Sicurezza ricarica canna liscia (12GA)

polveri, dosi, dubbi
Rispondi
Maurizio80
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 20
Iscritto il: 03/11/2020, 15:58

Sicurezza ricarica canna liscia (12GA)

Messaggio da Maurizio80 » 08/11/2021, 12:52

Carico da non molto il cal 12 utilizzando cartucce da sparare esclusivamente in canna CILINDRICA, SENZA alcun strozzatore.

Pur dopo aver letto ampia documentazione, fra la quale l'ottimo manuale di Bordin e considerato che l'aspetto della sicurezza è uno dei primi che mi preme prendere in esame, mi rimane un dubbio che vi espongo facendo alcune premesse.

Gli incidenti più gravi nell'uso di cartucce ricaricate deriva generalmente da due eventi:

- sovra pressioni determinate dalla scelta di dosi e componenti errati (es troppa polvere, troppo piombo, ecc...)

- basse pressioni che determinano l'incastro di un primo proiettile (slug) in canna e sparo del successivo che trova opposizione

Secondo esperimenti svolti lo sbossolamento avviene regolarmente per tutti i tipi di chiusura con la sola forza dell'innesco, il quale genera una pressione generalmente 4-5 volte superiore al necessario.

Nei manuali di ricarica viene sempre consigliato di rimanere nel range minimo e massimo di propellente proprio per evitare problemi di pressioni troppo basse e possibile NON fuoriuscita del proiettile dalla canna, tale discorso a maggior ragione è valido nelle armi a canna rigata, così come pressione superiore a quelle indicate dalle norme CIP.

Se consideriamo il solo aspetto della sicurezza e NON le prestazioni balistiche, la domanda è: nelle armi a canna liscia CILINDRICA, per quali motivi vi sarebbero dei rischi nell'uso di una dose di propellente INFERIORE a quelle consigliate, visto che il proiettile è libero di uscire senza impedimenti praticamente con la sola forza dell'innesco ?

oto-melara
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1456
Iscritto il: 21/12/2010, 18:30
Località: Abruzzese adottato in val Camonica

Re: Sicurezza ricarica canna liscia (12GA)

Messaggio da oto-melara » 08/11/2021, 13:38

..Secondo esperimenti svolti lo sbossolamento avviene regolarmente per tutti i tipi di chiusura con la sola forza dell'innesco, il quale genera una pressione generalmente 4-5 volte superiore al necessario.....
Come hai letto, l'innesco ti garantisce la fuoriuscita del proiettile dal bossolo, non dalla canna...
Quando si spara si spara...non si parla (Tuco)

AIMII
Livello 2
Livello 2
Messaggi: 287
Iscritto il: 01/03/2017, 23:09

Re: Sicurezza ricarica canna liscia (12GA)

Messaggio da AIMII » 10/11/2021, 22:08

Caro Maurizio80,

premetto di non essere un'esperto di munizioni per canna liscia ma ho l'impressione che tu abbia troppe certezze a fronte di prove non necessariamente esaustive, provo a spiegarmi:

a- dubito molto che la risposta dei meccanismi di un fucile a corto rinculo, di uno a recupero di gas e di un sistema inerziale siano lontanamente paragonabili, questo vale anche in caso dell'esplosione del slo inesco (sarebbe poi utile sapere quale innesco dietro a cosa, messo come), questo senza considerare che il bossolo sparato col solo innesco o con la polvere si dilata etc. in modo piuttosto diverso;
b- che la balistica interna quando si esplode il solo inesco e l'innesco con polvere e palla (presumo a quella ti riferissi) sia simile e' del tutto arbitrario e, a mio sommesso avviso, fortemente inesatto;
c- che con le pressioni che salgono in brevissimo tempo enormemente, la presenza della palla e dell'orlatura (pur in canna del tutto cilindrica) sia trascurabile mi pare altro errore di non poco conto, se non altro perche' non tiene conto delle forature effettive della canna, dei borraggi e di tante altre cose.

Cordialmente
aim



Maurizio80 ha scritto:
08/11/2021, 12:52
Carico da non molto il cal 12 utilizzando cartucce da sparare esclusivamente in canna CILINDRICA, SENZA alcun strozzatore.

Pur dopo aver letto ampia documentazione, fra la quale l'ottimo manuale di Bordin e considerato che l'aspetto della sicurezza è uno dei primi che mi preme prendere in esame, mi rimane un dubbio che vi espongo facendo alcune premesse.

Gli incidenti più gravi nell'uso di cartucce ricaricate deriva generalmente da due eventi:

- sovra pressioni determinate dalla scelta di dosi e componenti errati (es troppa polvere, troppo piombo, ecc...)

- basse pressioni che determinano l'incastro di un primo proiettile (slug) in canna e sparo del successivo che trova opposizione

Secondo esperimenti svolti lo sbossolamento avviene regolarmente per tutti i tipi di chiusura con la sola forza dell'innesco, il quale genera una pressione generalmente 4-5 volte superiore al necessario.

Nei manuali di ricarica viene sempre consigliato di rimanere nel range minimo e massimo di propellente proprio per evitare problemi di pressioni troppo basse e possibile NON fuoriuscita del proiettile dalla canna, tale discorso a maggior ragione è valido nelle armi a canna rigata, così come pressione superiore a quelle indicate dalle norme CIP.

Se consideriamo il solo aspetto della sicurezza e NON le prestazioni balistiche, la domanda è: nelle armi a canna liscia CILINDRICA, per quali motivi vi sarebbero dei rischi nell'uso di una dose di propellente INFERIORE a quelle consigliate, visto che il proiettile è libero di uscire senza impedimenti praticamente con la sola forza dell'innesco ?

Avatar utente
paolo.brsh@gmail.com
Livello 2
Livello 2
Messaggi: 284
Iscritto il: 09/01/2018, 18:16

Re: Sicurezza ricarica canna liscia (12GA)

Messaggio da paolo.brsh@gmail.com » 11/11/2021, 10:19

ciao
non è vero che poca polvere non causa problemi,
mi ricordo perfettamente che nei primi anni 80
quando per il 357 e il 44mg era arrivata la WW 296, c'era una nota in grassetto sul manuale WW
che specificava di non scendere mai sotto le cariche minime consigliate,
perchè specificato come pericolosissimo e nei calibri a canna liscia
è comunque scritto come importantissima la giusta borra proprio per evitare combustioni anomale
se il bossolo resta vuoto.
ciao
paolo brsh

Maurizio80
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 20
Iscritto il: 03/11/2020, 15:58

Re: Sicurezza ricarica canna liscia (12GA)

Messaggio da Maurizio80 » 16/11/2021, 20:45

Allora facciamo un esempio pratico:

cartuccia testata e bancata con velocità e pressioni ottimali (supponiamo 380 m/s e 600 bar)
bossolo 12/70 T2,
1,6 grammi di polvere,
32 grammi di pallini numero 7,5
borra contenitore da 25 mm

Produco la stessa cartuccia con 0,8 grammi di polvere (la metà) accorciando il bossolo opportunamente quanto basta per compensare il minore volume di polvere e di mantenere la stessa compressione dei componenti.

Ho prodotto una cartuccia potenzialmente pericolosa ? se si per quale motivo ?

Avatar utente
paolo.brsh@gmail.com
Livello 2
Livello 2
Messaggi: 284
Iscritto il: 09/01/2018, 18:16

Re: Sicurezza ricarica canna liscia (12GA)

Messaggio da paolo.brsh@gmail.com » 17/11/2021, 11:04

ciao
per prima cosa nessuno che ricarica da un pochino si sognerebbe di dare una risposta del genere,
nè positiva nè negativa, devi provare in canna manometrica a tue spese,
poi considera che non è il fatto di ridurre la carica che ti mette al riparo da conseguenze,
le polveri hanno composizioni chimiche e struttura fisica diverse e quindi
non si comportano tutte nello stesso modo...
ciao

Avatar utente
Minohp35
Livello 2
Livello 2
Messaggi: 285
Iscritto il: 23/12/2010, 17:06
Località: Bari provincia

Re: Sicurezza ricarica canna liscia (12GA)

Messaggio da Minohp35 » 18/11/2021, 12:13

Maurizio80 ha scritto:
16/11/2021, 20:45
Allora facciamo un esempio pratico:

cartuccia testata e bancata con velocità e pressioni ottimali (supponiamo 380 m/s e 600 bar)
bossolo 12/70 T2,
1,6 grammi di polvere,
32 grammi di pallini numero 7,5
borra contenitore da 25 mm

Produco la stessa cartuccia con 0,8 grammi di polvere (la metà) accorciando il bossolo opportunamente quanto basta per compensare il minore volume di polvere e di mantenere la stessa compressione dei componenti.

Ho prodotto una cartuccia potenzialmente pericolosa ? se si per quale motivo ?
una carica bassa solitamente non da problemi, anche perchè un canna regge ben più dei bar a cui è stata testata.
Quei 0.8 di cui parli potrebberero creare un problema (carica che si pianta in canna o molto più raramente un picco pressorio fuori dalla camera dove gli spessori degli acciai sono più bassi) se vengono impiegati in un bossolo lungo e con carica standard, per esempio 32 grammi con 0.8 di polvere o anche 16 di piombo con 0.8, l'anomalia sta tutta nell'altezza del borraggio che più è alto e morbido (come il plastico) meno intasamento/pressione si crea, per inciso la distanza piombo/polvere è uno degli aspetti determinanti nelle pressioni di esercizio di una cartuccia, certo anche l'elasticità del borraggio stesso incide, un borraggio alto in plastica con molleggio creerà poco intasamento (meno pressione) di uno rigido fatto di feltro.
Quindi la distanza polvere/piombo è inversamente proporzionale alla pressione generata sempre con tutte le variabili del caso che nel canna liscia sono tante...
Usando quel 0.8 di polvere in bossolo accorciato non si fa altro che riequilirare (a grandi linee....) la pressione interna di esercizio, non meno importante è anche il calibro...più sono picoli è più le pressioni diventano alte...il 12 perdona quasi sempre...

Maurizio80
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 20
Iscritto il: 03/11/2020, 15:58

Re: Sicurezza ricarica canna liscia (12GA)

Messaggio da Maurizio80 » 30/11/2021, 16:02

grazie dei commenti e delle osservazioni.

Rispondi