano l'inglese: Hillary "Cunton" e' un gioco di parole basato sulla parola "cunt," letteralmente (ma volgarmente) usato per indicare l'apparato sessuale femminile esterno, ma che in senso lato e metaforico ha il significato di "donna stupida e non di classe."
L'altro gioco di parole e' "Democrap." L'accezione del lemme "Crap" e' "sterco," o "robaccia inutile."
Per quelli che non lo sanno, io vivo negli Stati Uniti (ormai non troppo uniti per colpa di Obama) dal 1975, e fino alla fine dello scorso mese di maggio, quando sono andato in pensione, ero un insegnante di liceo (lingua e letteratura inglese, ecc.). Cio' spiega la mia predilezione--spesso noiosa--per i giochi di parole in lingua inglese.
Squallida quanto inutile descrizione che tenta in modo improbabile un parallelismo con i nostri problemi riguardanti il catalogo nazionale e la commissione, ma il cui solo scopo aberrante è in realtà quello della denigrazione nei confronti dell'attuale Presidente degli Stai Uniti e di Hillary Clinton, con la patetica "pezzuola" del piccolo richiamo di far attenzione all'ONU. Complimenti! Perché non glielo dici in faccia ad Obama e alla Clinton o gli scrivi una lettera FIRMATA identica ha quella che hai scritto qui? O ti piace e hai il "pavido CORAGGIO" di essere sprezzante soltanto dietro la tastiera nella tradizione del buon buffone frustrato con la vocazione di servo di quei guerrafondai dei Bush?

Chiunque tu sia (o per chiunque altro pensi di farti passare attraverso un così preciso nick o alias...)
questo è quel che ci vuole.

Immagine
Ultima modifica di reset-N1 il 31/07/2011, 9:42, modificato 2 volte in totale.
http://www.youtube.com/watch?v=7fbjTYSZvC8

Se la volontà c'è, un modo si trova. Albert Einstein

Quando sarò famoso, se ci vedremo su un treno diretto ad ovest, fingeremo di non esserci mai incontrati.
(Bob Dylan)

Avatar utente
giovannimerecano
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 8689
Iscritto il: 29/07/2011, 15:44
Località: Elba, Alabama, U.S.A.

Re: Sta famigerata Commissione del Catalogo

Messaggio da giovannimerecano » 31/07/2011, 9:35

Reset, a me non me ne frega niente di Bush, McCain, o altri. Se a te piace Obama vienitelo a prendere e portatelo via. Per me Democrat o Republican come ideologia o altro non significa niente. Quelli che sono contro il diritto alle armi, come Obama, Clinton, e altri invece li odio. Infatti ho votato per Democrats che (rarae aves) erano in favore delle armi e della caccia, e contro Republicans (rarae aves anche questi) che erano contro armi e caccia. Io ogni anno do' parecchio denaro alla NRA, che poi aiuta i candidati politici che sono dalla parte dei possessori di armi e cacciatori, e a me poco importa che siano di destra o di sinistra, basta che proteggano i miei diritti garantiti dal Secondo Emendamento. Per me il diritto alle armi e' l'unica cosa che interessi. Chi lo oppone e' mio nemico. E visto che la grande maggioranza dei Democrats sono anti-armi e anti-caccia, li reputo miei nemici. Hai capito? Probabilmente no, ma non me ne frega molto. Ma tornando a noi, visto che di cio' che accade negli U.S. non ne sai proprio niente, devo purtroppo dirti che il tuo tono verso di me e' abbastanza cafone, ma siccome tu ti nascondi dietro la TUA tastiera, ti viene il coraggio di parlarmi in una maniera che di certo non useresti di fronte a me. Forse dovresti imparare a non usare argomenti ad hominem. Se non sai che cosa significhi, domandalo a qualcuno. E adesso ciao, e goditi tutte le nuove regole che Commissioni e Cataloghi vari ti hanno imposto, e che qui, grazie a Dio, alla NRA, e alla maggioranza Repubblicana nella House adesso, e probabilmente nel Senato nel 2012 (l'anno in cui B.O. fa le valigie e se ne torna a casa sua) probabilmente non esisteranno--almeno per qualche anno ancora.
E adesso tornatene da dove sei venuto, e se vuoi discutere con me fallo in maniera educata, o non ti rispondo piu'.
La Glock e' un'ottima pistola per quelli che non sanno usare una 1911

NEMO ME IMPUNE LACESSIT


SOCIO SOSTENITORE FISAT

reset-N1
Livello 3
Livello 3
Messaggi: 878
Iscritto il: 09/02/2011, 14:00
Località: Milano, Francia meridionale, Cittadino del Mondo fido al Governor

Re: Sta famigerata Commissione del Catalogo

Messaggio da reset-N1 » 31/07/2011, 9:40

E sarei io il cafone in rapporto a quello che hai detto tu su Obama e la Clinton?
Dovrei discutere con te? Non credo proprio, mi basta aver integrato il mio PRECEDENTE messaggio.
Un'altra cosa: tornatene tu da dove sei venuto.
E CHIUDO
http://www.youtube.com/watch?v=7fbjTYSZvC8

Se la volontà c'è, un modo si trova. Albert Einstein

Quando sarò famoso, se ci vedremo su un treno diretto ad ovest, fingeremo di non esserci mai incontrati.
(Bob Dylan)

Avatar utente
ninurta69
Livello 2
Livello 2
Messaggi: 471
Iscritto il: 29/12/2010, 12:57
Località: Sardegna

Re: Sta famigerata Commissione del Catalogo

Messaggio da ninurta69 » 31/07/2011, 12:06

:laurea:
Signori, per favore non "mangiamoci" fra di noi !

Volete che i nostri nemici, niente affatto virtuali, ci considerino "...pocos, locos e maleunidos !" cioè pochi, un pò matti e DISUNITI .

La ns forza è stare insieme per raggiungere il ns scopo libertario, ed in questo giovannimericano ha, a mio parere, assolutamente ragione. :october:

Tu invece reset-1, sempre a mio parere, non dovresti commettere l'errore di trascinare i ns obbiettivi in ideologie perchè in questo modo si perde di vista l'obbiettivo principale. Ognuno di noi ha le sue idee politiche, ma qui non c'entrano.

E' chiaro che giovannimericano NON ama Obama, e ne ha tutte le ragioni, a te invece sembrerà un grande presidente, per me è totalmente indifferente e lo giudico solo per le sue azioni, MA TUTTO QUESTO ESULA DAL CONTESTO DI QUESTO FORUM.

Un'altra cosa vorrei dire e, reset-1 non ti offendere e prendila per critica costruttiva, effettivamente il tuo intervento era mal espresso e poteva apparire un pò offensivo nei confronti di giovannimericano, che quindi giustamente si è risentito :cazz: .

Propongo, io per primo :angelo: , di stare più attenti al linguaggio ed ai toni che possono essere fraintesi....abbiamo già tanti, troppi nemici e non mi sembra il caso che ci ammazziamo tra noi .

STIAMO UNITI ! :amici:
Nessuno resta indietro! Viene lasciato, abbandonato o dimenticato!

reset-N1
Livello 3
Livello 3
Messaggi: 878
Iscritto il: 09/02/2011, 14:00
Località: Milano, Francia meridionale, Cittadino del Mondo fido al Governor

Re: Sta famigerata Commissione del Catalogo

Messaggio da reset-N1 » 31/07/2011, 14:20

Ninurta: un conto è l'intervento fatto da questo (per me SEDICENTE) mr. "giovannimerecano" nell'altro 3d, un conto è l'intervento qui fatto nel dire che Obama puzza e che la Clinton è cornuta che alle prossime elezioni andranno a casa, e che a parte il fatto di stare attenti all'ONU niente altro aveva da dire se non soltanto come sua offensiva opinione politica e ideologica, e mooolto OT riguardo la situazione che ci interesserebbe come appassionati, cosa che nell'altra discussione invece ha, forse approssimativamente, cercato meglio di spiegare.
Mentre sul fatto di non divedersi, Ti faccio presente che una banale iniziativa da estendersi a tutti o unitaria, come quella di una raccolta firme (cosa che dovrebbe normalmente essere proposta nella prassi d'azione di una qualsiasi associazione sindacale, ecc., perciò anche di FISAT in primis), l'ha suggerita banalmente il sottoscritto, un semplice medio utente di un forum, ed è stata raccolta per ora solo da AUDA: quindi caro Ninurta, risparmiami il sermone fuori luogo che qua nessuno è fesso, entiendes?
Altro che ideologie.
mamma mia, che bassa capacità di critica si sta via via manifestando qui nel forum.
http://www.youtube.com/watch?v=7fbjTYSZvC8

Se la volontà c'è, un modo si trova. Albert Einstein

Quando sarò famoso, se ci vedremo su un treno diretto ad ovest, fingeremo di non esserci mai incontrati.
(Bob Dylan)

Avatar utente
ninurta69
Livello 2
Livello 2
Messaggi: 471
Iscritto il: 29/12/2010, 12:57
Località: Sardegna

Re: Sta famigerata Commissione del Catalogo

Messaggio da ninurta69 » 31/07/2011, 15:17

.dubbio: uhmmm ! :off:

"risparmiami il sermone fuori luogo che qua nessuno è fesso, entiendes?"

Veramente "non intiendo" :ninzo: quello che vuoi dire e non capisco proprio a cosa ti riferisci.

Ti trovo invece piuttosto aggressivo nell'esprimere le tue opinioni contro altri partecipanti al Forum....ma dimmi non sarà che il famigerato TROLL :satana: alla fine sei tu ?

In genere qui ognuno è libero di esprimere, anche in maniera colorità come ha fatto giovannimericano (che non conosco), la propria opinione :bla: e gli altri di rispondere senza (regola del forum) insultare gli altri partecipanti.
Mi sembra di capire che tu ti reputi l'unico del forum che "capisce", "comprende", "intuisce" e che "...non è fesso" etc... :laurea: non ti sembra di essere un pò presuntuoso ?

Torniamo dunque TUTTI, me compreso, con i piedi per terra e torniamo ad occuparci SERIAMENTE dei ns problemi :idea: di appassionati/tiratori/cacciatori/utilizzatori di armi, che sono davvero tanti .
Nessuno resta indietro! Viene lasciato, abbandonato o dimenticato!

Rispondi