Pagina 1 di 1

Uranio impoverito

Inviato: 05/10/2015, 20:37
da tucojuanramirez
Questa sera ho intavolato una discussione con un paio di amici circa l'uranio impoverito utilizzato nelle ogive delle munizioni militari anti-materiale.
Nello specifico parlavamo delle conseguenze negative per la salute fisica che l'uso di tali munizioni aveva avuto sui militari presenti nei teatri dei moderni conflitti.

Secondo voi...

...la contaminazione prevalente avviene nell'area in cui l'arma spara o nell'area dove i proiettili colpiscono i bersagli?
Se nel sito di impatto è sicuramente pieno di scorie, polveri e fibrille a causa della disintegrazione dell'uranio, dall'altra però, nell'area dell'arma, abbiamo comunque già un primo sfregamento dell'ogiva nella canna, che creerà particolato di uranio, dannoso per la salute dell'operatore, o sbaglio?

Re: Uranio impoverito

Inviato: 05/10/2015, 21:34
da abc
Vere tutte e due, ma nella zona dell'impatto si crea un accumulo di frammenti radioattivi e di vapori tossici che diventano pericolosissimi soprattutto per coloro i quali poi vanno a bonificare (i nostri a mani nude ovviamente). S.
:cazz:

Re: Uranio impoverito

Inviato: 05/10/2015, 21:36
da calcifer
sbagli.
il penetratore in uranio è avvolto da un sabot di alluminio.
Non c'è contatto tra penetratore e canna.

Re: Uranio impoverito

Inviato: 05/10/2015, 21:51
da juridc
Sicuramente nell'aria di impatto, in quanto li il proiettile si frantuma e in parte si polverizza. Nelle canne delle artiglierie non penso che ci sia nessun tipo di problema in quanto come detto il penetratore ha il suo sabot che lo avvolge, forse si potrebbe creare con armi di calibro minore tipo i gau-8 da 30mm montati sugli A10, ma più che per il pilota che è chiuso nella sua cabina quando spara, il problema sarebbe per gli addetti alla manutenzione e al caricamento del cannone

Mi correggo, nemmeno con il gau-8, in quanto i proiettili al uranio impoverito hanno una camiciatura in alluminio https://en.m.wikipedia.org/wiki/GAU-8_Avenger

Re: Uranio impoverito

Inviato: 07/10/2015, 16:58
da tucojuanramirez
Sono andato avanti un giorno e mezzo a parlare di uranio impoverito con i miei due amici :sadomaso:
Siamo giunti alla stessa conclusione vostra.

Re: Uranio impoverito

Inviato: 07/10/2015, 23:04
da aim
Nelle armi di medio calibro 20/30 mm il penetratore e' interno ad una camiciatora con funzione anche aereodinamica a sua volta cirondata da corone di forzamento in teflon.

Nei proiettili anti carro (APDS ormai non piu' in uso da decenni e APFSDS-T) il sabot viene rilasciato a breve distanza dalla bocca e il sabot brucia da subito lasciando una scia di scintille che sono la "T" di tracer) ovviamente il grosso delle polveri viene creato all'impatto come sui calibri medio piccoli.

Sui proiettili anti carro c'e' inoltre un problema dovuto al fatto che la punta in DU del perforatore fuoriesce dal sabot e puo' entrare in contatto con le mani del servente che pero' dovrebbero essere protette dai guanti ignifughi.

Cordialmente
aim

Re: Uranio impoverito

Inviato: 15/10/2015, 23:02
da IlGianka
Posso confermare per esperienza diretta che i campioni per la ricerca di uranio impoverito vengono prelevati nei pressi dei bersagli che si suppone siano stati colpiti da proiettili di cui sopra. Piu' pericolose delle scorie sicuramente le polveri.