RACCOLTA FONDI

notizie dal mondo delle armi e delle munizioni
Rispondi
Avatar utente
bundesliga
Livello 3
Livello 3
Messaggi: 767
Iscritto il: 23/02/2013, 22:01

RACCOLTA FONDI

Messaggio da bundesliga » 26/10/2015, 12:12

Sul gruppo FB di Armi e Tiro sta girando un Iban per la roccolta di soldi in favore di Sicignano, se la rivista garantisce e quindi ammette di non fidarsi delle parole di Maroni, sono disposto a farlo girare in decine e decine di gruppi con migliaia di iscritti.
Se invece è un'iniziativa avventata di qualcuno per farsi pubblicità, credo che sia di dubbio gusto.
Immagine

Avatar utente
bundesliga
Livello 3
Livello 3
Messaggi: 767
Iscritto il: 23/02/2013, 22:01

Re: RACCOLTA FONDI

Messaggio da bundesliga » 28/10/2015, 11:55

Probabilmente l'iban che gira è davvero di questo signore, pure lui del resto sta facendo il giro delle TV dalla D'Urso a Giletti per raccontare come ha steso il ladro..mi sembra che si stia esagerando...
Immagine

Avatar utente
corsica1
Livello 2
Livello 2
Messaggi: 451
Iscritto il: 09/03/2011, 14:31
Località: milano
Contatta:

Re: RACCOLTA FONDI

Messaggio da corsica1 » 02/11/2015, 18:52

E' i suo IBAN. Perchè andrebbe condannato e perchè si sarebbe scavato la fossa? Noi come associazione verseremo dei soldi che abbiamo raccolto, dove sta la pubblicità negativa? Sarebbe meglio comportarsi da perfetti carbonari e vergognarsi di quello che è un diritto, la legittima difesa? Quello che dobbiamo stare attenti e non dare la sponda agli anti armi ma la dfesa armata fa parte dei diritti sanciti ancora prima della scoperta delle armi da fuoco!
Saluti
Corsica
Maurizio Piccolo
socio fondatore AUDA
http://www.auda.it

Avatar utente
corsica1
Livello 2
Livello 2
Messaggi: 451
Iscritto il: 09/03/2011, 14:31
Località: milano
Contatta:

Re: RACCOLTA FONDI

Messaggio da corsica1 » 02/11/2015, 20:06

L'errore non è che lui l'abbia detto, l'errore è lasciar intendere che hanno ragione quelli che prendono l'argomentazione come un'aggravante. Se io tengo un cacciavite in casa è facile che quando mi serve lo uso, come uso qualsiasi utensile o mezzo mi arrivi in mano quando mi difendo legittimamente ed in una casa dove la palazzina è abitata tutta da parenti anche essere sulle scale è come essere in casa. Poi in tribunale si sosterrà quanto da sostenere ma se è vero che ha sparato in casa è un aggravante non una condizione sine qua non si possa evitare la colpa. Poi mi fa da ridere uno coi calzini infilati nelle mani cosa era entrato per chiedere soccorso perchè gli si era fermata la macchina? I citofoni a cosa servono? Non colpevolizziamoci più del dovuto altrimenti come dico sempre io i più pericolosi per noi detentori legali di armi sono i detentori stessi.
Saluti
Corsica
Maurizio Piccolo
socio fondatore AUDA
http://www.auda.it

Avatar utente
corsica1
Livello 2
Livello 2
Messaggi: 451
Iscritto il: 09/03/2011, 14:31
Località: milano
Contatta:

Re: RACCOLTA FONDI

Messaggio da corsica1 » 02/11/2015, 21:31

Non prendere le mie parole come la voglia di essere più bravo o sicuro ma sono solo l'espressione di una mia convinzione. Qui in Italia siamo una massa di pecoroni, ci lasciamo tosare e secondo me invece dovremo farci rispettare anche perchè come titolari di pda siamo persone per forza di cose integerrime, dall'anima candida e pulita, mentre chi viene in casa nostra non può dire le stesse cose. Quindi dobbiamo farci rispettare e non farci mettere i piedi in testa da questo mondo di capre costituito da giudici, politici e scheletri legiferanti negli armadi che riescono a partorire la denuncia dei caricatori ad alta capacità come la lotta al terrorismo. Ma ti rendi conto quale offesa alla nostra intelligenza?
Saluti
Corsica
Maurizio Piccolo
socio fondatore AUDA
http://www.auda.it

Avatar utente
corsica1
Livello 2
Livello 2
Messaggi: 451
Iscritto il: 09/03/2011, 14:31
Località: milano
Contatta:

Re: RACCOLTA FONDI

Messaggio da corsica1 » 03/11/2015, 15:32

Il 13 ore 20.30 a Gorgonzola via Oberdan ci sarà un dibattito con la presenza di Sicgnano, se partecipano solo anti armi è ovvio che siamo battuti. Io ci sarò
Saluti
Corsica
Maurizio Piccolo
socio fondatore AUDA
http://www.auda.it

jrs

Re: RACCOLTA FONDI

Messaggio da jrs » 04/11/2015, 0:26

Purtroppo per certi impegni il 13 a Gorgonzola non riesco ad esserci, Maurizio.

Entrando in argomento, se per esempio ci si chiede perché Sicignano non abbia sparato prima in aria, oppure perché, per giustificare in qualche modo di averlo fatto, non abbia almeno sparato subito dopo sul soffitto, la risposta a mio modo di vedere non può essere che duplice:
- la prima è quella che il ladro era veramente più vicino, ormai in casa o quasi e non sulle scale.
- la seconda è quella che invece non lo abbia fatto proprio per poter sostenere che le cose non possono essere andate che così (anche se invece il malfattore in quel momento era ancora sulle scale).

Comunque sia, anche le scale, in quanto pertinenze dell'abitazione, rientrano nell'area di giustificato uso delle armi stabilito dalla legge attuale per la legittima difesa.

Diverso INVECE è il caso di un abitante di Trento a cui hanno tolto il PDA, intervenuto telefonicamente qualche ora fa nella trasmissione "La zanzara" di Radio 24:

un ladro nel tentare di rompere la serranda del box per rubare l'auto del proprietario (la persona intervenuta alla radio), si era accorto della presenza nell'abitazione del proprietario e stava fuggendo, ma il proprietario che lo inseguiva lo ha preso a pugni e poi sbattuto contro il cancello della recinzione causandogli un'apertura sulla testa che all'ospedale ha richiesto 10 punti di sutura. Ora è evidente che lì la legittima difesa non c'era, ma solo la volontà di colpire il malfattore, magari anche se giustificata nelle intenzioni come possibile ammonimento per il futuro. Tuttavia, mi spiace per l'abitante di Trento, ma il suo agire evidentemente aggressivo non rientra affatto nella legittima difesa, per questo gli hanno tolto il PDA. E forse visto anche che ancora oggi lui dice pubblicamente ad una radio "Io uccido" (quasi scimmiottando il killer del romanzo di Faletti), be' hanno fatto bene a toglierglielo, il PDA.
Purtroppo sono proprio individui come questo che determinano rigidità e inasprimento delle norme e fanno il gioco di chi vorrebbe toglierci la possibilità di detenere armi. E alla fine per noi legittimi detentori si rivelano poi essere solo avversi. IMO.
:october:

Avatar utente
SniperElite
Livello 3
Livello 3
Messaggi: 691
Iscritto il: 02/04/2012, 16:17

Re: RACCOLTA FONDI

Messaggio da SniperElite » 04/11/2015, 1:58

jrs ha scritto:...Comunque sia, anche le scale, in quanto pertinenze dell'abitazione, rientrano nell'area di giustificato uso delle armi stabilito dalla legge attuale per la legittima difesa. ..
Gioverà ricordare che il problema non si pone tanto in relazione al tema "scale=pertinenza dell'abitazione=possibile applicazione art.52 comma 2 c.p.", quanto al cosiddetto "pericolo immediato", ovvero quel particolare nesso che deve sussistere tra offesa (sebbene non concretizzata) e difesa.
In soldoni occorrerà stabilire se il Sicignano ha sparato in condizione di concreto ed immediato pericolo (nel qual caso verrebbe riconosciuta la legittima difesa) o no.
Immagine

Avatar utente
corsica1
Livello 2
Livello 2
Messaggi: 451
Iscritto il: 09/03/2011, 14:31
Località: milano
Contatta:

Re: RACCOLTA FONDI

Messaggio da corsica1 » 04/11/2015, 12:09

Purtroppo come al solito siamo noi favore delle armi che facciamo del male a chi detiene armi.
Prima di tutto non bisogna costruire nessuna ipotesi sull'informazione giornalistica che è la peggiore che esista.
Seconda cosa si spara in aria quando la distanza lo permette, scala o casa il ladro era talmente vicino che se armato al momento che uno sparava in aria lui avrebbe sparato alla persona e quindi perchè sparare in aria? La casa di Sicignano non è un condominio, gli appartamenti sono separati ma alla fine è un appartamento unico in quanto ai vari piani abitano figli, moglie e nipoti quindi è normale che uno chiuso il portone ha chiuso la porta di casa e le scale sono parte dell'appartamento, quindi il pm è inutile che cerchi segni di scasso per un delinquente che con i calzini indossati sulle mani non voleva lasciare impronte e teneva una lampada che risultava essere un'arma impropria, in fin dei conti non aveva suonato per entrare al citofono perchè rimasto in panne con la macchina.
Torniamo alla realtà e non facciamoci infinocchiare dagli antiarmi, i buonisti, i giudici ed i legislatori che la realtà l'hanno abbandonata da un pezzo.
Saluti
Corsica
Maurizio Piccolo
socio fondatore AUDA
http://www.auda.it

jrs

Re: RACCOLTA FONDI

Messaggio da jrs » 04/11/2015, 14:57

Infatti Maurizio, io ho proprio detto questo se lo rileggi. Se non ha sparato in aria perché era già troppo vicino, e se non lo ha fatto almeno dopo è perché essendo le cose andate così non aveva bisogno di giustificare il suo comportamento. Ho detto anche che potrebbe non averlo fatto, dopo, proprio per sostenere ciò, indipendentemente dal fatto che il malintenzionato fosse o no sulle scale. Che ho aggiunto sono parte dell'abitazione o sua pertinenza.

Non credo che qui occorra considerare il dubbio se c'era o no il pericolo immediato come ha detto SniperElite. Infatti, anche se non conta niente a mio/nostro modesto parere per ciò che è stato riferito pubblicamente, in questo caso e in quella situazione il pericolo c'era, eccome.
Giuse
:october: :october:
Ultima modifica di jrs il 06/11/2015, 22:19, modificato 2 volte in totale.

calcifer
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 88
Iscritto il: 20/09/2013, 9:37

Re: RACCOLTA FONDI

Messaggio da calcifer » 04/11/2015, 17:53

permettete, ma finchè non sarà fatta chiarezza sulla vicenda, io non ho alcuna intenzione di donare soldi a chicchessia.
Per quanto ne so io Sicignano avrebbe anche potuto comportarsi in maniera sconsiderata, contraria sia alla legge che al buon senso che ai principi della legittima difesa.
Non lo sto colpevolizzando, ci mancherebbe, ma vorrei prima che si capisse come sono andati i fatti.

Mi ha colpito molto una cosa che ho letto, e che non credo sia frutto della fantasia dei giornalisti.... ovvero che a seguito dei primi accertamenti, dato che Sicignano continuava a sostenere di aver sparato all'intruso in casa, e più precisamente in cucina, gli inquirenti gli avrebbero chiesto : ma scusi, lei per sparare è prima salito su una sedia ?
Questo perchè il colpo è arrivato dall'alto verso il basso.

Se ha sparato ad uno che aveva già desistito dalla minaccia e stava scappando giù per le scale, ce ne son poche di balle... ha sbagliato.

Rispondi