Pertinenze abitazione e porto.

legislazione armiera, novità legislative e amministrative, giurisprudenza e dottrina.
customs

Pertinenze abitazione e porto.

Messaggio da customs » 11/09/2019, 13:37

Cosa ne pensate: io facendo un po' di ricerche e dopo avere letto pareri e sentenze sono giunto alla conclusione che il titolare di TAV può portare la propria arma anche nelle appartenenze, o pertinenze, dell'abitazione.
E questo vale senz'altro per un giardino o un cortile attigui e RECINTATI.
Ma se si tratta di un locale accatastato appunto come pertinenza della casa in cui abbiamo la residenza e la denuncia delle armi, ma lontano qualche centinaio di metri?
Io ho capito che se posseggo un box, una cantina, ecc... che risultino pertinenze dell'abitazione principale e NON aperti al transito pubblico, posso colà TRASPORTARVI una delle mie armi e una volta giunto ed entrato PORTARVI, o tenere approntata, l'arma stessa carica.
Lo so, è una domanda oziosa ed accademica perchè, almeno nel mio caso, escludo di fare tale cosa.
È solo per chiarimento e uno scambio di opinioni.

Alex39
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1461
Iscritto il: 22/05/2013, 18:57

Re: Pertinenze abitazione e porto.

Messaggio da Alex39 » 11/09/2019, 19:01

E bene non divagare e fare acrobatiche arrampicate sugli specchi, per qualsiasi autorizzazione di PS, in fatto di armi, esiste sempre il giustificato motivo.
Conosco un tizio, che quando parla di armi il solo argomento che ha è il potere di arresto dei calibri da pistola e che ha la fissa di girare armato fino ai denti nel suo giardino, con una siepe alta 2 metri che lo circonda. Forse a bisogno dello psicologo, dico io.
Credo che lo possa fare, però non sono sicuro se gli affacci gli possono vietare di farlo.

customs

Re: Pertinenze abitazione e porto.

Messaggio da customs » 11/09/2019, 20:05

Alex39 ha scritto:E bene non divagare e fare acrobatiche arrampicate sugli specchi, per qualsiasi autorizzazione di PS, in fatto di armi, esiste sempre il giustificato motivo.
Conosco un tizio, che quando parla di armi il solo argomento che ha è il potere di arresto dei calibri da pistola e che ha la fissa di girare armato fino ai denti nel suo giardino, con una siepe alta 2 metri che lo circonda. Forse a bisogno dello psicologo, dico io.
Credo che lo possa fare, però non sono sicuro se gli affacci gli possono vietare di farlo.
Continui a parlare di personaggi interessati soltanto al potere di arresto e a come uccidere la gente ... ma li conosci tutti tu?!

customs

Re: Pertinenze abitazione e porto.

Messaggio da customs » 11/09/2019, 20:11

Alpha63 ha scritto:Nelle pertinenze recintate si, ma se queste pertinenze sono staccate dall'edificio.... mi sa che ha ragione Alex39.
Sostenere il trasporto per giustificato motivo per il tragitto, pur breve, fino alla "pertinenza remota" per poi giare armato in essa è ragionamento che non regge, anche se per la cassazione una pertinenza è tale anche se fisicamente staccata dall'abitazione.
https://www.lavorincasa.it/pertinenza/
Be' ad esempio posso andare la sera in garage, che magari si trova in zona isolata e mal frequentata, per lavorare fino a tardi sulla mia auto o moto; per dire.
Per fugare dubbi sulla mia sanità mentale, a favore di chi se ne preoccupa ogni qualvolta si parla di armi non solo per il tiro a fogli di carta, ribadisco che il discorso è accademico.

lepanto357
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1251
Iscritto il: 22/03/2016, 14:55

Re: Pertinenze abitazione e porto.

Messaggio da lepanto357 » 11/09/2019, 20:44

Un conoscente ha una propietà cintata lunga circa 200 metri che comprende al suo interno pertinenze staccate (di poco) dall'abitazione e all'interno del perimetro gira armato. C'è n'è motivo : il luogo è piuttosto isolato e soggetto a intrusioni. Secondo i Carabinieri può farlo, anche con il solo Tav.

customs

Re: Pertinenze abitazione e porto.

Messaggio da customs » 11/09/2019, 20:47

lepanto357 ha scritto:Un conoscente ha una propietà cintata lunga circa 200 metri che comprende al suo interno pertinenze staccate (di poco) dall'abitazione e all'interno del perimetro gira armato. C'è n'è motivo : il luogo è piuttosto isolato e soggetto a intrusioni. Secondo i Carabinieri può farlo, anche con il solo Tav.
Sì perchè in quel caso più delle pertinenze "fa testo" l'area recintata privata intorno all'abitazione.

Beppepac
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1127
Iscritto il: 21/12/2010, 17:52
Località: Torino

Re: Pertinenze abitazione e porto.

Messaggio da Beppepac » 12/09/2019, 8:44

La questione e semplice Villa singola recintata con alcuni ettari di giardino, posso portare l'arma ovunque nella mia proprietà!
Se si abita in un condominio puoi uscire sul pianerottolo col porto ,ma se decidi di andare in garage di tua proprietà puoi farlo solo col trasporto, non abitando nel garage puoi smontarla e pulirla ma non puoi tenerla alla cintura.


customs ha scritto:Cosa ne pensate: io facendo un po' di ricerche e dopo avere letto pareri e sentenze sono giunto alla conclusione che il titolare di TAV può portare la propria arma anche nelle appartenenze, o pertinenze, dell'abitazione.
E questo vale senz'altro per un giardino o un cortile attigui e RECINTATI.
Ma se si tratta di un locale accatastato appunto come pertinenza della casa in cui abbiamo la residenza e la denuncia delle armi, ma lontano qualche centinaio di metri?
Io ho capito che se posseggo un box, una cantina, ecc... che risultino pertinenze dell'abitazione principale e NON aperti al transito pubblico, posso colà TRASPORTARVI una delle mie armi e una volta giunto ed entrato PORTARVI, o tenere approntata, l'arma stessa carica.
Lo so, è una domanda oziosa ed accademica perchè, almeno nel mio caso, escludo di fare tale cosa.
È solo per chiarimento e uno scambio di opinioni.

customs

Re: Pertinenze abitazione e porto.

Messaggio da customs » 12/09/2019, 8:50

Sì, ma da quanto ho capito io, una volta giunto nella pertinenza trasportando l'arma la puoi caricare e tenere pronta.
Ma magari sbaglio.
Tanto è vero che puoi tenere l'arma al fianco anche nel luogo di lavoro, privato, se hai denunciato colà la detenzione di una delle tue armi. Oppure in una seconda casa.

customs

Re: Pertinenze abitazione e porto.

Messaggio da customs » 12/09/2019, 14:36

Alpha63 ha scritto:
customs ha scritto:Sì, ma da quanto ho capito io, una volta giunto nella pertinenza trasportando l'arma la puoi caricare e tenere pronta.
Ma magari sbaglio.
Tanto è vero che puoi tenere l'arma al fianco anche nel luogo di lavoro, privato, se hai denunciato colà la detenzione di una delle tue armi. Oppure in una seconda casa.
Purchè NON sia aperto al pubblico. Non in negozio o in officina, per esempio.
Come no, e le gioiellerie e affini allora?
Um conto è il luogo pubblico, un altro il luogo aperto al pubblico, ma privato.

Beppepac
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1127
Iscritto il: 21/12/2010, 17:52
Località: Torino

Re: Pertinenze abitazione e porto.

Messaggio da Beppepac » 12/09/2019, 15:36

customs ha scritto:Tanto è vero che puoi tenere l'arma al fianco anche nel luogo di lavoro, privato, se hai denunciato colà la detenzione di una delle tue armi. Oppure in una seconda casa.

Credo che il nuovo art. 52 voglia dire proprio quello!!

Art. 52. Difesa legittima
3 - Le disposizioni di cui al secondo e al quarto comma si applicano anche nel caso in cui il fatto sia avvenuto all'interno di ogni altro luogo ove venga esercitata un'attività commerciale, professionale o imprenditoriale.

customs

Re: Pertinenze abitazione e porto.

Messaggio da customs » 12/09/2019, 18:23

Il commerciante o il professionista o l'artigiano l'arma la custodiscono e detengono sul luogo di lavoro, anche col solo tav. Infatti si possono detenere più armi in più posti, con le necessarie condizioni di custodia.
Era per dire che non solo nell'abitazione principale è possibile portare l'arma.
Che poi, a rigor di regolalmenti, penso che sia possibile il trasporto fino alla propria attività ritenuta a rischio e viceversa. Infatti la legge contempla il caso di legittima difesa armata in tali locali, e non intende il porto per difesa perché sarebbe ovvio; per i titolari di tale porto la difesa legittima armata vale anche per la strada semmai, mentre chi ha il tav non è legittimato neppure (per assurdo) a montare e caricare l'arma in caso di aggressione per la strada.

customs

Re: Pertinenze abitazione e porto.

Messaggio da customs » 12/09/2019, 19:07

Alpha63 ha scritto:Si customs, io intendo che chi la detiene a casa non può portarla in negozio, in caso contrario ovvio che si.

Sul giustificato motivo del trasporto casa-negozio se non ivi detenuta non sono d'accordo, è una interpretazione e come tale va adottata quella più restrittiva...
Sì certo, data la delicatezza della questione è meglio, nel dubbio, rimanere sempre un gradino al di sotto ...
Per non parlare poi delle interpretazioni varie e variegate degli eventuali inquirenti.

Fra1
Livello 2
Livello 2
Messaggi: 274
Iscritto il: 27/10/2016, 10:40

Re: Pertinenze abitazione e porto.

Messaggio da Fra1 » 13/09/2019, 9:12

customs ha scritto:Il commerciante o il professionista o l'artigiano l'arma la custodiscono e detengono sul luogo di lavoro, anche col solo tav. Infatti si possono detenere più armi in più posti, con le necessarie condizioni di custodia.
Era per dire che non solo nell'abitazione principale è possibile portare l'arma.
Che poi, a rigor di regolalmenti, penso che sia possibile il trasporto fino alla propria attività ritenuta a rischio e viceversa. Infatti la legge contempla il caso di legittima difesa armata in tali locali, e non intende il porto per difesa perché sarebbe ovvio; per i titolari di tale porto la difesa legittima armata vale anche per la strada semmai, mentre chi ha il tav non è legittimato neppure (per assurdo) a montare e caricare l'arma in caso di aggressione per la strada.
Customs, ciao.
Se ci sono i presupposti della legittima difesa, colui che si trovi in quella circostanza è legittimato a fare qualsiasi cosa.
Non soltanto caricare un'arma e usarla, ma (ripeto) qualsiasi cosa per difendere se stesso o altre persone.
Ovviamente, come ho detto, devono esserci i presupposti che la legge contempla perché si configuri la legittima difesa.
Ciao/Fra1

customs

Re: Pertinenze abitazione e porto.

Messaggio da customs » 13/09/2019, 11:04

Fra1 ha scritto:
customs ha scritto:Il commerciante o il professionista o l'artigiano l'arma la custodiscono e detengono sul luogo di lavoro, anche col solo tav. Infatti si possono detenere più armi in più posti, con le necessarie condizioni di custodia.
Era per dire che non solo nell'abitazione principale è possibile portare l'arma.
Che poi, a rigor di regolalmenti, penso che sia possibile il trasporto fino alla propria attività ritenuta a rischio e viceversa. Infatti la legge contempla il caso di legittima difesa armata in tali locali, e non intende il porto per difesa perché sarebbe ovvio; per i titolari di tale porto la difesa legittima armata vale anche per la strada semmai, mentre chi ha il tav non è legittimato neppure (per assurdo) a montare e caricare l'arma in caso di aggressione per la strada.
Customs, ciao.
Se ci sono i presupposti della legittima difesa, colui che si trovi in quella circostanza è legittimato a fare qualsiasi cosa.
Non soltanto caricare un'arma e usarla, ma (ripeto) qualsiasi cosa per difendere se stesso o altre persone.
Ovviamente, come ho detto, devono esserci i presupposti che la legge contempla perché si configuri la legittima difesa.
Ciao/Fra1
Sì è vero, ma essendo la faccenda "armiera" sottoposta a mille regolamenti e, purtroppo altrettante interpretazioni sia da PM che GIP ... credo sia difficile passarla liscia in un caso come quello, fortemente ipotetico, di specie.
So che ci si può legittimamente difendere con qualunque oggetto ... tranne che con le armi, nel nostro paese!

cisco60
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 5453
Iscritto il: 13/05/2017, 17:28

Re: Pertinenze abitazione e porto.

Messaggio da cisco60 » 13/09/2019, 14:53

Riallacciandomi al discorso, in modo molto pratico e realistico, nel caso
una persona indagata e "prosciolta" oppure giudicata definitivamente "innocente",
può rientrare in qualche modo delle spese legali e peritali, sostenute ? Oltre ad
un'assicurazione personale, chi non fosse stato così previdente o non coprisse una
somma cospicua, cosa potrebbe fare ? Tra le righe di altri post, probabilmente se n'è
già parlato ma mi sovviene solo il discorso assicurativo. Di altri scenari, oltre a persone
che abbiano beneficiato di raccolta fondi da parte della comunità d'appartenenza, non ricordo.
Grazie e scusate la lungaggine.
:october:

cisco60
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 5453
Iscritto il: 13/05/2017, 17:28

Re: Pertinenze abitazione e porto.

Messaggio da cisco60 » 13/09/2019, 15:22

Grazie, gentilissimo come sempre.
:october: :bacio:

customs

Re: Pertinenze abitazione e porto.

Messaggio da customs » 13/09/2019, 17:38

Guarda che se cerchi una raccolta fondi ... mi sa che qui caschi male!

cisco60
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 5453
Iscritto il: 13/05/2017, 17:28

Re: Pertinenze abitazione e porto.

Messaggio da cisco60 » 13/09/2019, 19:42

Ah no, allora ritiro tutto. Ci sono già io col braccino corto. :bla: :ocho:
:october: :bacio:

customs

Re: Pertinenze abitazione e porto.

Messaggio da customs » 13/09/2019, 20:11

cisco60 ha scritto:Ah no, allora ritiro tutto. Ci sono già io col braccino corto. :bla: :ocho:
:october: :bacio:
Ehi ma hai messo due faccette che si fanno le coccole?!
Vade retro Saragat!!

cisco60
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 5453
Iscritto il: 13/05/2017, 17:28

Re: Pertinenze abitazione e porto.

Messaggio da cisco60 » 14/09/2019, 0:17

Sostituiscono l'abbraccio fraterno e cordiale. Di la, le faccine
apposite ci sono. Che vergogna. :ops:
:october:

Rispondi