Riduttori di calibro

pistole, fucili, carabine, Ex ordinanza, collezione
Rispondi
luca.costantino@tiscali.it
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 25
Iscritto il: 07/03/2019, 18:20
Località: Catanzaro

Riduttori di calibro

Messaggio da luca.costantino@tiscali.it » 03/06/2020, 19:55

Buonasera,
mi piacerebbe sapere cosa ne pensate dei riduttori di calibro in generale e in particolare da 223r a 22lr. Grazie

duxino
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 3276
Iscritto il: 22/12/2010, 15:51
Località: Prov. Napoli

Re: Riduttori di calibro

Messaggio da duxino » 03/06/2020, 22:23

Da 223 a 22 mai sentito, come si fa a camerare una cartuccia come il 22 in pseudo camera da 45 mm. Gli unici che conosco sono quelli per la canna liscia :october: :october: :october:
....non chiedere per chi suona la campana, essa suona per Te.


duxino
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 3276
Iscritto il: 22/12/2010, 15:51
Località: Prov. Napoli

Re: Riduttori di calibro

Messaggio da duxino » 03/06/2020, 22:56

Quindi il riduttore dovrebbe essere rigato, come si fa con l’imbocco in canna un gap anche se minimo c’è di sicuro è l’allineamento? Vada per le center fire, ma le rim hanno il percussore decentrato. :october:
....non chiedere per chi suona la campana, essa suona per Te.

duxino
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 3276
Iscritto il: 22/12/2010, 15:51
Località: Prov. Napoli

Re: Riduttori di calibro

Messaggio da duxino » 03/06/2020, 23:03

Ha ragione Demetrios, c’è da perderci un bel po’ di tempo, non c’è ripetizione, bisogna estrarre a mano il bossolo spento. .dubbio: Vale la pena?
....non chiedere per chi suona la campana, essa suona per Te.

dibiro
Livello 2
Livello 2
Messaggi: 475
Iscritto il: 06/01/2017, 9:20

Re: Riduttori di calibro

Messaggio da dibiro » 04/06/2020, 10:30

I riduttori esistono, meglio: esistevano. La Lothar Walther, nota produttrice di canne rigate per aziende piccole e medie, tempo fa aveva a catalogo riduttori, sagomati come un bossolo (completo di solco o collarino per estrazione) che permettevano di sparare calibri dal 6 mm Flobert fino al 7,65 mm Browining in vari calibri più grandi.
Le cartucce a percussione centrale venivano colpite dal normale percussore dell'arma, mentre per quelle a percussione anulare il riduttore comprendeva un percussore ausiliario, gommato dietro (per non danneggiare il percussore dell'arma) e periferico davanti.
Esistevano varie conversioni per il .22 LR, compreso il .222 Remington e il 5,6x57. Non ricordo se ci fosse ancje il .223.
A parte la complessità delle operazioni per caricare, scaricare e pulire il tutto, il sistema era poco pratico perchè la palla .22 LR ha diametro mirore di una qualsiasi palla centerfire, quindi la precisione era scadente.
Pare che lo scopo dei riduttori (scomparsi dal catalogo Lothar Walther) fosse quello di consentire il colpo di grazia a predatori catturati con trappole e tagliole, senza rovinare la pelliccia. Probabilmente, parecchi riduttori sono stati usati per bracconaggio e forse la produzione è cessata per quel motivo.
Sempre la Lothar Walther produceva un riduttore da 12 a .22 LR che poteva essere usato, tirando d'imbracciata per vedere dove il fucile a canna liscia "vuole sparare".
Dubito fortemente che il possesso del riduttore liscio/rigato sia lecito in Italia.

AndrewL80
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 35
Iscritto il: 25/03/2019, 17:05

Re: Riduttori di calibro

Messaggio da AndrewL80 » 06/06/2020, 10:26

dibiro ha scritto:
04/06/2020, 10:30
Sempre la Lothar Walther produceva un riduttore da 12 a .22 LR che poteva essere usato, tirando d'imbracciata per vedere dove il fucile a canna liscia "vuole sparare".
Dubito fortemente che il possesso del riduttore liscio/rigato sia lecito in Italia.
La Chiappa Firearms produce e commercializza tutt'ora dei riduttori che sono delle vere e proprie canne. Riducono dal calibro 12 (o dal calibro 20) al 357 Mag, 44 Rem mag, 9x21, 9 Corto ecc.
Sono dotate di matricola e devono essere inserite in denuncia.

https://www.chiappafirearms.com/product.php?id=215

Ciao
Andrea

ilLonfo
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 129
Iscritto il: 08/12/2015, 23:30

Re: Riduttori di calibro

Messaggio da ilLonfo » 07/06/2020, 1:08

Mi rendo conto che non è esattamente ciò che viene chiesto nel post, ma per esempio le Smith & Wesson modello 53 nasceva con il tamburo in .22 Remington Jet, calibro nato e progettato proprio per lei, e sparava anche le .22 lr sia con un tamburo dedicato, sia con gli adattatori di calibro che venivano forniti con l'arma.
Erano in acciaio (ma ne sono stati costruiti anche in materiale sintetico), ed effettivamente erano scomodissimi da usare .
Per chi non la conoscesse, allego le foto della mia.

Immagine

Il primo da sinistra è l'adattatore.

Immagine

In culatta si vedono i due percussori: quello centrale e quello anulare. Sulla testa del cane la levetta zigrinata per selezionare la parte battente

Immagine

Alex39
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1441
Iscritto il: 22/05/2013, 18:57

Re: Riduttori di calibro

Messaggio da Alex39 » 07/06/2020, 13:00

Un'artigiano bresciano negli anni post bellici con canne del 91/41 in calibro 6.5x52, a passo costante costruiva degli ingegnosi riduttori da inserire nella canna sinistra delle doppiette, con un centratore a espansione per la bocca della canna e posteriormente con un inserto cilindrico come una cartuccia del calibro del fucile, 12-16-20, l'estrattore orinale non consentiva l'estrazione della cartuccia che andava fatta con un'apposito attrezzo. Il fucile che ho visto io con questo attrezzo, aveva addirittura montata sulla canna una tacca del 41 e relativo mirino, la usava di un anziano cacciatore di marmotte meranese, che a suo dire con quell'accrocco le beccava da parecchio lontano. Nota a margine, mi raccontò che prima della guerra cacciava con un kippflaur e che gli fu sequestrato durante la guerra proprio dai tedeschi dopo l'ammissione del Sud Tirol al Reich.

Rispondi