70 anni di libertà!

notizie dal mondo delle armi e delle munizioni
jrs

Re: 70 anni di libertà!

Messaggio da jrs » 20/04/2015, 14:25

Bruciare libri, come i Nazisti (come demolire i santuari di una religione diversa da parte dell'ISIS) per frantumare la cultura di un popolo di cui si vuole disintegrarne la presenza sulla faccia della terra è solo una parte di quello che non bisognerebbe mai mettere sullo stesso livello.
Il Presidente ha forse voluto proprio intendere che, indipendentemente dall'epoca in cui ora viviamo, è questo l'errore di aver voluto mettere negli ultimi decenni tutti sullo stesso piano o, per così dire, pari dignità ad "aguzzini e rivoltosi" .

D'altra parte comincio a comprendere che insistere invece, nel voler storicamente fare di tutta l'erba un fascio, non è che l'altra faccia nascosta di un "falso buonismo all'italiana" che a volte qui tutti critichiamo ma che inconsapevolmente o consapevolmente, alcuni ne fanno invece parte.
E allora io penso che chi continua storicamente nel mettere tutto insieme con:
"chi avuto avuto avuto, chi ha dato ha dato ha dato... scordiamoci il passato... "
O è un coglione o, nel migliore dei casi non si rende conto che è, inconsapevolmente, in malafede.
E di certo questo erroneo modo di pensare non è una base seria su cui aspirare ad un popolo migliore e democraticamente maturo . Solo ammettendo i diversi livelli di colpa e di responsabilità è possibile invece farlo, altrimenti non si va da nessuna parte e si finisce per perseverare ottusamente nel mantenimento di uno status quo che nel voler mettere tutto a un pari livello anziché tendere a pacificare è, al contrario, solo divisivo.

Saluti

Avatar utente
docpilot
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 11245
Iscritto il: 21/12/2010, 19:27
Località: Neapolis

Re: 70 anni di libertà!

Messaggio da docpilot » 20/04/2015, 14:43

Giuseppe la storia non si fa con i se e con i ma.
Da una parte ci sono i vincitori e dall'altra ci sono i perdenti.
I vincitori hanno e avranno sempre e irrimediabilmente ragione.
Il fatto che siano vincitori non li rende però invincibili e la Storia (quella con la S maiuscola) che è maestra di vita, dovrebbe insegnare a chi ha vinto a non infierire sugli sconfitti.
La magnanimità del vincitore è un gradino in salita che può guadagnargli non dico l'invincibilità, ma avvicinarlo a essa.
:october:
Immagine
Moglie che tace casa felice. Confucio.
La gente che grida parole violente non vede, non sente, non pensa per niente.
Immagine

jrs

Re: 70 anni di libertà!

Messaggio da jrs » 20/04/2015, 15:09

docpilot ha scritto:Giuseppe la storia non si fa con i se e con i ma.
Da una parte ci sono i vincitori e dall'altra ci sono i perdenti.
I vincitori hanno e avranno sempre e irrimediabilmente ragione.
Il fatto che siano vincitori non li rende però invincibili e la Storia (quella con la S maiuscola) che è maestra di vita, dovrebbe insegnare a chi ha vinto a non infierire sugli sconfitti.
La magnanimità del vincitore è un gradino in salita che può guadagnargli non dico l'invincibilità, ma avvicinarlo a essa.
:october:
Caro Carlo, ma chi fa la Storia con i se e con i ma? E chi infierisce contro gli sconfitti?
Celebrare la Liberazione non è infierire...
Allora le giornate della Memoria vogliono dire infierire? Oppure tener presente l'attenzione affinché non si verifichino più scempi del genere?

Essere magnanimi non significa mescolare, strumentalmente, dal punto di vista storico oggettive e palesi colpe. Proprio questo ha voluto far intendere > il presidente Mattarella.
E poi attenzione a non ricadere, pur con onestà intellettuale, ma inconsapevolmente, in una malintesa e impropria magnanimità che invece non è altro figlia che di un atavico falso buonismo all'italiana. Non so se mi spiego.
:october:

Avatar utente
docpilot
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 11245
Iscritto il: 21/12/2010, 19:27
Località: Neapolis

Re: 70 anni di libertà!

Messaggio da docpilot » 20/04/2015, 15:31

jrs ha scritto: Caro Carlo, ma chi fa la Storia con i se e con i ma? E chi infierisce contro gli sconfitti?
Celebrare la Liberazione non è infierire...
Allora le giornate della Memoria vogliono dire infierire? Oppure tener presente l'attenzione affinché non si verifichino più scempi del genere?

Essere magnanimi non significa mescolare, strumentalmente, dal punto di vista storico oggettive e palesi colpe. Proprio questo ha voluto far intendere > il presidente Mattarella.
E poi attenzione a non ricadere, pur con onestà intellettuale, ma inconsapevolmente, in una malintesa e impropria magnanimità che invece non è altro figlia che di un atavico falso buonismo all'italiana. Non so se mi spiego.
:october:
Vedi caro Giuseppe, la Seconda Guerra Mondiale la hanno vinta gli Alleati, non i partigiani, dei quali gli Alleati stessi non avevano poi un gran bisogno (Gen. Alexander docet).
Si celebra la liberazione...ma sarebbe più corretto definirla conquista di un territorio nemico da parte degli Alleati con la conseguente sconfitta dell'avversario. A quei tempi così si ragionava...Anche se dopo si è festeggiato, ma solo da una parte...
Purtroppo, finita la guerra, in Alta Italia si è vissuto un periodo terribile, nonostante fosse tornata la pace. Periodo dettato e macchiato da un odio politico e ideologico, così profondo da aver lasciato i suoi solchi fino ai giorni nostri.
Una riconciliazione ci vorrebbe una volta e per tutte...senza rimanere più fermi sulle proprie posizioni.
Infine, quelli che hanno combattuto veramente in quegli anni, dall'una o dall'altra parte, oggi se sono ancora vivi, saranno degli arzilli novantenni...facenti parte di una ormai limitatissima schiera...e sono gli unici aventi diritto a parlare.
Chi, come noi, ha avuto la fortuna di non vivere in quello sciagurato periodo dovrebbe comprendere la lezione e comportarsi di conseguenza nella migliore delle maniere...IMHO
Immagine
Moglie che tace casa felice. Confucio.
La gente che grida parole violente non vede, non sente, non pensa per niente.
Immagine

lupo69
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 7048
Iscritto il: 21/12/2010, 19:06
Località: Highland Liguri (GE)

Re: 70 anni di libertà!

Messaggio da lupo69 » 20/04/2015, 15:42

Per arrivare al passo del Faiallo, appennino ligure, c' e' un posto chiamato
" 59 martiri " ... 59 perché uno e' riuscito a scappare, gli altri trucidati dai nazifascisti...
Pochi km più in la verso Savona, 250 maro' sono sepolti senza insegne trucidati
dai partigiani... Tutti morti, tutti italiani, alcuni ricordati con cerimonie,
altri nell' oblio...
E se si parla con qualcuno, ormai pochissimi, che c' era, nega...
Da una parte o dall' altra, tutti hanno un armadio con le porte rivolte verso il muro
e per quanto mi riguarda, l' ex ministro che non ha riconosciuto le malattie
dei nostri militari reduci dai balcani e/o missioni similari, può dire quello che vuole
non lo considero il mio rappresentante nel mondo....
"se le armi saranno bandite, solo i banditi saranno armati"
"un popolo che non vuole portare le proprie armi, portera' quelle di qualcun altro"

jrs

Re: 70 anni di libertà!

Messaggio da jrs » 20/04/2015, 15:57

D'accordo caro Carlo. Ma mi pare di ricordare che già nel '43 già gran parte degli Italiani avevano voltato le spalle al Fascismo. Indipendentemente dallo sbarco degli alleati. E comunque è come dire con un esempio in parte improprio che i barbari o altri che scesero in Italia sono da mettere sullo stesso livello di quelli che nella nostra penisola li hanno subiti e avrebbero voluto opporsi.

A me o come per esempio al Presidente Mattarella e come a molti altri non convince affatto una magnanimità buonista, "alla Veltroni" o magari addirittura "alla Pansa", che pone allo stesso livello o quasi "aguzzini e vittime", a me sembra una VERA ipocrisia e infatti lo è.
Di questo passo e con questi ragionamenti, tra un po' arriviamo magari a dire che i campi di concentramento, forse, non esistevano davvero, che l'hanno inventato i vincitori perché la storia la scrivono i vincitori, un po' alla "negazionista" maniera.
Ma a parte ciò e senza voler ora esagerare, certo che si può essere magnanimi, ma senza confondere i ruoli ...

Adesso è definitivamente chiaro?

Ciao :october:

Per Lupo69, concordo pienamente con Te, ma solo per curiosità chi è quell'ex ministro?

:october:
Ultima modifica di jrs il 20/04/2015, 16:15, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
docpilot
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 11245
Iscritto il: 21/12/2010, 19:27
Località: Neapolis

Re: 70 anni di libertà!

Messaggio da docpilot » 20/04/2015, 16:08

jrs ha scritto:
Adesso definitivamente chiaro?

Ciao :october:
Non si tratta di chiaro o scuro o di quello che dice Mattarella...Si tratta del fatto che mantenendo le proprie posizioni e non volendosi venire incontro, le cose rimarranno così come sono sempre state, fino a che l'oblio e il tempo le stempereranno e poi le cancelleranno quasi del tutto...
Come ho detto alla fine del mio post, noi abbiamo avuto la fortuna di non vivere quegli anni terribili...per cui riuscire a comprendere la lezione dovrebbe portare in automatico a un comportamento propositivo e più comprensivo... :october:
Immagine
Moglie che tace casa felice. Confucio.
La gente che grida parole violente non vede, non sente, non pensa per niente.
Immagine

jrs

Re: 70 anni di libertà!

Messaggio da jrs » 20/04/2015, 16:18

docpilot ha scritto:
jrs ha scritto:
Adesso definitivamente chiaro?

Ciao :october:
... dovrebbe portare in automatico a un comportamento propositivo e più comprensivo... :october:
E su questo siano daccordo, mi pare di essere stato "chiaro"... :october:

Avatar utente
standard9
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 4553
Iscritto il: 11/01/2011, 7:48

Re: 70 anni di libertà!

Messaggio da standard9 » 20/04/2015, 16:59

Non bisogna travisare la storia e quindi essere un negazionista. L'olocausto degli ebrei c'è stato come c'è stato quello del popolo palestinese(ancora del tutto non esaurito). I 30 milioni di morti del comunismo di Stalin ci sono stati. No posso portare in rassegna tutti i bagni di sangue della storia ad opera di megalomani,incominciando dai condottieri Assiro babilonesi!
Rassegnamoci che non siamo alieni di un pianeta buono,ma figli di puttana di un pianeta malvagio.Tutti uguali? Certamente!
E questo non è buonismo,ma una logica considerazione storica.Che poi nell'anno ...A.C. i Tizi sono stati buoni e i Caii cattivi,mentre nell'anno ..D.C. tutto l'inverso è una pura coincidenza storica. E' necessario avere una visione globale dei fatti storici. Ritornando al 1943-45,ci sono ancora ferite aperte nelle nostre famiglie di italiani, pertanto non è ancora tempo commentarli senza scaldarsi! Tanto per ricordare e fare il 'buonista',i repubblichini stavano dalla parte di chi gestiva i campi di concentramento(senza saperlo) e i partigiani comunisti dalla parte di Tito(Le Foibe...) e Stalin con 30 milioni di morti sulla coscienza(ma manco ne erano al corrente). La bontà non sta da nessuna parte.E' solo il cammino della storia e l'avvicendamento inesorabile dei suoi eventi che fa la realtà! :sigaro:

ARpilot
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 25
Iscritto il: 17/04/2015, 17:08

Re: 70 anni di libertà!

Messaggio da ARpilot » 20/04/2015, 17:03

Credo che la confusione che a volte si trova in questi discorsi dipenda dal fatto che si mettono sullo stesso piano gli ideali e le persone che hanno combattuto per essi.
Ci piacerebbe avere un mondo nel quale dividere i buoni dai cattivi senza incertezze,ma questo lo si può fare solo per le persone e non per gli ideali per i quali hanno si lotta.Gli ideali possono essere alti e nobili,ma gli uomini purtroppo sono molto più piccoli e meschini.
Sicuramente tra i soldati tedeschi o i fascisti di Salò ci sono stati tantissimi che hanno combattuto valorosamente senza macchiarsi personalmente di crimini di guerra,così come tra i partigiani ci sono stati tanti che non andavano troppo per il sottile.
Ma il valore e la correttezza dei singoli individui, che va riconosciuta,non può servire a nobilitare un'ideale sbagliato.

Avatar utente
standard9
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 4553
Iscritto il: 11/01/2011, 7:48

Re: 70 anni di libertà!

Messaggio da standard9 » 20/04/2015, 17:17

ARpilot ha scritto:Credo che la confusione che a volte si trova in questi discorsi dipenda dal fatto che si mettono sullo stesso piano gli ideali e le persone che hanno combattuto per essi.
Ci piacerebbe avere un mondo nel quale dividere i buoni dai cattivi senza incertezze,ma questo lo si può fare solo per le persone e non per gli ideali per i quali hanno si lotta.Gli ideali possono essere alti e nobili,ma gli uomini purtroppo sono molto più piccoli e meschini.
Sicuramente tra i soldati tedeschi o i fascisti di Salò ci sono stati tantissimi che hanno combattuto valorosamente senza macchiarsi personalmente di crimini di guerra,così come tra i partigiani ci sono stati tanti che non andavano troppo per il sottile.
Ma il valore e la correttezza dei singoli individui, che va riconosciuta,non può servire a nobilitare un'ideale sbagliato.
Sono d'accordo con quello che tu dici,ma se focalizziamo il periodo a cui ci riferiamo vediamo due fazioni che si contendevano il domino dell'Europa,quella di Hitler e quella di Stalin.Il primo,spinto dal suo ideale(per noi sbagliato)della purezza della razza,si auspicava un futuro migliore,con un'umanità migliore,senza gente individualista(è incominciato tutto dall'egoismo ebraico,i banchieri soprattutto!) ma tutti all'unisono per tutti. lo stesso Stalin,spinto anche lui da un ideale,voleva un popolo unito che operava per lo Stato e quindi tutti per tutti! Entrambi,a modo loro,hanno elaborato una politica con il fine di unire un popolo che pensasse a tutti:una società salda e non alla Far West americana(Plutocratica),ovvero alla 'si salvi chi può'! In definitiva sono stati i protagonisti del secondo conflitto mondiale: due criminali macellai! Di nobiltà non ne vedo da nessuna parte. Di occasioni,vicende,respiro storico dell'umanità, quante ne vuoi!
Ultima modifica di standard9 il 20/04/2015, 17:19, modificato 1 volta in totale.

ARpilot
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 25
Iscritto il: 17/04/2015, 17:08

Re: 70 anni di libertà!

Messaggio da ARpilot » 20/04/2015, 17:30

standard9 ha scritto:
Sono d'accordo con quello che tu dici,ma se focalizziamo il periodo a cui ci riferiamo vediamo due fazioni che si contendevano il domino dell'Europa,quella di Hitler e quella di Stalin.Il primo,spinto dal suo ideale(per noi sbagliato)della purezza della razza,si auspicava un futuro migliore,con un'umanità migliore,senza gente individualista(è incominciato tutto dall'egoismo ebraico,i banchieri soprattutto!) ma tutti all'unisono per tutti. lo stesso Stalin,spinto anche lui da un ideale,voleva un popolo unito che operava per lo Stato e quindi tutti per tutti! Entrambi,a modo loro,hanno elaborato una politica con il fine di unire un popolo che pensasse a tutti:una società salda e non alla Far West americana(Plutocratica),ovvero alla 'si salvi chi può'!
La strada che porta all'inferno è lastricata di buone intenzioni......

Avatar utente
docpilot
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 11245
Iscritto il: 21/12/2010, 19:27
Località: Neapolis

Re: 70 anni di libertà!

Messaggio da docpilot » 20/04/2015, 18:16

jrs ha scritto:
E su questo siano daccordo, mi pare di essere stato "chiaro"... :october:
Come questa bella birra...:october:
Immagine
Moglie che tace casa felice. Confucio.
La gente che grida parole violente non vede, non sente, non pensa per niente.
Immagine

jrs

Re: 70 anni di libertà!

Messaggio da jrs » 20/04/2015, 21:49

Caro standard9
Avvallare l'idea che la purezza della razza, con i folli esperimenti del dott. J. Mengele, è considerata o debba considerarsi come un ideale paragonabile a quello di Stalin, be' meglio smettere di discutere. E anche se non sono ebreo preferisco stare dalla parte del cacciatore di nazisti di Simon Wiesenthal e di tutti gli ebrei massacrati nei campi di concentramento anche con l'idea folle e nei fatti criminale per creare una pura razza Ariana e non come sarebbe stato più normale (come sempre nella storia e ovunque altrove) per eliminare dei nemici politici...
E paragonare chi bruciava libri e la cultura di un popolo come il Nazismo (e l'ISIS) a qualsiasi altra vera e sostenuta e reale ideologia politica del '900 a una folle presunta purezza di una razza è verosimilmente aberrante e allucinante. Inoltre, sostenere questo non è affatto "buonismo inconsapevole" caro Standard.
E mi spiace davvero scoprire ora questo lato (per me nuovo) del tuo modo di pensare... Ma se fossimo nel '43, perché l'hai detto tu che saresti stato con i nazifascisti, credo che saremmo stati senza dubbio su parti avverse, e io lo sarei stato anche indipendentemente da quello che erano alcuni dei miei defunti parenti, anche stretti. E contrariamente a te (o come hai detto sempre tu e mi pare anche con convinzione) in URSS io non sarei stato mai dalla parte di Stalin. O lo sarei stato solo apparentemente, e soltanto per sopravvivenza. Ma nella sostanza sempre contro, inesorabilmente...

Ed è per me la differenza tra chi è tra quelli che perseverano in un comportamento, per non dire altro "all'italiana" e sempre con chi comanda e chi invece non lo è.

Ma se ho in qualche modo sbagliato in questa personale interpretazione dei tuoi scritti chiedo anticipatamente scusa.
Ultima modifica di jrs il 20/04/2015, 22:49, modificato 1 volta in totale.

jrs

Re: 70 anni di libertà!

Messaggio da jrs » 20/04/2015, 22:51

monteaspro ha scritto:la purezza della razza. la razza ariana. :rido: io sono ariano con tutta l aria che piglio x strada x lavoro. a milano poi. comunque .l imbianchino aveva aperto un centro ricerche, x la ricerca della razza ariana, un giorno gli e stato comunicato che i veri ariani tramite studi analisi i veri ariani erano i zingari ,il centro e stato chiuso in fretta . :haha: :haha:
:ciglia: :rido: :haha:

Avatar utente
standard9
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 4553
Iscritto il: 11/01/2011, 7:48

Re: 70 anni di libertà!

Messaggio da standard9 » 21/04/2015, 6:34

jrs ha scritto:Caro standard9
Avvallare l'idea che la purezza della razza, con i folli esperimenti del dott. J. Mengele, è considerata o debba considerarsi come un ideale paragonabile a quello di Stalin, be' meglio smettere di discutere. E anche se non sono ebreo preferisco stare dalla parte del cacciatore di nazisti di Simon Wiesenthal e di tutti gli ebrei massacrati nei campi di concentramento anche con l'idea folle e nei fatti criminale per creare una pura razza Ariana e non come sarebbe stato più normale (come sempre nella storia e ovunque altrove) per eliminare dei nemici politici...
E paragonare chi bruciava libri e la cultura di un popolo come il Nazismo (e l'ISIS) a qualsiasi altra vera e sostenuta e reale ideologia politica del '900 a una folle presunta purezza di una razza è verosimilmente aberrante e allucinante. Inoltre, sostenere questo non è affatto "buonismo inconsapevole" caro Standard.
E mi spiace davvero scoprire ora questo lato (per me nuovo) del tuo modo di pensare... Ma se fossimo nel '43, perché l'hai detto tu che saresti stato con i nazifascisti, credo che saremmo stati senza dubbio su parti avverse, e io lo sarei stato anche indipendentemente da quello che erano alcuni dei miei defunti parenti, anche stretti. E contrariamente a te (o come hai detto sempre tu e mi pare anche con convinzione) in URSS io non sarei stato mai dalla parte di Stalin. O lo sarei stato solo apparentemente, e soltanto per sopravvivenza. Ma nella sostanza sempre contro, inesorabilmente...

Ed è per me la differenza tra chi è tra quelli che perseverano in un comportamento, per non dire altro "all'italiana" e sempre con chi comanda e chi invece non lo è.

Ma se ho in qualche modo sbagliato in questa personale interpretazione dei tuoi scritti chiedo anticipatamente scusa.



Ho voluto dire che la bestialità dell'uomo si è sempre espressa nella storia con pretesti,da qualsiasi parte,fazione,gruppo politico,popolazione.Anche gli americani hanno fatto i loro esperimenti,non in modo così eclatante come i nazisti,iniettando sostanze farmaceutiche sulle popolazioni del terzo mondo,e l'Aids ha una origine incerta e discutibile...
Con questo non voglio affatto scagionare un criminale come Hitler o Stalin,e non ho alcuna intenzione di passare per un loro fan:ma scherziamo? Il mio è un modo di giudicare la Storia. Affermare di essere un nazista o uno stalinista all'epoca,negli anni '30, significa seguire un leader che si adoperava per la popolazione,a differenza di chi invece,come oggi se ne sbatte altamente.Ma nessuno sapeva poi come sarebbero andate a finire gli eventi,e nè all'epoca(anni '30) si sapeva in Germania dei forni crematori(anche perchè ancora non erano stati organizzati) e nè i cittadini russi sapevano dei Gulag!
Beh! Credo che adesso mi sono spiegato meglio sul tema. L'unico lato nuovo che puoi scoprire in me è la sfiducia che provo nell'essere umano. Spero che questo pianeta vada a farsi fottere quanto prima.Immagina quanti pianeti e popolazioni nell'Universo sono scoppiati e scoppieranno,senza significato alcuno.Il nostro poi,è uno dei meno riusciti,almeno per ciò che concerne gli abitanti.Sai che sono ateo,quindi posso fare questa analisi senza pregiudizi. :october:

jrs

Re: 70 anni di libertà!

Messaggio da jrs » 21/04/2015, 9:29

standard9 ha scritto:
jrs ha scritto:
Ma se ho in qualche modo sbagliato in questa personale interpretazione dei tuoi scritti chiedo anticipatamente scusa.



Ho voluto dire che la bestialità dell'uomo si è sempre espressa nella storia con pretesti,da qualsiasi parte,fazione,gruppo politico,popolazione.Anche gli americani hanno fatto i loro esperimenti,non in modo così eclatante come i nazisti,iniettando sostanze farmaceutiche sulle popolazioni del terzo mondo,e l'Aids ha una origine incerta e discutibile...
Con questo non voglio affatto scagionare un criminale come Hitler o Stalin,e non ho alcuna intenzione di passare per un loro fan:ma scherziamo? Il mio è un modo di giudicare la Storia. Affermare di essere un nazista o uno stalinista all'epoca,negli anni '30, significa seguire un leader che si adoperava per la popolazione,a differenza di chi invece,come oggi se ne sbatte altamente.Ma nessuno sapeva poi come sarebbero andate a finire gli eventi,e nè all'epoca(anni '30) si sapeva in Germania dei forni crematori(anche perchè ancora non erano stati organizzati) e nè i cittadini russi sapevano dei Gulag!
Beh! Credo che adesso mi sono spiegato meglio sul tema. L'unico lato nuovo che puoi scoprire in me è la sfiducia che provo nell'essere umano. Spero che questo pianeta vada a farsi fottere quanto prima.Immagina quanti pianeti e popolazioni nell'Universo sono scoppiati e scoppieranno,senza significato alcuno.Il nostro poi,è uno dei meno riusciti,almeno per ciò che concerne gli abitanti.Sai che sono ateo,quindi posso fare questa analisi senza pregiudizi. :october:
:october: Sono contento d'aver sbagliato o frainteso e con un amichevole abbraccio ti chiedo scusa. :-)

Giuse

johnwayne
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 3446
Iscritto il: 21/12/2010, 22:02

Re: 70 anni di libertà!

Messaggio da johnwayne » 21/04/2015, 11:15

cari standard e jrs,permettetemi di dissentire da voi,anche dal punto di vista laico in quanto,personalmente,credo anche nell'uomo.l'uomo della civiltà e del progresso,delle scienze e delle scoperte,dell'altruismo e della filantropia,delle grandi opere a beneficio di tutti,l'uomo delle arti e delle meraviglie.in quanto uomo però dominato purtroppo dalle passioni negative,dalle quali scaturiscono sentimenti deplorevoli e convinzioni esecrabili che avete tanto bene analizzato.credo però nella mente e nel cuore dell'uomo e nel fatto che nell'individuo + "perso" possa sussistere una minima percentuale di positività verso i propri simili.resta da vedere se e quanto poi venga alla luce tale percentuale,consentendogli di comportarsi da uomo e non da animale feroce.
i discorsi catastrofistici facili ed esasperati non portano a nulla e di sicuro non fanno bene a nessuno,forse bisognerebbe solo non rinunciare a credere nell'uomo,anche quando ci cadono proprio le braccia davanti a certi comportamenti gratuitamente(e squallidamente)negativi.quindi io non mi auguro che il pianeta e/o il sistema solare se ne vada a.....quel paese velocemente,auspico che chi opera per il bene degli altri possa sempre trovare,lungo la sua strada,individui negativisti da aiutare e guadagnare alla causa del bene,ognuno coi propri modi e tempi ed auguro lo stesso a tutti i forumisti,voi compresi. :angelo: :october:

jrs

Re: 70 anni di libertà!

Messaggio da jrs » 21/04/2015, 14:08

Caro John, se leggi bene non ho detto che non credo nell'uomo, ma solo che non credo in certi o una parte degli uomini.
Non condivo, comunque, il fatto che anche nel più perfido degli uomini ci possa essere qualcosa di positivo e, se ho capito bene il tuo pensiero, in qualcosa di positivo sia umanamente che in senso cristiano. Non credo infatti che Hitler e il pianificato sterminio di un popolo in campi di concentramento crematori per la purezza della razza potesse avere qualcosa di positivo, sia nel senso che dici tu, sia in qualunque altro senso e perciò, senza nessuna positiva umanità. Crederlo, significa soltanto, per fare un paragone in ambito religioso a te caro, stare dalla parte di satana. O per fare invece un paragone più realisticamente concreto, crederlo, significa ahimè, far parte di quel buonismo e finto buonismo a matrice religiosa che per molti aspetti tanto danno hanno fatto.

Con amichevole simpatia

Giuse

:october:

Avatar utente
standard9
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 4553
Iscritto il: 11/01/2011, 7:48

Re: 70 anni di libertà!

Messaggio da standard9 » 21/04/2015, 16:00

E poi c'è l'amicizia.L'amicizia nasce per una frequentazione piacevole e la condivisione di un hobby,una passione comune.
Poi si può essere avversi su temi profondi,quali l'immortalità dell'anima,la politica,o superficiali,quali la squadra del cuore,ma se nasce una stima l'amicizia incatena con un dovere reciproco di accorrere in soccorso dell'altro, in qualsiasi situazione,qualora ce ne fosse bisogno! (Il Conte di Carmagnola)
Si può essere amici anche se nei ragionamenti uno sballa secondo i criteri e le opinioni di un altro. Posso anche frequentare chi mi parla di sterminare Tizio o Caio,perchè ad esempio musulmani-terroristi,ed io invece pacifista. Ma ci sarà poi una bella differenza se,data un'occasione,lui,l'amico,sparerà per uccidere un terrorista-musulmano e se invece sparerà su un gruppo inerme di musulmani,donne,bambini. In tal caso diverrà incompatibile continuare a sostenere l'amicizia con tale personaggio! :giudice:

Rispondi