S&W 460, DAO e tipo di proiettile

pistole, fucili, carabine, Ex ordinanza, collezione
Rispondi
Avatar utente
python
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 56
Iscritto il: 15/02/2012, 18:25
Località: Modena

S&W 460, DAO e tipo di proiettile

Messaggio da python » 07/01/2014, 18:09

Ho utilizzato nell'ultimo anno, da appassionato di revolver a tamburo , una S&W 637 come arma da difesa personale in quanto leggera ( alluminio aereonautico il telaio) e di piccole dimensioni ( canna da 1,8 pollici) pertanto facilmente trasportabile nelle tasche dei pantaloni. Ma il calibro 38 spl in un tamburo a 5 colpi caricato poi con soli 4 per non avere una camera piena sotto il percussore non mi lascia completamente tranquillo. Sebbene scalpitante e fin troppo anche solo con I 158 grani del 38 spl normale ( la piccolina è disposta per il 38 +p ) ben altra impressione di sicurezza si ha con il 357 magnum che sparo con la Python o con la S&W modello 27 , ma i 6 pollici di canna non le rendono certo tascabili e leggere. Detto questo non avendo una moglie a cui fare il regalo di Natale , mi sono regalato una S&W 340 in lega di scandio e canna da 1,8 pollici che pesa 380 grammi e spara il 357. A questo punto chiedo a chi ha più esperienza : quale 357 spararci senza che il diavoletto faccia le capriole ? Fiocchi Magnum142 grani ? Ovvero quale ricarica con PEFL 26A e palle 158 grani HP della Hornady ( in poligono li carico con 6 grani di PEFL 26 con buoni risultati sul bersaglio di carta , ma su un bersaglio birbaccione ?) So bene che le palle espansive non sono legali sui birbaccioni ma in poligono sono molto precise . Le mie ricariche non mi sembra poi possano dare le stesse garanzie delle Fiocchi 142 grani per difesa personale anche se queste ultime probabilmente rendono difficoltoso doppiare il colpo in DAO (solo così funziona la 340).
tutto è relativo : a 90 anni saremmo ben felici di avere 7 anni di sfiga per aver rotto uno specchio

Avatar utente
bubble
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1268
Iscritto il: 21/12/2010, 19:47

Re: S&W 460, DAO e tipo di proiettile

Messaggio da bubble » 07/01/2014, 21:55

Ciao,tenendo conto che come hai detto tu per difesa non si possono usare palle espansive e che con canne così corte non sfrutterai mai la potenza di un 357,ritengo sempre sia migliore il 38sp,magari anche W.C .
quello che deve fare lo fa bene e doppiare non è un problema.
:october:
GLOCK what else?

TYPHOON
Livello 3
Livello 3
Messaggi: 562
Iscritto il: 19/06/2012, 9:13
Località: Potenza

Re: S&W 460, DAO e tipo di proiettile

Messaggio da TYPHOON » 08/01/2014, 0:13

Le armi che avevano bisogno di avere la camera vuota sotto il percussore erano le Colt 1873; su uno snub da 5 colpi se ne togli uno meglio che cambi arma. Su quell'arma la S&W specifica di non scendere sotto i 120 grani come peso palla, pena l'erosione della faccia anteriore del tamburo (come ben noto e visibile qui: http://www.all4shooters.com/it/articoli ... -revolver/).

@ Gerry: lo so che tu non apprezzi certe "modernità", come sai anch'io sui revolver sono per il "vintage". :wink:

bill8000
Livello 3
Livello 3
Messaggi: 587
Iscritto il: 24/12/2010, 23:05

Re: S&W 460, DAO e tipo di proiettile

Messaggio da bill8000 » 08/01/2014, 0:14

:sadomaso:

ventiduemarzo
Livello 3
Livello 3
Messaggi: 656
Iscritto il: 23/12/2010, 10:16

Re: S&W 460, DAO e tipo di proiettile

Messaggio da ventiduemarzo » 08/01/2014, 13:45

Non è affatto necessario tenere una camera vuota nei revolver in doppia azione, per quanto concerne il 340 noterai che sulla canna c'è scritto "no less than 120 gr bullet" attieniti a questa indicazione se vuoi evitare che il tamburo ti si consumi marcatamente per erosione, bastano 50 colpi per avere degli effetti ben visibili. Controlla che la crimpatura sia molto buona altrimenti corri il rischio che le palle fuoriescano un po' dal bossolo bloccando il tamburo per effetto del forte contraccolpo.
Per il resto bisogna prenderci confidenza perché con 357 M la sensazione è forte sembra che qualcosa ti scoppi in mano, l'indice si ferisce già con una ventina di colpi sparati, conviene smontare il grilletto e arrotondare ben i bordi di sfregamento e in allenamento mettere dei guanti.
Per il resto tutto benissimo, te ne scordi è così leggera che se gli cambi posto sovente rischi di non ricordare dove ce l'hai, avendo una massa così piccola ritorna in punteria velocissimamente e con un po' d'allenamento si riesce a doppiare i colpi molto in fretta.
Io ce l'ho da molto tempo e mi trovo benissimo, soldi ottimamente spesi.

Baron
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 71
Iscritto il: 23/02/2012, 21:10

Re: S&W 460, DAO e tipo di proiettile

Messaggio da Baron » 08/01/2014, 17:30

... secondo le mie esperienze DIRETTE (noc revolver "leggero" e canna da 3 " il rinculo minimo ed il minor decadimento delle prestazioni si ha noc palle leggere e polveri vivaci (il che non e´ certo una grande scoperta ...)

In particolare le black mamba (tra le commerciali( sono "dolcissime" ... anche se non raggiungono i 120 grs ...


Sella questione della "camera vuota" : io direi che il problema va ben oltre il 1873 ... il primo 686 che ho avuto poteva tranquillamente far partire il colpo (ho provato noc bossolo innescato ... ovviamente senza polvere e palla...) ...

... e non sono cosi´ vecchio ...

QUINDI : prima di portare in giro un revolver assicuratevi di conoscerne la meccanica ...

Ho molti dubbi invece sulla presunta precisione delle palle espansive : questo rivoluzionerebbe tutte le leggi della aereodinamica .dubbio:
Altrettanto mi lascia dubbioso il concetto di un´arma da fuoco che ritorna in punteria "velocissima" grazie alla massa ridotta ... se Newton si e´fatto la connessione WiFi di sicuro si stará rivoltando nella tomba...

ventiduemarzo
Livello 3
Livello 3
Messaggi: 656
Iscritto il: 23/12/2010, 10:16

Re: S&W 460, DAO e tipo di proiettile

Messaggio da ventiduemarzo » 08/01/2014, 18:02

Non è questione di dolcezza allo sparo, della dolcezza non ti frega nulla nella difesa, è che le polveri usate per munizioni con palla inferiore a 120 gr corrodono vistosamente la lega si scandio, bastano pochi colpi per vedere gli effetti nefasti.
Per quello che riguarda il ritorno in punteria veloce è evidente essendo la massa minima si scarica in un tempo minore e ti dà la spiacevolissima sensazione che qualcosa ti scoppi in mano perché tutto avviene velocemente, ma altrettanto velocemente si esaurisce l'effetto e il ritorno è velocissimo, ci sparo da anni lo saprò..
Per quello che riguarda le leggi della fisica bisogna averne una conoscenza approfondita, non bastano le quattro nozioni delle scuole medie, perdonami ma te la sei cercata, prova a fare un ripasso e vedrai che il discorso ti tornerà.

:october:

ventiduemarzo
Livello 3
Livello 3
Messaggi: 656
Iscritto il: 23/12/2010, 10:16

Re: S&W 460, DAO e tipo di proiettile

Messaggio da ventiduemarzo » 08/01/2014, 18:15

Ah... Dimenticavo da quando esiste la tranfer bar non può più esserci contatto tra percussore e innesco, che il percussore sia flottante o no non cambia nulla vista la sua massa minima, è una delle sicure più efficienti che esistano e il tuo 686 ce l'aveva di sicuro.
Ultima modifica di ventiduemarzo il 10/01/2014, 11:43, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
python
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 56
Iscritto il: 15/02/2012, 18:25
Località: Modena

Re: S&W 460, DAO e tipo di proiettile

Messaggio da python » 09/01/2014, 15:00

ventiduemarzo ha scritto:Non è affatto necessario tenere una camera vuota nei revolver in doppia azione, per quanto concerne il 340 noterai che sulla canna c'è scritto "no less than 120 gr bullet" attieniti a questa indicazione se vuoi evitare che il tamburo ti si consumi marcatamente per erosione, bastano 50 colpi per avere degli effetti ben visibili. Controlla che la crimpatura sia molto buona altrimenti corri il rischio che le palle fuoriescano un po' dal bossolo bloccando il tamburo per effetto del forte contraccolpo.
Per il resto bisogna prenderci confidenza perché con 357 M la sensazione è forte sembra che qualcosa ti scoppi in mano, l'indice si ferisce già con una ventina di colpi sparati, conviene smontare il grilletto e arrotondare ben i bordi di sfregamento e in allenamento mettere dei guanti.
Per il resto tutto benissimo, te ne scordi è così leggera che se gli cambi posto sovente rischi di non ricordare dove ce l'hai, avendo una massa così piccola ritorna in punteria velocissimamente e con un po' d'allenamento si riesce a doppiare i colpi molto in fretta.
Io ce l'ho da molto tempo e mi trovo benissimo, soldi ottimamente spesi.
Io sto parlando della M&P 460 pd , ultimo arrivo in S%W che ha tamburo in acciaio apposta per poter usare anche less than 120 gr e una protezione sempre in acciaio dell'angolo superiore del telaio in lega di alluminio e scandio. Il grilletto è largo e ben smussato , speriamo che basti a non provocare danni al mio indice :mitra: Per la crimpatura uso il Lee factory : lo ritieni sufficiente o c'è qualche altro trucco ? Grazie
tutto è relativo : a 90 anni saremmo ben felici di avere 7 anni di sfiga per aver rotto uno specchio

Avatar utente
python
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 56
Iscritto il: 15/02/2012, 18:25
Località: Modena

Re: S&W 460, DAO e tipo di proiettile

Messaggio da python » 09/01/2014, 15:09

bubble ha scritto:Ciao,tenendo conto che come hai detto tu per difesa non si possono usare palle espansive e che con canne così corte non sfrutterai mai la potenza di un 357,ritengo sempre sia migliore il 38sp,magari anche W.C .
quello che deve fare lo fa bene e doppiare non è un problema.
:october:
E il wadcutter in 357 ? Io lo carico e lo sparo con le 6 pollici notando molta differenza con il WC 38 spl ! Fra parentesi , non sono mai riuscito a trovarlo in commerciali , perché ? Infine , se un brigante armato mi entra in casa ed io, che sparo al poligono 357 HP cosa che è permessa , ho sul comodino per caso solo ricariche HP , beh mi sgrideranno tanto ma .... :rossore2:
tutto è relativo : a 90 anni saremmo ben felici di avere 7 anni di sfiga per aver rotto uno specchio

ventiduemarzo
Livello 3
Livello 3
Messaggi: 656
Iscritto il: 23/12/2010, 10:16

Re: S&W 460, DAO e tipo di proiettile

Messaggio da ventiduemarzo » 09/01/2014, 18:44

python ha scritto:
ventiduemarzo ha scritto:Non è affatto necessario tenere una camera vuota nei revolver in doppia azione, per quanto concerne il 340 noterai che sulla canna c'è scritto "no less than 120 gr bullet" attieniti a questa indicazione se vuoi evitare che il tamburo ti si consumi marcatamente per erosione, bastano 50 colpi per avere degli effetti ben visibili. Controlla che la crimpatura sia molto buona altrimenti corri il rischio che le palle fuoriescano un po' dal bossolo bloccando il tamburo per effetto del forte contraccolpo.
Per il resto bisogna prenderci confidenza perché con 357 M la sensazione è forte sembra che qualcosa ti scoppi in mano, l'indice si ferisce già con una ventina di colpi sparati, conviene smontare il grilletto e arrotondare ben i bordi di sfregamento e in allenamento mettere dei guanti.
Per il resto tutto benissimo, te ne scordi è così leggera che se gli cambi posto sovente rischi di non ricordare dove ce l'hai, avendo una massa così piccola ritorna in punteria velocissimamente e con un po' d'allenamento si riesce a doppiare i colpi molto in fretta.
Io ce l'ho da molto tempo e mi trovo benissimo, soldi ottimamente spesi.
Io sto parlando della M&P 460 pd , ultimo arrivo in S%W che ha tamburo in acciaio apposta per poter usare anche less than 120 gr e una protezione sempre in acciaio dell'angolo superiore del telaio in lega di alluminio e scandio. Il grilletto è largo e ben smussato , speriamo che basti a non provocare danni al mio indice :mitra: Per la crimpatura uso il Lee factory : lo ritieni sufficiente o c'è qualche altro trucco ? Grazie
, mi sono regalato una S&W 340 in lega di scandio e canna da 1,8 pollici che pesa 380 grammi e spara il 357. A questo punto chiedo a chi ha più esperienza : quale 357 spararci

Avatar utente
bubble
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1268
Iscritto il: 21/12/2010, 19:47

Re: S&W 460, DAO e tipo di proiettile

Messaggio da bubble » 09/01/2014, 21:27

python ha scritto:
bubble ha scritto:Ciao,tenendo conto che come hai detto tu per difesa non si possono usare palle espansive e che con canne così corte non sfrutterai mai la potenza di un 357,ritengo sempre sia migliore il 38sp,magari anche W.C .
quello che deve fare lo fa bene e doppiare non è un problema.
:october:
E il wadcutter in 357 ? Io lo carico e lo sparo con le 6 pollici notando molta differenza con il WC 38 spl ! Fra parentesi , non sono mai riuscito a trovarlo in commerciali , perché ? Infine , se un brigante armato mi entra in casa ed io, che sparo al poligono 357 HP cosa che è permessa , ho sul comodino per caso solo ricariche HP , beh mi sgrideranno tanto ma .... :rossore2:
Ciao,il 357 W.C. va benissimo, come hai constatato tu è difficile da trovare commerciale,bisogna ricaricarselo,e qui subentra tutta una serie di problemi in caso di utilizzo come difesa,ma come si dice è sempre meglio un brutto processo che un bel funerale!!!!! La stessa cosa vale per le H.P.
:october: :october:
GLOCK what else?

Baron
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 71
Iscritto il: 23/02/2012, 21:10

Re: S&W 460, DAO e tipo di proiettile

Messaggio da Baron » 10/01/2014, 9:33

"Ah... Dimenticavo da quando esiste la tranfer bar non può più esserci contatto tra percussore e innesco, che il percussore sia flottante o no non cambia nulla vista la sua massa minima, è una delle sicure più efficienti che esistano e il tuo 686 ce aveva di sicuro."


... comprai "il mio 686" agli inizi degli anni ´90 , ed é stata la mia prima pistola (allora non avevo neppure la mia prima laurea ... ho studiato fisica ben oltre le scuole medie ...) ...

A parte il fatto che per qualunque persona (anche senza grosse competenze) e´ facile capire se un revolver ha ho meno la transfer bar , nel 686 e´ stata introdotta SOLO dal 1997 ....

ventiduemarzo
Livello 3
Livello 3
Messaggi: 656
Iscritto il: 23/12/2010, 10:16

Re: S&W 460, DAO e tipo di proiettile

Messaggio da ventiduemarzo » 10/01/2014, 11:37

" facile capire se un revolver ha ho meno la transfer bar "

Direi che è piuttosto difficile prenderne anche solo una di laurea senza saper scrivere in italiano correttamente, questo davvero non lo sbagliano neppure alle medie, si scrive: " facile capire se un revolver ha o meno la transfer bar " la " o " non è un verbo.
La transfer bar c'era già negli anni settanta sui modelli 66 dubito fortemente che sia stato prodotto anche un solo esemplare di 686 senza.
Lascia perdere dai.

Rispondi