La risposta di FISAT

notizie dal mondo delle armi e delle munizioni
Gisto

Re: La risposta di FISAT

Messaggio da Gisto » 26/07/2011, 16:25

Jackgio ha scritto:Ci mancavano proprio quelli che mettono in dubbio l'operato della Fisat, per fortuna sono pochi e forse non sapete il lavoro fatto per difendere le singole persone da problemi "giuridici".
Ecco appunto...è stato gentilmente chiesto che cosa è stato fatto dalla Fisat...tu lo sai e puoi dircelo per cortesia? :october: :october: :october:

Avatar utente
Maske
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 2012
Iscritto il: 23/12/2010, 14:31

Re: La risposta di FISAT

Messaggio da Maske » 26/07/2011, 16:27

ORDNANCE ha scritto:Aim, sei la lucidità fatta persona.
E la Fisat, finora, sta cercando solo di dividerci.
Io caro ordnance dubito sia di quelli che esaltano la Fisat che di quelli che la vedono come il fumo negli occhi.
In una fase come questa dove (ho già scritto più volte) dovremmo essere tutti uniti, vedo aprire troppe discussioni polemiche nei confronti di chi in un modo o nell'altro ha provato a fare qualcosa. Sembra quasi che il problema qui non sia la commissione, il catalogo e tutto il resto...ma la Fisat. Stiamo divagando...le cose si possono fare meglio questo è indubbio ma la giusta via non credo che sia quella di attaccarsi tra riviste/forum/Fisat/Auda e compagnia cantante....
Bisognerebbe organizzare un incontro (magari a Milano) fra i vari rappresentanti per guardarsi bene negli occhi.....e parlare.
Ottenere cento vittorie su cento battaglie non è il massimo dell’abilità: vincere il nemico senza bisogno di combattere,
quello è il trionfo massimo

Avatar utente
corsica1
Livello 2
Livello 2
Messaggi: 451
Iscritto il: 09/03/2011, 14:31
Località: milano
Contatta:

Re: La risposta di FISAT

Messaggio da corsica1 » 26/07/2011, 16:32

la mia domanda è stata

loro dicono ....
... che il verbale integrale è questo
http://www.campagnafisat.it/www.campagn ... ggio_1.pdf
e lo dicono qui
http://www.campagnafisat.it/www.campagn ... FISAT.html
Ciao
Maurizio

da chi di dovere
la risposta è stata :
il verbale è composto da 23 pagine

d'altra parte la parola stralcio non dovrebbe lasciare spazio a fraintendimenti
Saluti
Corsica
Maurizio Piccolo
socio fondatore AUDA
http://www.auda.it

Avatar utente
Maske
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 2012
Iscritto il: 23/12/2010, 14:31

Re: La risposta di FISAT

Messaggio da Maske » 26/07/2011, 16:45

corsica1 ha scritto:la mia domanda è stata

loro dicono ....
... che il verbale integrale è questo
http://www.campagnafisat.it/www.campagn ... ggio_1.pdf
e lo dicono qui
http://www.campagnafisat.it/www.campagn ... FISAT.html
Ciao
Maurizio

da chi di dovere
la risposta è stata :
il verbale è composto da 23 pagine

d'altra parte la parola stralcio non dovrebbe lasciare spazio a fraintendimenti
Saluti
Corsica
Ciao Maurizio :)
Se il verbale è composto di 23 pagine può voler dire tutto o niente...se c'è qualcosa che può chiarire le cose dovrebbero tirarla fuori, se invece i punti salienti sono solo nello stralcio...dire che c'è dell'altro ma rimanere vaghi puzza un po'...capisci cosa intendo? Se nelle restanti pagine hanno parlato di altro ci interessa? No. Se nelle restanti pagine c'è la prova che qualcuno ha preso un abbaglio e meritano delle scuse (dubito un pelino...) allora che ce le facciano vedere. Ci vuole chiarezza non credi?
Ottenere cento vittorie su cento battaglie non è il massimo dell’abilità: vincere il nemico senza bisogno di combattere,
quello è il trionfo massimo

Avatar utente
malvaco
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1792
Iscritto il: 20/03/2011, 3:47

Re: La risposta di FISAT

Messaggio da malvaco » 26/07/2011, 16:51

piccola osservazioone per i "lealisti":Fisat non ha scatenato nessuna guerra,ha solo pubblicate un verbale interessante,che evidentemente i giornalisti non erano interessati a pubblicare o commentare...E' partito tutto dalla risposta di un'associato Conarmi ,che ha lodato il lavoro del suo presidente,riguardo il blocco delle catalogazioni delle armi simil-militari...Ora dato che nessuno loda qualcuno senza un motivo valido...le cose sono due o "l'armaiolo" non ha capito nulla di ciò che ha fatto il suo presidente o è uno scagnozzo di Fisat che si è sostituito a Fontana...
PORGI L'ALTRA GUANCIA...

ricarica1
Livello 3
Livello 3
Messaggi: 896
Iscritto il: 22/12/2010, 1:07

Re: La risposta di FISAT

Messaggio da ricarica1 » 26/07/2011, 17:08

Mi permetto di entrare nella discusione,solamente x dire che nessuno immagino che è nel mondo optofilo possa pensare di migliorare questo nostro"mondo" limitandolo in maniera "asfisiante" con regole "demenziali".
Solamente che con una certa lucidità intelletuale chi legge lo stralcio del verbale incriminato capisce che le cose vanno nella maniera da me prima menzionata!Perciò invito tutti a "remare" nella direzione giusta, sia coloro che dovrebbero rappresentare questo mondo sia le riviste che lo seguono ( ci rimetterebbero tutti,se fosse il contrario). :giudice:

ORDNANCE
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 3075
Iscritto il: 21/12/2010, 12:29

Re: La risposta di FISAT

Messaggio da ORDNANCE » 26/07/2011, 17:13

Ah, quindi Fisat non ha scatenato nessuna guerra? Ma se sono mesi che parla solo di boicottare questo e boicottare quello? Ma se sono giorni che continuano a farcire i loro comunicati con parole apocalittiche sul tono "se non sei con noi, sei contro di noi?" Malvaco, ma dove vivi?

Avatar utente
corsica1
Livello 2
Livello 2
Messaggi: 451
Iscritto il: 09/03/2011, 14:31
Località: milano
Contatta:

Re: La risposta di FISAT

Messaggio da corsica1 » 26/07/2011, 17:16

malvaco ha scritto:piccola osservazioone per i "lealisti":Fisat non ha scatenato nessuna guerra,ha solo pubblicate un verbale interessante,che evidentemente i giornalisti non erano interessati a pubblicare o commentare...E' partito tutto dalla risposta di un'associato Conarmi ,che ha lodato il lavoro del suo presidente,riguardo il blocco delle catalogazioni delle armi simil-militari...Ora dato che nessuno loda qualcuno senza un motivo valido...le cose sono due o "l'armaiolo" non ha capito nulla di ciò che ha fatto il suo presidente o è uno scagnozzo di Fisat che si è sostituito a Fontana...
non mescoliamo carte ed argomenti
il titolo era contro conarmi e pedersoli prendendo spunto da una lettera di fontana associato conarmi
come io scrissi caso tipico di diffamazione
se c'è un legale presente che confuti la mia affermazione
saluti
corsica
Maurizio Piccolo
socio fondatore AUDA
http://www.auda.it

raffica
Livello 2
Livello 2
Messaggi: 424
Iscritto il: 29/12/2010, 15:53

Re: La risposta di FISAT

Messaggio da raffica » 26/07/2011, 17:18

ORDNANCE ha scritto:Ah, quindi Fisat non ha scatenato nessuna guerra? Ma se sono mesi che parla solo di boicottare questo e boicottare quello? Ma se sono giorni che continuano a farcire i loro comunicati con parole apocalittiche sul tono "se non sei con noi, sei contro di noi?" Malvaco, ma dove vivi?
Caro Ordnance.
Se ,e ripeto se alla fine le cose si aggiusteranno ,nel senso che la commissione ritornerà sui suoi passi e toglierà quelle norme a dir poco assurde perchè con la pubblica sicurezza non hanno niente a che fare datti una bella pacca sulla spalla ,ricordatelo! :medioevo: :furboni:

ORDNANCE
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 3075
Iscritto il: 21/12/2010, 12:29

Re: La risposta di FISAT

Messaggio da ORDNANCE » 26/07/2011, 17:35

La pacca sulla spalla, se le cose si rimetteranno a posto, non me la devo dare io, né darla alla Fisat. La pacca sulla spalla dovrà essere data all'unico imprenditore CON GLI ATTRIBUTI che ha avuto il coraggio di contestare con i mezzi che la legge gli mette a disposizione un assurdo giuridico. L'azienda si chiama Guns trade, l'imprenditore viene di conseguenza.
QUESTO A FUTURA MEMORIA.
Ps: sai ai membri ministeriali della commissione quanto gliene frega del boicottaggio a Pedersoli?
Pps: sai ai membri ministeriali della commissione quanto fa piacere di trovarsi coinvolti in un procedimento penale intentato da Guns trade?
Se ti soffermi a ragionare su questo, non tarderai a capire chi fa grancassa e chi fa cose utili.

reset-N1
Livello 3
Livello 3
Messaggi: 878
Iscritto il: 09/02/2011, 14:00
Località: Milano, Francia meridionale, Cittadino del Mondo fido al Governor

Re: La risposta di FISAT

Messaggio da reset-N1 » 26/07/2011, 17:39

Mah, ho letto la risposta ufficiale di Pedersoli, e se lui si prende UFFICIALMENTE in pubblico la responsabilità di scrivere che la FISAT ha commesso l'imprudente ingenuità di prendere solo stralci del verbale ma non l'intero verbale dal quale risulterebbe anche l'assenza dello stesso Pedersoli in certe sedute dove invece gli vengono attribuite sue affermazioni, mentre era assente, beh se ciò risultasse essere vero... credo che tale ingenuità sindacale ridimensioni sensibilmente la stima fin qui avuta in Fisat.

Mi auguro che non sia così o proprio così, speriamo, perché su questo preciso delicato punto FISAT non ha detto nulla.
Ultima modifica di reset-N1 il 26/07/2011, 17:48, modificato 2 volte in totale.
http://www.youtube.com/watch?v=7fbjTYSZvC8

Se la volontà c'è, un modo si trova. Albert Einstein

Quando sarò famoso, se ci vedremo su un treno diretto ad ovest, fingeremo di non esserci mai incontrati.
(Bob Dylan)

Avatar utente
Jackgio
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 183
Iscritto il: 22/12/2010, 19:25

Re: La risposta di FISAT

Messaggio da Jackgio » 26/07/2011, 17:44

Gisto ha scritto:
Jackgio ha scritto:Ci mancavano proprio quelli che mettono in dubbio l'operato della Fisat, per fortuna sono pochi e forse non sapete il lavoro fatto per difendere le singole persone da problemi "giuridici".
Ecco appunto...è stato gentilmente chiesto che cosa è stato fatto dalla Fisat...tu lo sai e puoi dircelo per cortesia? :october: :october: :october:
A me basta e avanza quello che ha fatto l'anno scorso per la ricarica. E tu che cosa hai fatto? Hai avuto le palle per mandare qualche mail?
Immagine

Avatar utente
Jackgio
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 183
Iscritto il: 22/12/2010, 19:25

Re: La risposta di FISAT

Messaggio da Jackgio » 26/07/2011, 17:46

ORDNANCE ha scritto:Ah, quindi Fisat non ha scatenato nessuna guerra? Ma se sono mesi che parla solo di boicottare questo e boicottare quello? Ma se sono giorni che continuano a farcire i loro comunicati con parole apocalittiche sul tono "se non sei con noi, sei contro di noi?" Malvaco, ma dove vivi?
La Fisat si è limitata a dirci la verità di quello che è sucesso in commissione, l'unica che ha avuto il coraggio di farlo.
Immagine

Gisto

Re: La risposta di FISAT

Messaggio da Gisto » 26/07/2011, 17:46

Jackgio ha scritto: A me basta e avanza quello che ha fatto l'anno scorso per la ricarica. E tu che cosa hai fatto? Hai avuto le palle per mandare qualche mail?
Tu che hai le palle e a quanto pare la memoria mi dici esattamente cosa hanno fatto per la ricarica?
Io non mando mail,la Fisat è a cento metri da casa mia!!! :bla: :bla: :bla:

Avatar utente
Jackgio
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 183
Iscritto il: 22/12/2010, 19:25

Re: La risposta di FISAT

Messaggio da Jackgio » 26/07/2011, 17:47

ORDNANCE ha scritto:La pacca sulla spalla, se le cose si rimetteranno a posto, non me la devo dare io, né darla alla Fisat. La pacca sulla spalla dovrà essere data all'unico imprenditore CON GLI ATTRIBUTI che ha avuto il coraggio di contestare con i mezzi che la legge gli mette a disposizione un assurdo giuridico. L'azienda si chiama Guns trade, l'imprenditore viene di conseguenza.
QUESTO A FUTURA MEMORIA.
Ps: sai ai membri ministeriali della commissione quanto gliene frega del boicottaggio a Pedersoli?
Pps: sai ai membri ministeriali della commissione quanto fa piacere di trovarsi coinvolti in un procedimento penale intentato da Guns trade?
Se ti soffermi a ragionare su questo, non tarderai a capire chi fa grancassa e chi fa cose utili.
per fortuna ci sei tu che ci illumini.
Immagine

Avatar utente
Jackgio
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 183
Iscritto il: 22/12/2010, 19:25

Re: La risposta di FISAT

Messaggio da Jackgio » 26/07/2011, 17:48

Gisto ha scritto:
Jackgio ha scritto: A me basta e avanza quello che ha fatto l'anno scorso per la ricarica. E tu che cosa hai fatto? Hai avuto le palle per mandare qualche mail?
Tu che hai le palle e a quanto pare la memoria mi dici esattamente cosa hanno fatto per la ricarica?
Io non mando mail,la Fisat è a cento metri da casa mia!!! :bla: :bla: :bla:
occhio che sono vicino anche io a casa tua, mi pare che hai la memoria un po corta e bolognese.
Immagine

wesson
Livello 3
Livello 3
Messaggi: 899
Iscritto il: 23/12/2010, 19:11

Re: La risposta di FISAT

Messaggio da wesson » 26/07/2011, 17:50

Mi sembra di capire quanto segue:
Per importare un “black rifle” (ma poi mi vengono pensieri orrendi perché nel minestrone si parla di “armi di derivazione militare”, che detta tra noi potrebbe essere anche la pistola…), bisogna presentare il progetto dal quale risulti che le dimensioni della scatola di scatto sia INFERIORE all’equivalente militare. Far controllare al BPN che ciò corrisponda a quanto disposto e solo allora il simil-militare potrà essere importato.
Quindi i fabbricanti esteri dovranno fare il Simil-Miliatre per il paese dei cachi, con la scatola di scatto di dimensioni inferiori dall’originale.
“Cui prodest”?
Alla sicurezza del paese? Ovvero: non ti posso trasformare un Black Rifle in Militar Rifle perché ha la scatola di scatto più piccola?
Solo in Italia si può arrivare a questa aberrante conclusione.
Quindi a parte le “paturnie” che da sempre affliggono chi decide sulle armi, di per se la disposizione in oggetto non risolverebbero nulla se non nella mente dei burocrati del MinInt. Perché in pratica un Black Rifle (che ammazza tanto quanto una Pink Rifle), farà, se usato dall’impazzito di turno, dei bei danni anche con la scatola di scatto di dimensioni ridotte.
Quindi non “prodest” alla sicurezza nazionale.
Ed allora a chi conviene?
Vedrei una salita di prezzi del prodotto importato che dovrà essere riprogettato o addirittura fabbricato “ad usum delphini” per il “povero italiano”. Quindi una disaffezione del prodotto simil-militare estero. Il ragionamento quindi potrebbe essere “il Colt mi costa troppo e quindi prendo un Beretta, un nazionale insomma”.
Oppure: “ il Norinco, visto che è un prodotto così e così, mi costa troppo… e poi non è più fedele all’originale… quindi mi butto all’ “avancarica” (improbabile ma possibile).
Così, seguendo questo ragionamento (lo ammetto, mio ed insano), abbiamo scoperto a “cui prodest” e cioè al fabbricante nazionale.
Quindi nulla da stupirsi se i Fabbricanti hanno escogitato una “astensione” parziale o cosa accidenti sia successo, al fine di parare i loro interessi. Chiaramente non quelli dei tiratori italiani che si vedranno scomparire dal mercato italiano, appunto i fucili di derivazione militare.
Una sorta di “protezionismo” all’importazione, camuffato da alto senso del bene del cittadino e cioè la scomparsa dal mercato nazionale dell’arma di derivazione militare.
Il famoso verbale certifica che l’indirizzo è questo e che il Consorzio Fabbricanti ha voltato la testa da un’altra parte. Invece di dire: “NO I FUCILI DI DERIVAZIONE MILITARE, VANNO BENE COSI’!!!” Senza tante menate. Almeno a me così’ sembra.
Poi tutte le giustificazioni alla guisa di politici scafati, non contano nulla.
L’operato della Fisat, organizzazione nata da poco e da poco operante, DEVE essere “aggressivo”.
Per il semplice motivo che quelli “anti-armi” e ministeriali che in tutte le maniere hanno cercato di cancellarci dal territorio, mica sono mai andati leggeri!
Anzi: hanno sempre cercato di fare “più male possibile”.
Ben venga una Fisat indiavolata e combattiva. Finalmente la controparte si accorgerà di avere un interlocutore forte e non i soliti appassionati della domenica che finita la processione passata la festa, che finito il 3D al forum di armi, e chisseneimporta.
Secondo me la Fisat fa bene e se nello specifico non fosse andata con i guanti di velluto, beh, è una vita che gli “altri” con gli appassionati d’armi, non ci sono andati con i guanti di velluto, ma a mazzate delle più brutali (mi viene da ridere pensando la Catalogo nazionale, al 9x21, ai rituali che dovevano imporci con la nuova direttiva europea)…
Finalmente abbiamo chi prende le nostre parti e sembra gente corredata con gli “attributi”, e leggo che secondo alcuni, la Fisat non si è proprio comportata bene, che doveva essere più “attenta” ecc. ecc. Ed il bello è che questi pensieri sono partoriti da “appassionati di armi”.
Pur di essere dall’ “altra parte”, cosa si escogiterebbe un italiano. Guelfi e Ghibellini… bianchi e neri, sinistra e destra, limone o fragola. Mah! Pur che riusciamo con tutti i distinguo, a prenderlo in quel posto.
Saluti da un Wesson molto perplesso.

Gisto

Re: La risposta di FISAT

Messaggio da Gisto » 26/07/2011, 17:52

Jackgio ha scritto: occhio che sono vicino anche io a casa tua, mi pare che hai la memoria un po corta e bolognese.
Quindi???? cosa vuoi fare tu che hai le palle???

Avatar utente
malvaco
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1792
Iscritto il: 20/03/2011, 3:47

Re: La risposta di FISAT

Messaggio da malvaco » 26/07/2011, 17:53

ORDNANCE ha scritto:La pacca sulla spalla, se le cose si rimetteranno a posto, non me la devo dare io, né darla alla Fisat. La pacca sulla spalla dovrà essere data all'unico imprenditore CON GLI ATTRIBUTI che ha avuto il coraggio di contestare con i mezzi che la legge gli mette a disposizione un assurdo giuridico. L'azienda si chiama Guns trade, l'imprenditore viene di conseguenza.
QUESTO A FUTURA MEMORIA.
Ps: sai ai membri ministeriali della commissione quanto gliene frega del boicottaggio a Pedersoli?
Pps: sai ai membri ministeriali della commissione quanto fa piacere di trovarsi coinvolti in un procedimento penale intentato da Guns trade?
Se ti soffermi a ragionare su questo, non tarderai a capire chi fa grancassa e chi fa cose utili.
l'unica cosa che Guns Trade ha fatto è stato pubblicare una inutile lettera aperta in cui si lamentava dei suoi guai causati dalla commissioni...niente di più e niente di utile...ha solo minacciato di andare in tribunale,MA CHE ASPETTA A FARLO? Che la commissione, intimorita dalle sue minacce,seeee,faccia il suo dovere e quindi GT possa continuare il suo lavoro fregandosene poi del resto del comparto?
PORGI L'ALTRA GUANCIA...

Avatar utente
Jackgio
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 183
Iscritto il: 22/12/2010, 19:25

Re: La risposta di FISAT

Messaggio da Jackgio » 26/07/2011, 17:54

wesson ha scritto:Mi sembra di capire quanto segue:
Per importare un “black rifle” (ma poi mi vengono pensieri orrendi perché nel minestrone si parla di “armi di derivazione militare”, che detta tra noi potrebbe essere anche la pistola…), bisogna presentare il progetto dal quale risulti che le dimensioni della scatola di scatto sia INFERIORE all’equivalente militare. Far controllare al BPN che ciò corrisponda a quanto disposto e solo allora il simil-militare potrà essere importato.
Quindi i fabbricanti esteri dovranno fare il Simil-Miliatre per il paese dei cachi, con la scatola di scatto di dimensioni inferiori dall’originale.
“Cui prodest”?
Alla sicurezza del paese? Ovvero: non ti posso trasformare un Black Rifle in Militar Rifle perché ha la scatola di scatto più piccola?
Solo in Italia si può arrivare a questa aberrante conclusione.
Quindi a parte le “paturnie” che da sempre affliggono chi decide sulle armi, di per se la disposizione in oggetto non risolverebbero nulla se non nella mente dei burocrati del MinInt. Perché in pratica un Black Rifle (che ammazza tanto quanto una Pink Rifle), farà, se usato dall’impazzito di turno, dei bei danni anche con la scatola di scatto di dimensioni ridotte.
Quindi non “prodest” alla sicurezza nazionale.
Ed allora a chi conviene?
Vedrei una salita di prezzi del prodotto importato che dovrà essere riprogettato o addirittura fabbricato “ad usum delphini” per il “povero italiano”. Quindi una disaffezione del prodotto simil-militare estero. Il ragionamento quindi potrebbe essere “il Colt mi costa troppo e quindi prendo un Beretta, un nazionale insomma”.
Oppure: “ il Norinco, visto che è un prodotto così e così, mi costa troppo… e poi non è più fedele all’originale… quindi mi butto all’ “avancarica” (improbabile ma possibile).
Così, seguendo questo ragionamento (lo ammetto, mio ed insano), abbiamo scoperto a “cui prodest” e cioè al fabbricante nazionale.
Quindi nulla da stupirsi se i Fabbricanti hanno escogitato una “astensione” parziale o cosa accidenti sia successo, al fine di parare i loro interessi. Chiaramente non quelli dei tiratori italiani che si vedranno scomparire dal mercato italiano, appunto i fucili di derivazione militare.
Una sorta di “protezionismo” all’importazione, camuffato da alto senso del bene del cittadino e cioè la scomparsa dal mercato nazionale dell’arma di derivazione militare.
Il famoso verbale certifica che l’indirizzo è questo e che il Consorzio Fabbricanti ha voltato la testa da un’altra parte. Invece di dire: “NO I FUCILI DI DERIVAZIONE MILITARE, VANNO BENE COSI’!!!” Senza tante menate. Almeno a me così’ sembra.
Poi tutte le giustificazioni alla guisa di politici scafati, non contano nulla.
L’operato della Fisat, organizzazione nata da poco e da poco operante, DEVE essere “aggressivo”.
Per il semplice motivo che quelli “anti-armi” e ministeriali che in tutte le maniere hanno cercato di cancellarci dal territorio, mica sono mai andati leggeri!
Anzi: hanno sempre cercato di fare “più male possibile”.
Ben venga una Fisat indiavolata e combattiva. Finalmente la controparte si accorgerà di avere un interlocutore forte e non i soliti appassionati della domenica che finita la processione passata la festa, che finito il 3D al forum di armi, e chisseneimporta.
Secondo me la Fisat fa bene e se nello specifico non fosse andata con i guanti di velluto, beh, è una vita che gli “altri” con gli appassionati d’armi, non ci sono andati con i guanti di velluto, ma a mazzate delle più brutali (mi viene da ridere pensando la Catalogo nazionale, al 9x21, ai rituali che dovevano imporci con la nuova direttiva europea)…
Finalmente abbiamo chi prende le nostre parti e sembra gente corredata con gli “attributi”, e leggo che secondo alcuni, la Fisat non si è proprio comportata bene, che doveva essere più “attenta” ecc. ecc. Ed il bello è che questi pensieri sono partoriti da “appassionati di armi”.
Pur di essere dall’ “altra parte”, cosa si escogiterebbe un italiano. Guelfi e Ghibellini… bianchi e neri, sinistra e destra, limone o fragola. Mah! Pur che riusciamo con tutti i distinguo, a prenderlo in quel posto.
Saluti da un Wesson molto perplesso.
Quoto e straquoto
Immagine

Rispondi