SICUREZZA Personale e Rischio

legislazione armiera, novità legislative e amministrative, giurisprudenza e dottrina.

Re: SICUREZZA Personale e Rischio

Messaggioda Alpha63 » 01/10/2018, 19:20

Uccidere per impossessarsi dei beni no, è una ipotesi sciocca. A meno che gli attentatori siano eredi.
Studiare orari e movimenti a scopo di rapina è cosa che dura 1-2 giorni ed avviene con discrezione, ma non si viene pedinati quando ci si allontana; è sufficiente sapere gli orari di uscita e rientro e non dove si va.
Prelievo organi? Mah! In questi termini mi sembra una cosa più da romanzo che reale.

Secondo me sono nomadi o affini (anche nostrani) in cerca del momento buono per entrare in casa. Ovvio che se il soggetto non fa alcuna segnalazione qualunque cosa succeda se la prenda con se stesso.
“Mi sento vivo davanti a un tegame. Il profumo di un buon ragù l'adoprerei anche come dopobarba. Un piatto di fettuccine intrecciate o una oblunga forma d'arrosto per me sono sculture vitali”

Immagine

In Sicilia la linea più breve tra due punti è un arabesco
Avatar utente
Alpha63
Livello 5
Livello 5
 
Messaggi: 19027
Iscritto il: 21/12/2010, 20:44
Località: Pianeta Terra

Re: SICUREZZA Personale e Rischio

Messaggioda panella » 01/10/2018, 19:37

marcanto10 ha scritto:Mi raccontava anche di sospetti in merito a dei "controlli" sul suo conto corrente e dei relativi importi che sono noti a queste persone. Ossia questi soggetti sanno del conto corrente e dei relativi importi su di esso depositati.



come fa a sapere di questi controlli sulla disponibilità del conto corrente?
Questa condotta di per sè costituisce un reato....se l'impiegato di banca o il funzionario dell'agenzia delle entrate (o chiunque a causa del proprio lavoro è in possesso di tali informazioni) divulga a terzi questi dati prende una bella denuncia penale......e perde anche il posto di lavoro.

se lo vogliono fare sparire gli unici titolati a prendere dei soldi sono gli eredi
se gli vogliono estorcere del denaro il discorso cambia

ma siamo in ipotesi al limite della realtà...con gente dal dna criminale.....
panella
Livello 4
Livello 4
 
Messaggi: 1208
Iscritto il: 06/03/2013, 15:22

Re: SICUREZZA Personale e Rischio

Messaggioda marcanto10 » 01/10/2018, 20:48

come fa a sapere di questi controlli sulla disponibilità del conto corrente?

è una domanda che gli ho rivolto anche io, la risposta che mi ha dato è:
avendo "rubato" frasi e discorsi di soggetti terzi parenti .....in realtà parenti alla larga ci sono segnatamente dei cugini.

e l'ipotesi di parenti interessati non è del tutto fuori luogo .....sono gli unici e soli che potrebbero reclamare l'eredità ......
ma di fronte ad una possibile scomparsa sospetta, come un non ritrovamento, in che modo si porrebbero le loro posizioni ???

credo che sia valida anche l'indicazione che chi ti vuol rubare vaglia solo quando esci e quando entri e basta .......non ti viene anche dietro per vedere dove vai. Quindi questi perchè lo fanno ......

Ritorna ancora il suggerimento della denuncia o segnalazione, ma cosa si denuncia senza avere delle prove, si rischia solo di essere presi per matti e di non essere considerati seriamente .......non vi pare ???
Avatar utente
marcanto10
Livello 1
Livello 1
 
Messaggi: 140
Iscritto il: 05/11/2014, 12:43

Re: SICUREZZA Personale e Rischio

Messaggioda marcanto10 » 01/10/2018, 22:31

In merito alle conoscenze delle disponibilità del conto corrente >
credo che agli ambienti della delinquenza, della mala vita, non siano informazioni difficili da ottenere, basta solo conoscere l'istituto bancario in questione.
Avatar utente
marcanto10
Livello 1
Livello 1
 
Messaggi: 140
Iscritto il: 05/11/2014, 12:43

Re: SICUREZZA Personale e Rischio

Messaggioda Alpha63 » 01/10/2018, 22:53

Perdonami marcanto, ma più andiamo avanti e più mi sembra una storia romanzata.
In caso di sparizione prima che sia sancita la morte presunta fanno in tempo a morire anche i cugini. Informazioni bancarie... ma l'impiegato infedele è così idiota da andare a raccontare alla vittima di avere spifferato? No, scusami ma quel tuo amico ti sta "cuntannu la menza missa" oppure ha manie di persecuzione ed improvvisa, male per giunta.
Una segnalazione, se è vero quel che dice, non lo classifica un matto. Non più di quanto faccia il suo atteggiamento attuale.
Scusami, nulla di personale.
“Mi sento vivo davanti a un tegame. Il profumo di un buon ragù l'adoprerei anche come dopobarba. Un piatto di fettuccine intrecciate o una oblunga forma d'arrosto per me sono sculture vitali”

Immagine

In Sicilia la linea più breve tra due punti è un arabesco
Avatar utente
Alpha63
Livello 5
Livello 5
 
Messaggi: 19027
Iscritto il: 21/12/2010, 20:44
Località: Pianeta Terra

Re: SICUREZZA Personale e Rischio

Messaggioda andryb » 02/10/2018, 7:38

Ma da quanto tempo è iniziata questa storia?
Perché se sono settimane/mesi è da escludere il movente furto in appartamento, come è stato già detto. D'altro canto, se i presunti malintenzionati avessero diversi intendimenti, quanto durerebbe la fase di studio? Mica devono svaligiare la banca d'Italia... mah...
In ogni caso, se stanno veramente progettando azioni per attentare alla sua persona in funzione del suo patrimonio, vuol dire che lo stesso risulta essere cospicuo: pertanto, non dovrebbe essere un problema investire qualche soldo per ricorrere all'aiuto di persone qualificate.
Se poi invece tale situazione è stata percepita da diversi mesi ed ha generato uno stato d'ansia che magari sta sfociando anche in depressione, ma l'interessato continua comunque ad essere inerte di fronte al problema, allora le perplessità manifestate da altri nei post precedenti assumerebbero connotazioni assai più concrete...
andryb
Livello 1
Livello 1
 
Messaggi: 135
Iscritto il: 06/04/2011, 13:39

Re: SICUREZZA Personale e Rischio

Messaggioda marcanto10 » 01/01/2019, 18:20

Riprendo questa vicenda per descrivere gli ultimi avvenimenti
So che è antipatico ri-vitalizzare una discussione di alcuni mesi fa perchè in genere non si ricorda il tutto, ma data la situazione chiedo un attimo di pazienza a tutti per ricordare o rinfrescare la memoria con una parziale rilettura dei post precedenti.

Negli ultimi due mesi, la persona protagonista della vicenda, è stata vittima di continue e numerose vessazioni, violenze di natura psicologica.
Tipo: recandosi nei luoghi tipici che frequentava, salumeria, panificio, farmacia, supermercato etcc. ha notato che le solite persone che vedeva li bisbigliavano, e sussurrando frasi sottovoce, del tipo:
> è venuto il morto, sta quello a cui devono sparare ......
e cose del genere ossia una sorta di tormento psicologica
Contestualmente a questo, davanti all'ingresso carrabile della sua abitazione è iniziato un continuo posizionamento di auto in sosta e poste volutamente, in zona ci sono esercizi commerciali, ma negli ultimi tempi queste presenze si sono notevolmente intensificate.

Il pensiero che mi sono fatto io, ed anche lui
Lo scopo di tali atti: affinché lui esasperato perdesse la pazienza, sollecitare il suo stato nervoso e minare il suo equilibrio mentale ......in parole povere fargli perdere il senno.
Senno che ovviamente NON ha perso ed è perfettamente lucido ed è stato capace di razionalizzare la situazione.

Ora la questione è:
se le cose che indicavo al primo post erano dirette a studiarlo e gli atti successivi che ha subito avevano lo scopo di farlo impazzire ......
ora che l'obbiettivo dei responsabili è fallito o sta per fallire ......questi possono mettere in pratica azioni di natura fisica e violenta ?
Il dubbio è questo, e resta sempre il problema di come fare una denuncia, cosa che per ora non è stata ancora fatta.

Vi ringrazio ancora.
Avatar utente
marcanto10
Livello 1
Livello 1
 
Messaggi: 140
Iscritto il: 05/11/2014, 12:43

Re: SICUREZZA Personale e Rischio

Messaggioda lepanto357 » 01/01/2019, 18:41

A me sembra si tratti di manie di persecuzione; occhio a patente e porto d'armi. Comunque ci si può curare. Auguri
lepanto357
Livello 3
Livello 3
 
Messaggi: 927
Iscritto il: 22/03/2016, 14:55

Re: SICUREZZA Personale e Rischio

Messaggioda Ciccio49 » 02/01/2019, 8:24

Mi spiace dirlo,ma ha tutta l'aria di un" delirio".Il delirio in psichiatria è una aberrazione patologica del giudizio che non cede ne alla critica ne alla evidenza contraria dei fatti.Il delirio è spesso presente in tutte le forme psichiatriche maggiori,le psicosi.
Vim vi repellere licet
Avatar utente
Ciccio49
Livello 2
Livello 2
 
Messaggi: 402
Iscritto il: 17/11/2014, 18:51

Re: SICUREZZA Personale e Rischio

Messaggioda Alpha63 » 02/01/2019, 8:37

Spero che vorrai perdonare la mia franchezza, ma se gli sei davvero amico devi aiutarlo, non assecondarlo.
“Mi sento vivo davanti a un tegame. Il profumo di un buon ragù l'adoprerei anche come dopobarba. Un piatto di fettuccine intrecciate o una oblunga forma d'arrosto per me sono sculture vitali”

Immagine

In Sicilia la linea più breve tra due punti è un arabesco
Avatar utente
Alpha63
Livello 5
Livello 5
 
Messaggi: 19027
Iscritto il: 21/12/2010, 20:44
Località: Pianeta Terra

Re: SICUREZZA Personale e Rischio

Messaggioda marcanto10 » 02/01/2019, 15:59

No non cerco di assecondarlo, che può anche trattarsi di una patologia può anche essere.

In psicologia se si possono curare certe forme di persecuzioni o psicosi è anche vero che tali problematiche possono anche essere letteralmente indotte nei soggetti.

È sufficiente che ad un soggetto siano presentate certe situazioni (anche frasi) in modo costante e continuativo e in tali situazioni il cervello inizia ad assumere determinate posizioni in funzione delle situazioni che volutamente gli si sono poste.
Detto in parole povere le patologie di natura psicologica, toccando certi tasti, possono anche essere indotte volutamente.
Anche in soggetti palesemente sani.

Non è che io mi metto dalla sua parte assecondandolo,
ma non posso neppure escludere le volontà di altri soggetti interessati ad un suo delirio, e che in modo calcolato tentano di minarlo >>>> si immagini la "consulenza" di un psicologo compiacente e privo di scrupoli che indirizza determinate azioni da compiere affinché si possa indurre nel cervello degli effetti desiderati .......ed il gioco e fatto !!!!!!

comunque gli consiglierò di fare anche una consulenza psicologica per avere conferme o smentite, ed avere eventualmente cure
Ultima modifica di marcanto10 il 02/01/2019, 16:19, modificato 2 volte in totale.
Avatar utente
marcanto10
Livello 1
Livello 1
 
Messaggi: 140
Iscritto il: 05/11/2014, 12:43

Re: SICUREZZA Personale e Rischio

Messaggioda marcanto10 » 02/01/2019, 16:13

Ciccio49 ha scritto:Mi spiace dirlo,ma ha tutta l'aria di un" delirio".Il delirio in psichiatria è una aberrazione patologica del giudizio che non cede ne alla critica ne alla evidenza contraria dei fatti.Il delirio è spesso presente in tutte le forme psichiatriche maggiori,le psicosi.

Non saprei se hai letto integralmente la discussione oppure se ti sei limitato alla lettura limitata, ma parlare di delirio e addirittura di psichiatria mi sembra esagerato.
posso anche condividere aspetti di natura psicologici come quelli che indico qui sopra .....questo si.
Avatar utente
marcanto10
Livello 1
Livello 1
 
Messaggi: 140
Iscritto il: 05/11/2014, 12:43

Re: SICUREZZA Personale e Rischio

Messaggioda elzide » 07/01/2019, 14:40

andryb ha scritto:Se si è accorto che lo seguono, evidentemente ha individuato le persone che lo seguono; faccia una foto a queste persone (con il cell. oggigiorno è semplicissimo) in diverse occasioni, memorizzando luogo ed ora e porti le immagini al commissariato, in modo da poter circostanziare la segnalazione.
Anche se non sono in atteggiamento sospetto è pur sempre un inizio...
Un'altra possibilità è quella di incaricare un investigatore...


Condivido in pieno il suggerimento; tra l'altro, se chi lo pedina si accorgesse di essere stato fotografato, sarebbe ancora MEGLIO!
Ed infatti, nel caso che costui abbia davvero cattive intenzioni, sapendo di essere stato fotografato, solo per questo potrebbe essere indotto a desistere dai suoi eventuali cattivi propositi, in quanto:
- capirebbe che la vittima designata è ormai all'erta;
- saprebbe che, qualunque cosa le dovesse accadere, la polizia cercherebbe il soggetto fotografato (con la ricerca computerizzata facciale, se è schedato, la cosa sarebbe abbastanza semplice).
:october:
elzide
Livello 1
Livello 1
 
Messaggi: 74
Iscritto il: 19/11/2018, 11:07

Precedente

Torna a Le armi e la legge

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite