trasporto armi all'interno dell'territorio Italiano

legislazione armiera, novità legislative e amministrative, giurisprudenza e dottrina.
hill81
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 23
Iscritto il: 23/05/2016, 11:00

Re: trasporto armi all'interno dell'territorio Italiano

Messaggio da hill81 » 10/06/2016, 20:35

grazie gentilissimi :october:

Gasoline52
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 30
Iscritto il: 28/05/2016, 18:08

Re: trasporto armi all'interno dell'territorio Italiano

Messaggio da Gasoline52 » 11/06/2016, 14:11

salvatore1198 ha scritto:Salve,

i titolari del PORTO D'ARMI USO SPORTIVO
possono trasportare all'interno del territorio Italiano (tra le varie Regioni Italiane) (tra casa e poligono-tra casa e tiro a volo-tra casa e armerie)

armi a canna liscia (fucili automatici-sovrapposti -doppiette)

armi a canna rigata(pistole -carabine)

rigorosamente custodite e nascoste in foderi

senza darne prima comunicazione scritta ai CC o Questura indicando i motivi degli spostamenti(tiro-gare-riparazioni-trattative con armieri) ?
Mi pare di aver letto... che le armi trasportate, debbano essere rigorosamente da tiro o uso sportivo... confermate? Vale a dire che un'arma comune da difesa, non si può portare? Poi se ho tempo vi trovo il riferimento di legge. Spero di aver letto male.

Io invece ho preso il porto d'armi per uso sportivo, per allenarmi con armi da difesa personale...

Avatar utente
stefanodt
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1596
Iscritto il: 31/05/2011, 12:46
Località: Trentino Alto Adige

Re: trasporto armi all'interno dell'territorio Italiano

Messaggio da stefanodt » 11/06/2016, 15:25

Gasoline52 ha scritto:
salvatore1198 ha scritto:Salve,

i titolari del PORTO D'ARMI USO SPORTIVO
possono trasportare all'interno del territorio Italiano (tra le varie Regioni Italiane) (tra casa e poligono-tra casa e tiro a volo-tra casa e armerie)

armi a canna liscia (fucili automatici-sovrapposti -doppiette)

armi a canna rigata(pistole -carabine)

rigorosamente custodite e nascoste in foderi

senza darne prima comunicazione scritta ai CC o Questura indicando i motivi degli spostamenti(tiro-gare-riparazioni-trattative con armieri) ?
Mi pare di aver letto... che le armi trasportate, debbano essere rigorosamente da tiro o uso sportivo... confermate? Vale a dire che un'arma comune da difesa, non si può portare? Poi se ho tempo vi trovo il riferimento di legge. Spero di aver letto male.

Io invece ho preso il porto d'armi per uso sportivo, per allenarmi con armi da difesa personale...

Vediamo di fare un po' di chiarezza perché mi pare che la confusione regni sovrana. Il porto d'armi sportivo in Italia NON ESISTE!!

Esistono:
1. Licenza di trasporto armi sportive (cd carta verde, ndr) che consente il solo trrasporto delle sole armi, lunghe o corte, classificate sportive, per il percorso più breve dal domicilio al poligono ove si è tesserati e viceversa. Non consente l'acquisto di armi ne di munizioni.
2. Porto di fucile uso Tiro a Volo che consente il porto delle sole armi oggetto dell'autorizzazione (fucili a canna liscia uso piattello), il trasporto di tutte le armi cmuni da sparo, sia lunghe che corte, sia sportive che non su tutto il territorio nazionale, senza limiti temporali o di zona, consente inoltre l'acquisto di armi, munizioni e polvere da sparo per la ricarica o polvere nera per le repliche ad avancarica.

Tu gasoline che tipo di licenza hai?
Sappiamo più cose inutili di quante ne ignoriamo necessarie. (L. de Clapiers de Vauvenargues)

Avatar utente
marco64
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1680
Iscritto il: 24/12/2010, 7:22
Località: Pistoia
Contatta:

Re: trasporto armi all'interno dell'territorio Italiano

Messaggio da marco64 » 13/06/2016, 11:04

Gasoline52 ha scritto: Mi pare di aver letto... che le armi trasportate, debbano essere rigorosamente da tiro o uso sportivo... confermate? Vale a dire che un'arma comune da difesa, non si può portare? Poi se ho tempo vi trovo il riferimento di legge. Spero di aver letto male.

Io invece ho preso il porto d'armi per uso sportivo, per allenarmi con armi da difesa personale...
Con PDA per difesa personale, uso caccia o da tiro a volo (comunemente e poco correttamente definito sportivo) si possono trasportare fino a 6 armi comuni per singola movimentazione.
Queste possono essere armi comuni, armi comuni idonee per l'attività venatoria o armi comuni con qualifica di arma sportiva.

Nello stesso discorso usi le definizioni di trasporto e porto. Cose bene diverse dal punto di vista giuridico.

sat6419
Livello 2
Livello 2
Messaggi: 470
Iscritto il: 23/05/2016, 12:22
Località: Verona

Re: trasporto armi all'interno dell'territorio Italiano

Messaggio da sat6419 » 15/06/2016, 14:15

Vorrei esporre il mio caso che attuerei in futuro.
Risiedo a circa un chilometro dal poligono però ci vado dopo il lavoro e non vorrei passare da casa.
Porterei l'arma con me al lavoro che si trova fuori città a circa 9 km dalla parte opposta del poligono, nella sua custodia e via dicendo e la lascerei in auto che è parcheggiata all'interno dell'azienda in una posizione molto occultata tra due capannoni insieme ad altre auto dei dipendenti. A fine giornata vado direttamente al poligono.
Secondo voi è fattibile?

Gisto

Re: trasporto armi all'interno dell'territorio Italiano

Messaggio da Gisto » 15/06/2016, 14:28

sat6419 ha scritto:e la lascerei in auto che è parcheggiata all'interno dell'azienda in una posizione molto occultata tra due capannoni insieme ad altre auto dei dipendenti. A fine giornata vado direttamente al poligono.
Secondo voi è fattibile?
No,dovrebbe essere scritto sulla tua licenza :october: :october: :october:

Immagine

Neofitaaa
Livello 2
Livello 2
Messaggi: 385
Iscritto il: 16/06/2016, 7:16

Re: trasporto armi all'interno dell'territorio Italiano

Messaggio da Neofitaaa » 23/06/2016, 6:28

cheytac ha scritto:
Zappabc ha scritto:Giusto, però il quesito di gasoline era diverso. In emergenza se io tiro fuori l'arma dalla custodia, la carico e la uso per difendere me stesso o altri in pericolo, secondo me non commetto un'illegalità. S.
Inveece si, perchè semplicemente tu non sei titolato al porto......Poi si possono tirare fuori tutte le attenuanti del caso(vedi Stacchio),ma dipende sempre nelle mani di quale giudice finisci!!!Ciao veci
********************************************************************************************************************************************************
A mio modesto avviso, in linea di diritto, chi si difende in stato di urgenza e di necessità, per difendere la propria vita o quella altrui, non è mai penalmente perseguibile per l'offesa che reca all'aggressore, qualunque mezzo o arma utilizzi; sempre che possa dimostrare la "legittimità" della difesa ("vim vi repellere licet"), e la "necessità" e "proporzionalità" della stessa.
Per cui, in tale caso, non ha la benchè minima rilevanza la natura del "porto" (o del "trasporto" d'armi) che si possiede; se l'aggredito ha il tempo e l'opportunità di servirsene, lo può e lo "deve" fare.
Mi spiego meglio, però.
Se taluno ha il c.d. "porto d'armi sportivo", i casi sono due:
a) Se, come prescritto, "trasporta" l'arma scarica con munizionamento separato, ma, pur non essendo essa pronta all'uso, riesce egualmente a farne uso tempestivo, per difendere la propria vita o quella altrui (cosa molto improbabile, peraltro), non commette alcun reato, e, quindi, non è mai penalmente perseguibile.
b) Se, invece, violando le prescrizioni, "porta" l'arma già carica e pronta all'uso, e di fatto la usa per difendere la propria vita o quella altrui, è sicuramente punibile per porto d'armi abusivo (art. 699 Codice Penale), ma non è punibile nè per un eventuale omicidio (art. 575 Codice Penale) nè per eventuali lesioni (art. 582 Codice Penale), se può adeguatamente dimostrare la "legittimità" della difesa e la "proporzionalità" della stessa.
Tutto questo, in teoria.
In pratica, infatti, se qualcuno spara con un'arma da fuoco in un luogo pubblico (anche se non colpisce nessuno), è comunque sottoposto ad inchiesta giudiziaria; se poi, sparando, ferisce o uccide qualcuno, starà a lui eccepire e dimostrare la "necessità" la "legittimità" e la "proporzionalità" della difesa, a prescindere dal tipo di "porto" o "trasporto" a cui è abilitato (il che, secondo me, è un aspetto secondario).
In concreto, peraltro, sempre a mio modesto parere, a qualunque tipo di "porto" o "trasporto" si sia abilitati, in generale è MOLTO difficile che si sia in grado di poter efficacemente reagire ad una aggressione armata; ed infatti, l'aggressore ha SEMPRE il vantaggio della sorpresa, per cui, anche avendo l'arma carica in fondina, secondo me è semplicemente folle cercare di estrarla.
Se si tenta di farlo, si rischia più facilmente il cimitero, che il tribunale.
Meglio estrarre il portafoglio; ed infatti, in genere, è quello che l'agressore vuole, non la nostra vita.
In caso di aggressione per stupro, invece, il discorso è diverso, e meriterebbe un trattazione a parte.
:october:

Neofitaaa
Livello 2
Livello 2
Messaggi: 385
Iscritto il: 16/06/2016, 7:16

Re: trasporto armi all'interno dell'territorio Italiano

Messaggio da Neofitaaa » 23/06/2016, 7:39

[quote="stefanodt"]
2. Porto di fucile uso Tiro a Volo che consente il porto delle sole armi oggetto dell'autorizzazione (fucili a canna liscia uso piattello), il trasporto di tutte le armi cmuni da sparo, sia lunghe che corte, sia sportive che non su tutto il territorio nazionale, senza limiti temporali o di zona, consente inoltre l'acquisto di armi, munizioni e polvere da sparo per la ricarica o polvere nera per le repliche ad avancarica.

***************************************************************************************************************************************************


Io sono in attesa di licenza di porto d'armi lunghe da fuoco con canna ad anima liscia di cui alla legge n. 323/1969 (TIRO AL VOLO).
Al riguardo,secondo la CIRCOLARE DEL MINISTERO DELL'INTERNO 559/C-3159-10100 del 17 febbraio 1998, avente per oggetto: Trasporto di armi comuni da sparo.lett.b), (in GU Serie Generale n.48 del 27-2-1998):
"I titolari di licenza di porto d'armi lunghe da fuoco con canna ad anima liscia di cui alla legge n. 323/1969 (TIRO AL VOLO) possono:
a) "PORTARE" il tipo d'arma oggetto dell'autorizzazione;
b) "TRASPORTARE" e "ACQUISTARE" tutte le armi comuni da sparo. "
Riportato testualmente:
http://www.owss.it/files%20utili/Traspo ... 0sparo.pdf
Al riguardo, in primo luogo, osservo che, se la licenza è denominata "Porto d'armi lunghe da fuoco con canna ad anima liscia", ad essere conseguenti si dovrebbe avere solo la facoltà sub a), e non anche quella sub b), che, con il tiro al volo con il fucile non ha la benche minima attinenza.
Come direbbe Di Pietro, non ci azzecca proprio niente; ma, se la Circolare dice diversamente, ben venga la sua interpretazione estensiva... lungi da me l'intenzione di contestarla.
Quella che, però, mi risulta teoricamente chiara, ma praticamente dubbia, è la differenza tra "porto" e "trasporto".
Al riguardo:
I) PORTARE
Stando alla Treccani, ed ai più autorevoli dizionari, la detta locuzione significa <<sostenere "su di sé" un oggetto>>; e, tra i tanti esempi, nella Treccani viene specificatamente fatto quello del "fucile ad armacollo", che (sempre secondo tutti i dizionari), significa <<..."portare" un'arma lungo un fianco, attaccata a una cinghia che passa per la spalla opposta e attraversa il torace>>".
Per cui, almeno stando alla lettera della circolare e alla lingua italiana come attestata dai dizionari, possedendo la licenza denominata "Porto di fucile uso Tiro a Volo", si potrebbe tranquillamente andare in giro col fucile nel modo sopra descritto...essendo, però, arrestati dalla polizia dopo nemmeno cinque minuti.
E non credo che sarebbe sufficiente esibire porto d'armi, dizionario...per essere lasciati liberi di continuare a passeggiare col "fucile ad armacollo".
II) TRASPORTARE
Sempre stando alla Treccani, ed ai più autorevoli dizionari, la detta locuzione significa "portare al di là, portare oltre"; cioè, "spostare un oggetto da un posto ad un altro", specificando il modo (a braccia, a spalla ecc.); al riguardo, peraltro, anche il Capo della Polizia Dott. Masone precisa che: <<... il "trasporto" di un'arma ne concretizza il trasferimento da un luogo ad un altro come oggetto inerte e non suscettibile d'uso, in assenza quindi della pronta disponibilità che caratterizza il "porto">>.
Per cui, indirettamente, il Capo della Polizia sembra confermare che, al contrario, le armi lunghe da fuoco con canna ad anima liscia (per esempio, i fucili a pompa), per le quali la circolare consente espressamente di "portare il tipo d'arma oggetto dell'autorizzazione", possono, appunto, essere "portate"...quindi anche ad armacollo, con la pronta disponibilità che caratterizza il "porto".
Cosa, che, ovviamente, sconsiglio vivamente a tutti...anche se mi sembra che, sia la Circolare del Ministero, che l'interpretazione datane dal Capo della Polizia, lo consentano in modo espresso.
Forse non volevano affatto dire questo, ma a me pare che l'abbiano proprio detto.
Non vi pare?
:october:
**************************************************************************************************************************************************

Avatar utente
docpilot
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 11242
Iscritto il: 21/12/2010, 19:27
Località: Neapolis

Re: trasporto armi all'interno dell'territorio Italiano

Messaggio da docpilot » 23/06/2016, 9:38

Se vuoi passare un guaio, questa è la strada giusta. Poi se ne potrà anche discutere...ma una bella denuncia, al momento, non te la toglierà nessuno...
Vedi tu.
Quisque fortunae suae faber est.
Immagine
Moglie che tace casa felice. Confucio.
La gente che grida parole violente non vede, non sente, non pensa per niente.
Immagine


Neofitaaa
Livello 2
Livello 2
Messaggi: 385
Iscritto il: 16/06/2016, 7:16

Re: trasporto armi all'interno dell'territorio Italiano

Messaggio da Neofitaaa » 23/06/2016, 12:42

docpilot ha scritto:Se vuoi passare un guaio, questa è la strada giusta. Poi se ne potrà anche discutere...ma una bella denuncia, al momento, non te la toglierà nessuno...
Vedi tu.
Quisque fortunae suae faber est.
***********************************************************************************************************************************************************
Guarda che io avevo testualmente scritto che "...sconsiglio vivamente tutti...", di seguire l'interpretazione della circolare, se non si vuole rischiare di essere fermati dalla Polizia. :wink:
Non mi sognerei mai di andare il giro con un cal.12 ad "armacollo"!!!
Ci mancherebbe. :roll:
Volevo soltanto sottolineare come siano le stesse circolari ministeriali, a volte, a complicare le cose, invece di semplificarle.
Le pallottole sono di piombo...ma le parole sono di pietra :)
Bisogna stare attenti a quello che si legge e a quello che si scrive :giudice:
**********************************************************************************************************************************************************

Avatar utente
marco64
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1680
Iscritto il: 24/12/2010, 7:22
Località: Pistoia
Contatta:

Re: trasporto armi all'interno dell'territorio Italiano

Messaggio da marco64 » 24/06/2016, 9:30

Neofitaaa ha scritto: a) Se, come prescritto, "trasporta" l'arma scarica con munizionamento separato, ma, pur non essendo essa pronta all'uso, riesce egualmente a farne uso tempestivo, per difendere la propria vita o quella altrui (cosa molto improbabile, peraltro), non commette alcun reato, e, quindi, non è mai penalmente perseguibile.
Neofitaaa non ti è ancora arrivato il pda e già fai proclami :october:

Se riesci a fare un uso "tempestivo" di un'arma trasportata vuole dire che la portavi.
A meno che non hai preso il fucile per la canna e hai picchiato il calcio in testa all'aggressore.

Penalmente ti perseguiranno SEMPRE. Diranno che è un atto dovuto ed è per permettere di difenderti.
Poi se sei baciato dalla fortuna in qualche modo ne esci. Spesa prevista, minimo dai 10.000 euro in su.

Volate basso, date retta.

panella
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1420
Iscritto il: 06/03/2013, 15:22

Re: trasporto armi all'interno dell'territorio Italiano

Messaggio da panella » 24/06/2016, 10:33

marco64 ha scritto:
Neofitaaa non ti è ancora arrivato il pda e già fai proclami :october:

più che altro sarebbe da dire....non ti è ancora arrivato il pda e già sei sulla buona strada per perderlo (e lo perderesti a ragione, aggiungerei!!!!)

se prendete il porto d'armi sportivo.....lo prendete per fare sport e al massimo cazzeggiare al poligono! e basta, nient'altro!!!!!

Avatar utente
marco64
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1680
Iscritto il: 24/12/2010, 7:22
Località: Pistoia
Contatta:

Re: trasporto armi all'interno dell'territorio Italiano

Messaggio da marco64 » 24/06/2016, 11:33

Gisto ha scritto:
No,dovrebbe essere scritto sulla tua licenza :october: :october: :october:

Immagine
Non tutti hanno quel timbro. Io per esempio non ce l'ho.

Neofitaaa
Livello 2
Livello 2
Messaggi: 385
Iscritto il: 16/06/2016, 7:16

Re: trasporto armi all'interno dell'territorio Italiano

Messaggio da Neofitaaa » 24/06/2016, 13:10

marco64 ha scritto:
Neofitaaa ha scritto: a) Se, come prescritto, "trasporta" l'arma scarica con munizionamento separato, ma, pur non essendo essa pronta all'uso, riesce egualmente a farne uso tempestivo, per difendere la propria vita o quella altrui (cosa molto improbabile, peraltro), non commette alcun reato, e, quindi, non è mai penalmente perseguibile.
Neofitaaa non ti è ancora arrivato il pda e già fai proclami :october:

Se riesci a fare un uso "tempestivo" di un'arma trasportata vuole dire che la portavi.
A meno che non hai preso il fucile per la canna e hai picchiato il calcio in testa all'aggressore.

Penalmente ti perseguiranno SEMPRE. Diranno che è un atto dovuto ed è per permettere di difenderti.
Poi se sei baciato dalla fortuna in qualche modo ne esci. Spesa prevista, minimo dai 10.000 euro in su.

Volate basso, date retta.
*************************************************************************************************************************************************
Io non faccio alcun proclama, bensì mi limito ad interpretare la legge (cosa che faccio da quaranta anni); per interpretare la quale non occorre affatto avere il PDA, ma è necessario possederere i codici, e saperli leggere...a prescindere dal possesso del PDA.
In ogni caso, non capisco perchè mi critichi, visto che ho ben distinto la teoria dalla pratica; sulla quale mi pare che io e te abbiamo detto esattamente la stessa cosa.
Io, infatti, avevo testualmente scritto (e tu, forse, non letto):
"In pratica, infatti, se qualcuno spara con un'arma da fuoco in un luogo pubblico (anche se non colpisce nessuno), è comunque sottoposto ad inchiesta giudiziaria; se poi, sparando, ferisce o uccide qualcuno, starà a lui eccepire e dimostrare la "necessità" la "legittimità" e la "proporzionalità" della difesa, a prescindere dal tipo di "porto" o "trasporto" a cui è abilitato (il che, secondo me, è un aspetto secondario)."
Quindi, mi pare che siamo del tutto d'accordo :october:

panella
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1420
Iscritto il: 06/03/2013, 15:22

Re: trasporto armi all'interno dell'territorio Italiano

Messaggio da panella » 24/06/2016, 13:17

Neofitaaa ha scritto: Io, infatti, avevo testualmente scritto (e tu, forse, non letto):
"In pratica, infatti, se qualcuno spara con un'arma da fuoco in un luogo pubblico (anche se non colpisce nessuno), è comunque sottoposto ad inchiesta giudiziaria; se poi, sparando, ferisce o uccide qualcuno, starà a lui eccepire e dimostrare la "necessità" la "legittimità" e la "proporzionalità" della difesa, a prescindere dal tipo di "porto" o "trasporto" a cui è abilitato (il che, secondo me, è un aspetto secondario)."
Quindi, mi pare che siamo del tutto d'accordo :october:
accade anche se lo fai nella tua abitazione......

Neofitaaa
Livello 2
Livello 2
Messaggi: 385
Iscritto il: 16/06/2016, 7:16

Re: trasporto armi all'interno dell'territorio Italiano

Messaggio da Neofitaaa » 24/06/2016, 13:18

panella ha scritto:
marco64 ha scritto:
Neofitaaa non ti è ancora arrivato il pda e già fai proclami :october:

più che altro sarebbe da dire....non ti è ancora arrivato il pda e già sei sulla buona strada per perderlo (e lo perderesti a ragione, aggiungerei!!!!)

se prendete il porto d'armi sportivo.....lo prendete per fare sport e al massimo cazzeggiare al poligono! e basta, nient'altro!!!!!
Ti prego, prima di criticare quello che scrivo, leggilo ;)
Non criticare quello che tu "pensi" che io abbia scritto ;), mentre io non l'ho scritto affatto.
E poi indica gli specifici punti che non condividi (citandoli) e spiegando perchè non li condividi.
A "buttarla in caciara" sono buoni tutti :lol:
Sono aperto a qualsiasi critica, purchè sia attinente, pertinente, e, soprattutto, argomentata. :october:

panella
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1420
Iscritto il: 06/03/2013, 15:22

Re: trasporto armi all'interno dell'territorio Italiano

Messaggio da panella » 24/06/2016, 13:38

IMHO non ha senso - a priori - fantasticare sul possibile uso difensivo di un'arma con il pda sportivo. La legge, e la realtà italiana, proprio non ti consentono alcun margine (giustamente, a mio avviso). Pensarla diversamente vuol dire partire con il piede sbagliato. Ma è solo una mia opinione.

:october:

Neofitaaa
Livello 2
Livello 2
Messaggi: 385
Iscritto il: 16/06/2016, 7:16

Re: trasporto armi all'interno dell'territorio Italiano

Messaggio da Neofitaaa » 24/06/2016, 13:45

panella ha scritto:
Neofitaaa ha scritto: Io, infatti, avevo testualmente scritto (e tu, forse, non letto):
"In pratica, infatti, se qualcuno spara con un'arma da fuoco in un luogo pubblico (anche se non colpisce nessuno), è comunque sottoposto ad inchiesta giudiziaria; se poi, sparando, ferisce o uccide qualcuno, starà a lui eccepire e dimostrare la "necessità" la "legittimità" e la "proporzionalità" della difesa, a prescindere dal tipo di "porto" o "trasporto" a cui è abilitato (il che, secondo me, è un aspetto secondario)."
Quindi, mi pare che siamo del tutto d'accordo :october:
accade anche se lo fai nella tua abitazione......
***********************************************************************************************************************************************************
Sì, ma la cosa è un po' più articolata e complessa, in quanto:
I) Se qualcuno spara con un'arma da fuoco non in un luogo pubblico, bensì nella sua abitazione, e se non colpisce nessuno, non succede assolutamente nulla; ovviamente, però, se non ha l'accortezza di usare 22 LR subsoniche (magari le silenziose Winchester ZETA) in ambiente protetto e silenziato, può essere multato per disturbo della quiete pubblica (art. 659 c.p.), o procurato allarme (art. 658 c.p.), anche se, in effetti, nel caso di specie tale seconda fattispecie non ricorre.
II) Se, invece, sparando nella propria abitazione, ferisce o uccide qualcuno, starà a lui eccepire e dimostrare la "necessità" la "legittimità" e la "proporzionalità" della difesa.
Circa quest'ultima, però, c'è differenza tra "fuori" e "dentro" casa, in quanto l'art.52 del codice penale recita:
"Nei casi previsti dall'articolo 614, primo e secondo comma (cioè: violazione di domicilio), sussiste il rapporto di "proporzione" di cui al primo comma del presente articolo (cioè senza necessità di doverlo dimostrare) se taluno legittimamente presente in uno dei luoghi ivi indicati usa un'arma legittimamente detenuta o altro mezzo idoneo al fine di difendere:
a) la propria o la altrui incolumità:
b) i beni propri o altrui, quando non vi è desistenza e vi è pericolo d'aggressione."
La mia opinione personale,peraltro, come già detto in tutti i miei precedenti interventi, E' DI NON SPARARE MAI A NESSUNO, NE' DENTRO NE' FUORI CASA, se non in casi DI ESTREMA NECESSITA'...e solo per difendere la propria vita o quella di terzi.
Anche se avessi il PDA per difesa, infatti, pure se fossi aggredito, piuttosto che cercare di estrarre la pistola dalla fondina, preferirei comunque estrarre di tasca il portafoglio.
Peraltro,se esco di notte:
a) quello "vero" lo tengo nascosto in una tasca interna
b) quello "finto" lo tengo pronto per i rapinatori, con un centinaio di euro e documenti e carte scadute.
:D :D :D

Neofitaaa
Livello 2
Livello 2
Messaggi: 385
Iscritto il: 16/06/2016, 7:16

Re: trasporto armi all'interno dell'territorio Italiano

Messaggio da Neofitaaa » 24/06/2016, 14:06

panella ha scritto:IMHO non ha senso - a priori - fantasticare sul possibile uso difensivo di un'arma con il pda sportivo. La legge, e la realtà italiana, proprio non ti consentono alcun margine (giustamente, a mio avviso). Pensarla diversamente vuol dire partire con il piede sbagliato. Ma è solo una mia opinione.

:october:
Circa la "realtà italiana", purtroppo, non posso darti assolutamente torto.
Hai assolutamente ragione!!! :october:
Ma evidentemente sono io che non mi sono spiegato bene; lungi da me il fantasticare sul possibile uso difensivo di un'arma con il pda sportivo (chi lo fa è un "folle").
Quello che volevo dire, è solo che, all'atto pratico, se spari a qualcuno PASSI COMUNQUE DEI GUAI, a prescindere dal tipo di PDA di cui sei dotato; anche se sei un poliziotto (il che è veramente assurdo)!!!
Cioè, se ammazzi qualcuno col PDA sportivo invece che con il PDA per difesa personale (o viceversa), il tuo unico VERO problema è dimostrare che non hai ecceduto nella legittima difesa; punto!
Ed infatti, se disgraziatamente dovesse accadere che non ci riesci, l'unica differenza tra una ipotesi e l'altra, è che hai due capi di imputazione (omicidio e porto abusivo di armi), invece di uno solo (omicidio); ma, su vent'anni di galera, qualche mese in più o in meno non fa molta differenza.
Per altro verso, se sei minacciato di morte imminente, non ti stai certo a preoccupare del tipo di porto d'armi in forza del quale hai a disposizione un'arma; la usi e basta.
Se ne hai l'opportunità.
Ed infatti, a mio avviso, l'aggressore ha sempre il vantaggio della sorpresa; per cui, se già è difficile estrarre un'arma in fondina...figuriamoci un'arma in valigia e senza caricatore.
Salvo casi molto particolari (che, pure, si sono verificati), credo proprio che la reazione armata sia impossibile.
Ma, ovviamente, anche io esprimo solo opinioni...non proclami.
Ci mancherebbe :october:

Rispondi