banco di prova nazionale

pistole, fucili, carabine, Ex ordinanza, collezione
belpi
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 2624
Iscritto il: 20/03/2012, 13:56
Località: Brescia

Re: banco di prova nazionale

Messaggio da belpi » 25/10/2012, 23:31

peppino ha scritto:.. Belpi basta che la finisci... eccoti alcuni dinieghi.

carabina B7 223 rem OBERLAND ARMS ISTANZA RIGETTATA IN QUANTO LE DIMENSIONI DELLA CANNA SONO INFERIORI AL LIMITE MINIMO CONSENTITO CHE E' 300mm.

carabina B4 223 Remington Palmetto LA CATEGORIA INDICATA E' ERRATA.LE DIMENSIONI RIPORTATE SONO INFERIORI A QUELLE MINIME CONSENTITE. IL NUMERO DI COLPI E' SUPERIORE A QUELLO ATTUALMENTE CONSENTITO.

carabina B7 7,62x39 Palmetto LE DIMENSIONI INDICATE SONO INFERIORI A QUELLE MINIME CONSENTITE. IL NUMERO DI COLPI E' SUPERIORE A QUELLO CONSENTITO PER LE ARMI B7. SE DEMILITARIZZATA, E NON IN POSSESSO DI UN PRECEDENTE NUMERO DI CATALOGO, SEGUIRE LA PROCEDURA INDICATA NEL SITO CHE RICHIAMA LA CIRCOLARE SULLA DEMILITARIZZAZIONE.SE DI NUOVA PRODUZIONE COME PUO' ESSERE DEMILITARIZZATA?

carabina C2 270 WIN FABARM ISTANZA RIGETTATA IN QUANTO GIA' PRESENTATA CON CODICE IDENTIFICATIVO 12_00949
carabina C2 .416 barret - .510 DTC Europe - .460 Steyr - .338 Lapua magnum Noreen Firearms ISTANZA RIGETTATA PERCHE' AI SENSI DELL'ART. 1 DELLA LEGGE 110/75 PRESENTA CARATTERISTICHE BALISTICHE E DI IMPIEGO COMUNI CON LE ARMI DA GUERRA. PUO' FARE RICORSO AL MINISTERO DELL'INTERNO. INOLTRE NON SI PUO' PRESENTARE UNA DOMANDA
ALIMENTAZIONE.

carabina B4 9X19 KIMAR SRL ISTANZA RIGETTATA IN QUANTO IL CALIBRO 9X19 (SINONIMO DI 9 mm PARABELLUM) E' VIETATO SUL MERCATO ITALIANO

Per l'elenco completo chiedilo magari all'amico Girlando.

Ciao a tutti
bòn, finalmente.
vedi che basta parlare?
alùra:
se uno presenta come carabina (=arma lunga) un'arma di misura inferiore a quella prevista, dove sarebbe l'abuso del Banco?

invece quello rifiutato alla Noreen è un abuso bello e buono. il comma 1 parla delle armi, non dei calibri. allora siccome i militari usano gli scarponi, andiamo a vietare gli anfibi?
spero che facciano ricorso (non al Ministero, al TAR).

quello della Kimar mi sembra un altro abuso: il 9x19 è vietato solo sul mercato CIVILE italiano, si dovrebbe classificare con la limitazione.


non conosco Girlando, ma conosco Palmetto, quindi per le sue chiederò a lui. già sapere chi è il richiedente aiuta.
che bisogno c'era di fare i misteriosi?
è perché uno li sa e gli altri no?

Avatar utente
Rocchetta
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 5175
Iscritto il: 27/12/2010, 23:28

Re: banco di prova nazionale

Messaggio da Rocchetta » 25/10/2012, 23:48

carabina B4 9X19 KIMAR SRL ISTANZA RIGETTATA IN QUANTO IL CALIBRO 9X19 (SINONIMO DI 9 mm PARABELLUM) E' VIETATO SUL MERCATO ITALIANO

Non è vero. Secondo la legge di luglio scorso è calibro comune, vietato per armi corte semiautomatiche ed a ripetizione. ARMI CORTE... NON ARMI LUNGHE.

"Salvo che siano destinate alle Forze Armate o ai Corpi armati dello Stato ovvero all'esportazione, non è consentita la fabbricazione, l'introduzione nel territorio dello Stato e la vendita di armi da fuoco corte semiautomatiche o a ripetizione, che sono camerate per il munizionamento nel calibro 9x19 parabellum."

Dove sono le armi lunghe nel divieto?
Un cittadino disarmato è solo uno che paga le tasse

Pivi
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 6729
Iscritto il: 22/12/2010, 19:02
Località: Loneriacco di Tarcento - Udine

Re: banco di prova nazionale

Messaggio da Pivi » 26/10/2012, 9:28

Vorrei sapere dal Sig. direttoredel BNP come mai le poche carabine monocolpo camerate e precedentemente catalogate in 9 x 19 mm non possono usare palle blindate.

Quella sui calibri con "caratteristiche comuni" alle armi da guerra è colossale, e può aprire la strada a dinieghi ad ampio raggio.

Il 338 remington ultra magnum , il 340 weatherby e il 338 - 378 Weatherby hanno caratteristiche molto simili a quelle del 338 Lapua magnum, come mai non sono proibiti?

Nessuno mi impedisce di caricare un 416 Weatherby o un 460 Weatherby con palle monolitiche VLD. Con questi avrei gittate e traiettorie adatte all'uso militare.

Decine di calibri in uso in Italia superano il 7.62 NATO come energia cinetica, sono stati/ sono tuttora utilizzati dalle forze armate/ di polizia oppure eguagliano o superano il 338 Lapua. Li vietiamo tutti?

Chi l'ha detto che calibri ultra potenti non abbiano un effettivo impiego sportivo in Italia?
A parte il fatto che fanno le gare a 1000 m anche da noi, ma allo stesso tempo dovrebbero vietare anche calibri come il 375 H&H , 416 Rigby e 458 Winchester magnum perchè impiegati al 99 % in safari all'estero. E se io voglio tenere un 460 Steyr per farmi le gare a lunghissima distanza in Scandinavia o negli USA?

Vi ricordate di quel consigliere UITS che aveva proposto di abolire tutti i calibri sopra il 308 Winchester perchè potenze maggiori erano inutili in Italia???
WHEN COMMISSIONS ARE ALL AROUND...GET DOWN TO WHISKEY
CERCO / SCAMBIO CARTUCCE INERTI E BOSSOLI...NEL CASO MANDATE UN PM !
Immagine
ImmagineImmagine
CIAO DAL...

peppino
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 98
Iscritto il: 22/01/2011, 11:58

Re: banco di prova nazionale

Messaggio da peppino » 26/10/2012, 9:40

.... questo è il Paese degli abusi, dei falsi moralisti, dei papponi, delle mignotte, dei corrotti e corruttori, raccomandati, trombati, frustrati etc. etc. (spero di non far parte di una di queste categorie).

In un Paese dove non sanno o vogliono applicare la legge che è chiarissima cosa vogliamo aspettarci di più.

Inoltre per Belpi
La legge stabilisce dei parametri per cui un'arma è considerata corta quando ha la canna inferiore a 300 mm OPPURE la lunghezza totale inferiore a 600 mm. Sono considerate lunghe tutte le altre.
Quindi come vedi la legge stabilisce dei parametri ma l'ingegnere Girlando spudoratamente li disattende.
....e poi se così fosse la classifichi arma corta ma non la rifiuti. Lo stesso dicasi per le armi lunghe camerate per il 9 Para. Oggi come allora le armi lunghe in questo calibro non sono vietate ai civili.

P.S. dimenticavo ... anche di pagliacci.

Non abbiate paura, apriamo gli occhi e non facciamoci schiacciare. Spero presto che un'onda di legalità e giustizia spazzi via una volta per tutte questa gentaglia incompetente e poi e poi....

Ciao a tutti.

belpi
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 2624
Iscritto il: 20/03/2012, 13:56
Località: Brescia

Re: banco di prova nazionale

Messaggio da belpi » 26/10/2012, 10:20

peppino ha scritto:Inoltre per Belpi
La legge stabilisce dei parametri per cui un'arma è considerata corta quando ha la canna inferiore a 300 mm OPPURE la lunghezza totale inferiore a 600 mm. Sono considerate lunghe tutte le altre.
esatto
"oppure"
quindi basta che una delle due misure sia inferiore, che l'arma è "corta".

Pivi
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 6729
Iscritto il: 22/12/2010, 19:02
Località: Loneriacco di Tarcento - Udine

Re: banco di prova nazionale

Messaggio da Pivi » 26/10/2012, 10:23

E' evidente che la 110/75 mostra i suoi limiti quando si ha a che fare con armi che nel 1975 non esistevano, per lo meno in Italia, come le pistole monocolpo e le carabine destinate al tiro a lunghissima distanza.

E' altresì vero che non è concepibile applicare alla lettera quanto dice una legge così obsoleta nel 2012.

Seguendo alla lettera la 110, ad esempio, è chiara la destinazione d'uso delle munizioni da guerra e loro componenti, rispetto alla loro natura intrinseca. Cosa vuol dire? Vuol dire che, applicando alla lettera quanto dice la legge, nessuno potrebbe detenere o utilizzare munizioni militari o ex militari, nè i loro bossoli, se impiegabili su armi da guerra o tipo guerra.
Quindi nessuna munizione ex ordinanza, con o senza contrassegni NATO e neanche i loro bossoli ( visto che la loro liberalizzazione è stata dichiarata in una circolare, che non ha valore legale).

Da come è scritta sembra infatti che da una parte ci siano le cartucce militari ( con contrassegni militari, qualunque sia la palla montata), e dall'altra le cartucce civili ( con marchi civili) che non possono essere caricate con determinati tipi di proiettili.

Risulta inoltre ovvio perchè la 9 mm Para può essere utilizzata solo con palle in piombo. Leggendo la 110 in maniera letterale e considerando l'attenzione riposta alla destinazione d'uso delle cartucce militari, piuttosto che alle loro caratteristiche, hanno convenuto che le armi catalogate in questo calibro dovessero impiegare "munizionamento diverso da quello da guerra anche se sono predisposte ad utilizzare il munizionamento da guerra". Siccome il 9 mm Para è usato in configurazione FMJ per l'impiego bellico, ecco perchè ripiegare sul piombo. Poi, sempre leggendo la 110 /75 si evince che le cartucce civili non possono usare palle ad espansione ( uso consentito per scopi venatori o sportivi da una circolare, mi pare, quindi anche qui senza valore legale). Da qui il divieto di utilizzare anche per il 9 Para munizioni SP o HP.

Attenti perchè da uno che segue la 110 alla lettera ci si può aspettare che blocchi la commercializzazione delle cartucce surplus militare in Italia, così come l'uso di palle SP o HP anche per caccia!
D'altronde nel suo comunicato ammette candidamente che bisogna seguire la 110, che è una sorta di ulteriore limitazione ammessa dalle norma comunitarie, e non seguire le circolari che non hanno valore legale!
Se il Cacace di turno si domanda perchè usiate bossoli militari russi sui vostri Mosin Nagant e chiede un parere al BNP, questo è facile che risponda che sono parti di arma da guerra!!!!!!!!!
WHEN COMMISSIONS ARE ALL AROUND...GET DOWN TO WHISKEY
CERCO / SCAMBIO CARTUCCE INERTI E BOSSOLI...NEL CASO MANDATE UN PM !
Immagine
ImmagineImmagine
CIAO DAL...

belpi
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 2624
Iscritto il: 20/03/2012, 13:56
Località: Brescia

Re: banco di prova nazionale

Messaggio da belpi » 26/10/2012, 10:54

Pivi ha scritto:E' evidente che la 110/75 mostra i suoi limiti quando si ha a che fare con armi che nel 1975 non esistevano, per lo meno in Italia, come le pistole monocolpo e le carabine destinate al tiro a lunghissima distanza.
direi anche che la 110/75 mostra i suoi limiti non solo perché col tempo le armi disponibili sul mercato sono diverse da quelle che vi/ci permettevano nel 1975, ma anche perché adesso c'è un ente che si trova a doverla APPLICARE mentre prima c'era un ente che si trovava ad interpretarla (pure a capocchia, ma questo è un altro discorso).


una volta tolto di mezzo il "velo" della commissione e del catalogo, si vede chiaramente dove sta la magagna.
che è principalmente nella legge.

Dal
Livello 3
Livello 3
Messaggi: 506
Iscritto il: 28/09/2012, 16:15

Re: banco di prova nazionale

Messaggio da Dal » 26/10/2012, 11:12

belpi ha scritto:
Pivi ha scritto:E' evidente che la 110/75 mostra i suoi limiti quando si ha a che fare con armi che nel 1975 non esistevano, per lo meno in Italia, come le pistole monocolpo e le carabine destinate al tiro a lunghissima distanza.
direi anche che la 110/75 mostra i suoi limiti non solo perché col tempo le armi disponibili sul mercato sono diverse da quelle che vi/ci permettevano nel 1975, ma anche perché adesso c'è un ente che si trova a doverla APPLICARE mentre prima c'era un ente che si trovava ad interpretarla (pure a capocchia, ma questo è un altro discorso).


una volta tolto di mezzo il "velo" della commissione e del catalogo, si vede chiaramente dove sta la magagna.
che è principalmente nella legge.
La 110 è una legge di merda. Solo l'articolo 1 e 2 sono da manicomio. Troppo semplice per gli italiani dichiarare le armi vietate in modo che nessun burocrate potesse ignorare ciò che dice la legge. Bisognava aiutare il ministeriale di turno a trovare l'interpretazione contraria al cittadino.

Se fossi io il legislatore la abrogherei direttamente e metterei la legge di mori, ovviamente epurata delle varie stronzate che ci aveva messo probabilmente per far felice il ministero e con varie modifiche, tipo la possibilità per i collezionisti di detenere armi della categoria A (invece delle B7!) e deroga (permessa dalla direttiva ovviamente) per tutti i titolari di licenze in materia sulle HP. Tra le prime cose.

Leverei una tale quantità di stronzate e di appigli che al Ministero più di qualcuno si dispererebbe.


Fermo restando che BNP e Ministero non si stanno attenendo alla 110, ma stanno cercando di sfruttare l'ignoranza di alcuni per fare quello che meglio credono.
Ultima modifica di Dal il 26/10/2012, 11:15, modificato 1 volta in totale.

Bigstone
Livello 2
Livello 2
Messaggi: 267
Iscritto il: 30/05/2012, 20:53

Re: banco di prova nazionale

Messaggio da Bigstone » 26/10/2012, 11:14

peppino ha scritto:... non proprio, se un giudice dovesse dargli torto vedrai i danni che dovrà pagare e non sarà certo il ministero o gli altri "amici del quartierino" che li pagheranno.

Ciao a tutti.
Di leggi caspisco un pò meno di niente, ma su questo personale punto ho i miei dubbi.

Girlando agisce da dipendente del BNP, e personalmente non pagherà mai niente: EVENTUALMENTE, pagherà il BNP.

Da cui, delle due l' una: o il BNP è ente pubblico, e allora gli eventuali risarcimenti verranno erogati dalla pubblica amministrazione (il che finirà come sempre: soldi pubblici ai privati, magari e soprattutto quelli giusti) oppure è privato, nel qual caso al massimo lo fai fallire.

Dopodichè puoi tranquillamente mettere all' asta le scrivanie e la canna manometrica e dividerti la torta, sai che festa.

Miei 2 cents.

belpi
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 2624
Iscritto il: 20/03/2012, 13:56
Località: Brescia

Re: banco di prova nazionale

Messaggio da belpi » 26/10/2012, 11:24

Dal ha scritto:
belpi ha scritto:
Pivi ha scritto:E' evidente che la 110/75 mostra i suoi limiti quando si ha a che fare con armi che nel 1975 non esistevano, per lo meno in Italia, come le pistole monocolpo e le carabine destinate al tiro a lunghissima distanza.
direi anche che la 110/75 mostra i suoi limiti non solo perché col tempo le armi disponibili sul mercato sono diverse da quelle che vi/ci permettevano nel 1975, ma anche perché adesso c'è un ente che si trova a doverla APPLICARE mentre prima c'era un ente che si trovava ad interpretarla (pure a capocchia, ma questo è un altro discorso).


una volta tolto di mezzo il "velo" della commissione e del catalogo, si vede chiaramente dove sta la magagna.
che è principalmente nella legge.
La 110 è una legge di merda. Solo l'articolo 1 e 2 sono da manicomio.
guarda, già basterebbe togliere quella scemenza delle armi "tipo guerra" e sarebbe già un grande passo avanti.

e non sarebbe neanche un grande problema
neanche un cretino anti-armi per principio può pensare che il problema delle armi legittimamente detenute siano dei fuciloni che pesano come un motorino
anzi, per i delitti che possono essere commessi con armi legali è statisticamente più pericoloso un revolver in .38, con cui uno può andare una mattina in ufficio e sparare al collega o con cui può ammazzare la moglie, che un Barrett in .50
anche se il vero pericolo sono le persone, non le armi. la moglie si amamzza benissimo col coltello dell'arrrosto, il marito con il veleno per i topi.


però abbiamo dei governanti che sono sotto la soglia del cretinismo, anche perché c'è chi gli dà corda.
guarda che casino è successo quando hanno abolito il catalogo, con parlamentari che piangevano e paventavano la proliferazione di armi da guerra...

vi siete segnati chi erano e in che schieramento militavano?
perché tutti belli a lamentarsi sul forum, ma poi nell'urna magari si vota vendola ...

belpi
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 2624
Iscritto il: 20/03/2012, 13:56
Località: Brescia

Re: banco di prova nazionale

Messaggio da belpi » 26/10/2012, 11:45

Bigstone ha scritto:
peppino ha scritto:... non proprio, se un giudice dovesse dargli torto vedrai i danni che dovrà pagare e non sarà certo il ministero o gli altri "amici del quartierino" che li pagheranno.

Ciao a tutti.
Di leggi caspisco un pò meno di niente, ma su questo personale punto ho i miei dubbi.

Girlando agisce da dipendente del BNP, e personalmente non pagherà mai niente: EVENTUALMENTE, pagherà il BNP.
premesso che bisogna vedere chi e per cosa fa causa (io posso desiderare di avere un revolver in .500 S&W, ma se non me lo concedono che danno mi faccio risarcire? invece Bignami potrebbe avere una serie di contratti di prenotazione alle armerie, e lì un danno è molto più facile dimostrarlo)
prima di tutto paga l'amministrazione.
il BNP è un ente pubblico costituto, dipendente dal MInistero, e non un ufficio interno del Ministero.
quindi paga la amministrazione, ma con i fondi del BNP (finché ci sono) e non lo Stato, a meno che il Ministero si faccia carico.

in astratto il direttore che è responsabile del procedimento potrebbe anche subire una successiva azione di responsabilità.
però solamente se il suo comportamento fosse difforme dagli incarichi.
quindi, come si era già detto, è per circostanze indotto a preferire la soluzione "conservativa" rispetto a quella coraggiosa.

Dal
Livello 3
Livello 3
Messaggi: 506
Iscritto il: 28/09/2012, 16:15

Re: banco di prova nazionale

Messaggio da Dal » 26/10/2012, 11:49

belpi ha scritto: guarda, già basterebbe togliere quella scemenza delle armi "tipo guerra" e sarebbe già un grande passo avanti.

e non sarebbe neanche un grande problema
neanche un cretino anti-armi per principio può pensare che il problema delle armi legittimamente detenute siano dei fuciloni che pesano come un motorino
anzi, per i delitti che possono essere commessi con armi legali è statisticamente più pericoloso un revolver in .38, con cui uno può andare una mattina in ufficio e sparare al collega o con cui può ammazzare la moglie, che un Barrett in .50
anche se il vero pericolo sono le persone, non le armi. la moglie si amamzza benissimo col coltello dell'arrrosto, il marito con il veleno per i topi.


però abbiamo dei governanti che sono sotto la soglia del cretinismo, anche perché c'è chi gli dà corda.
guarda che casino è successo quando hanno abolito il catalogo, con parlamentari che piangevano e paventavano la proliferazione di armi da guerra...

vi siete segnati chi erano e in che schieramento militavano?
perché tutti belli a lamentarsi sul forum, ma poi nell'urna magari si vota vendola ...
Io li ho impressi bene quei nomi nella testa e voterò Lega anche per omaggiare chi si è sbattuto per il settore. Tutti a lamentarsi dei 5000€ al mese quando gli altri partiti rubano anche di più perché non hanno la minima idea di quanti soldi girino in quei posti, dove entri in un mondo dove tutto è possibile. Mi viene da ridere per l'ingenuità dell' opinione pubblica, che li ha visti come i grandi ladroni, quando se vedessero cosa accade con altri partiti allora ci vorrebbe la fucilazione. Ma così è.

Innanzitutto suggerisco di non votare PD, partito di Felice Casson (e Marilena Adamo) che pianse l'abolizione del catalogo nell' occasione del primo emendamento leghista dove veniva tolto l'articolo 1 e detto che le armi da guerra sono quelle della L185/90 e della categoria A dell'allegato I della direttiva europea.

Ma suggerisco di evitare tutta l'area di sinistra e di centro, sappiamo infatti tutti cosa pensa Casini in merito alle armi da fuoco, ossia che dovrebbero essere solo nelle mani delle FFOO.





Per la situazione del BNP: è noto agli addetti ai lavori che sono COMANDATI dal Ministero.

davide20
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 2185
Iscritto il: 09/03/2012, 20:55

Re: banco di prova nazionale

Messaggio da davide20 » 26/10/2012, 12:05

altri esempi........se il calibro .408 chey tac e' consentito....mha, che dire


carabina C1 .408 Chey-Tac FORTMEIER ISTANZA RIGETTATA: FUNZIONAMENTO ERRATO PERCHE' MANCA IL SISTEMA DI ALIMENTAZIONE. ATTENZIONE CHE SE NON VI E' CARICATORE/SERBATOIO IL NUMERO DI COLPI MASSIMO E' ZERO. MANCA IL PAESE DI IMPORTAZIONE CI RISERVIAMO DI CHIEDERE AL MINISTERO SE IL CALIBRO .408 CHEY-TAC E' CONSENTITO.

carabina C1 .408 Chey-Tac Fortmeier RIGETTATA IN QUANTO PRESENTA CARATTERISTICHE BALISTICHE E DI IMPIEGO COMUNI CON LE ARMI DA GUERRA. IL CODICE IDENTIFICATIVO PRECEDENTEMENTE CONFERITO è STATO ANNULLATO
Verba volant, scripta manent

peppino
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 98
Iscritto il: 22/01/2011, 11:58

Re: banco di prova nazionale

Messaggio da peppino » 26/10/2012, 12:52

.. scusami Belpi ma non posso che dissentire il tuo discorso sulle armi lunghe e corte.
Tutta l'Europa intende per arma corta le armi con canna inferiore a 300 mm oppure lunghezza inferiore a 600mm (quindi o l'una o l'altra).
In questo modo o sono stupidi tutti i produttori, importatori/esportatori e commercianti europei oppure qualcuno oltre a te si sta sbagliando.
Credimi non parlo a vanvera o per sentito dire ma ti garantisco che le armi come ad es. l'MP5 in europa è considerata carbine mentre da noi una volta è considerata carabina quindi arma lunga (vi ricordate la catalogazione della NJ) un'altra volta è pistola) catalogazione MKE.
L'MP5 della MKE in Germania è considerata arma lunga e come questi posso farti una serie infinite di modelli come ad es. lo stesso 553 SIG

Spero di non ritornare su questo punto.

Ciao a tutti.

belpi
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 2624
Iscritto il: 20/03/2012, 13:56
Località: Brescia

Re: banco di prova nazionale

Messaggio da belpi » 26/10/2012, 12:58

peppino ha scritto:.. scusami Belpi ma non posso che dissentire il tuo discorso sulle armi lunghe e corte.
Tutta l'Europa intende per arma corta le armi con canna inferiore a 300 mm oppure lunghezza inferiore a 600mm (quindi o l'una o l'altra).
sì, anche io.

Pivi
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 6729
Iscritto il: 22/12/2010, 19:02
Località: Loneriacco di Tarcento - Udine

Re: banco di prova nazionale

Messaggio da Pivi » 26/10/2012, 13:14

In ogni caso l'atteggiamento del BNP è agghiacciante. Come si fa a dire "speriamo che qualcuno faccia causa così un giudice stabilisce cosa è legale e cosa no?"

Per far passare anni ? Per far perdere tempo e denaro ai costruttori / importatori?

Il ministero dell'interno, divisione armi ed esplosivi cosa fa? Esiste o no? Non può spegnere facebook e dare un parere?
WHEN COMMISSIONS ARE ALL AROUND...GET DOWN TO WHISKEY
CERCO / SCAMBIO CARTUCCE INERTI E BOSSOLI...NEL CASO MANDATE UN PM !
Immagine
ImmagineImmagine
CIAO DAL...

Bigstone
Livello 2
Livello 2
Messaggi: 267
Iscritto il: 30/05/2012, 20:53

Re: banco di prova nazionale

Messaggio da Bigstone » 26/10/2012, 13:31

Pivi ha scritto:Il ministero dell'interno, divisione armi ed esplosivi cosa fa? Esiste o no? Non può spegnere facebook e dare un parere?
Perdonami Pivi, oggi ce l' ho con te.

La risposta alla tua domanda passa su due cardini: come e perchè.

Come: come faccio a dare un parere se, come tu stesso hai detto in altro 3d, le leggi al riguardo sono palesemente in contraddizione?

Ma soprattutto: perchè dovrei farlo, quando posso passare impunemente il mio tempo su facebook, fottendomene di quello che dovrebbe essere il mio lavoro, che sono peraltro impossibilitato a svolgere?

Bisognerebbe buttare tutto l'ordinamento attuale nel cesso e riscriverlo da capo.

Però questo non è possibile, perchè servirebbe un enorme lasso di tempo, e nel frattempo non puoi bloccare il lavoro delle aziende e lasciare in un limbo il cittadino.

Allora bisognerebbe riformare il parlamento, ma questo non è posibile perchè, storicamente, nessuna struttura umana si è mai autoregolata a proprio discapito.

Bisognerebbe allora buttare il Paese nel cesso e rifarlo da capo: ho paura che questa sarà la soluzione, solo non credo che il risultato sarà -per noi, globalmente- migliorativo.

Miei -definitivi, sull' argomento- 2 cents.

peppino
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 98
Iscritto il: 22/01/2011, 11:58

Re: banco di prova nazionale

Messaggio da peppino » 26/10/2012, 13:46

... ma la cosa ancora pìu vergognosa è che in tutto questo schifo l'ANPAM, Assoarmieri, Conarmi (Pedersoli) etc. etc. stanno zitti e non dicono nulla o magari solo qualche laconico comunicato.

Signori dove siete?? o qualcuno vi ha ordinato di stare zitti??

Ciao a tutti.

Dal
Livello 3
Livello 3
Messaggi: 506
Iscritto il: 28/09/2012, 16:15

Re: banco di prova nazionale

Messaggio da Dal » 26/10/2012, 13:59

Pivi ha scritto:In ogni caso l'atteggiamento del BNP è agghiacciante. Come si fa a dire "speriamo che qualcuno faccia causa così un giudice stabilisce cosa è legale e cosa no?"

Per far passare anni ? Per far perdere tempo e denaro ai costruttori / importatori?

Il ministero dell'interno, divisione armi ed esplosivi cosa fa? Esiste o no? Non può spegnere facebook e dare un parere?
Il ministero dell'interno non da pareri perché i suoi pareri non sono fonte di diritto.


Non lo da ufficialmente, ufficiosamente stanno comandando girlando come una marionetta.

torquemada
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1065
Iscritto il: 29/05/2012, 18:07

Re: banco di prova nazionale

Messaggio da torquemada » 27/10/2012, 11:26

non essendo documenti miei ho chieso al destinatarioil permesso di pubblicarli, ecco uno dei vari rifiuti emessi dal banco ( magario ra belpi ci crede senza tirare furi il 6.8 o altre fesserie)

strano che questo abbia lapotenzialità offensia quelli di tfc classificati no eppure sono sempre 460 stayr.....

Immagine

Immagine


se qualcuno aveva dubbi....

bentornato catalogo e commissioni tutti fusi in unico elemento della ex commissione


insiomma o stesso liquame che appesta ogni possibile settore bucratico e governativo del nostro belpaese nella sua massima espressione.....

Rispondi