European Commission strengthens control of firearms

legislazione armiera, novità legislative e amministrative, giurisprudenza e dottrina.
Avatar utente
Bizio61
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 14882
Iscritto il: 21/12/2010, 15:05
Località: Mediolanum

European Commission strengthens control of firearms

Messaggio da Bizio61 » 18/11/2015, 16:29

European Commission strengthens control of firearms across the EU

Brussels, 18 November 2015

The European Commission today adopted a package of measures to make it more difficult to acquire firearms in the European Union,

better track legally held firearms, strengthen cooperation between Member States, and ensure that deactivated firearms are rendered inoperable.

The proposals presented today were foreseen in the European Security Agenda adopted in April 2015, but have been significantly accelerated in light of recent events. The Commission is hereby supporting Member States in their efforts to protect Europe's citizens and prevent criminals and terrorists from accessing weapons.

President Juncker said: "The recent terrorist attacks on Europe's people and values were coordinated across borders, showing that we must work together to resist these threats. Today's proposal, prepared jointly by Commissioners Elżbieta Bieńkowska and Dimitris Avramopoulos, will help us tackle the threat of weapons falling into the hands of terrorists. We are proposing stricter controls on sale and registration of firearms, and stronger rules to irrevocably deactivate weapons. We will also come forward with an Action Plan in the near future to tackle illicit arms trafficking. Organised criminals accessing and trading military grade firearms in Europe cannot and will not be tolerated."

Internal Market and Industry Commissioner Elżbieta Bieńkowska and Migration, Home Affairs and Citizenship Commissioner Dimitris Avramopoulos added: "The adoption of the firearms package today is proof of the Commission's determination to address the new reality we are confronted with. We need to remove regulatory divergences across the EU by imposing stricter, harmonised EU standards for firearms and ensuring efficient exchange of information between Member States."

The package of measures on firearms adopted by the College of Commissioners today includes the following elements:

A revision of the Firearms Directive, to tighten controls on the acquisition and possession of firearms

The Commission has today tabled proposals to amend the EU Firearms Directive, which defines the rules under which private persons can acquire and possess weapons, as well as the transfer of firearms to another EU country. The main elements of the proposed revision are:

Stricter rules to ban certain semi-automatic firearms, which will not, under any circumstance, be allowed to be held by private persons, even if they have been permanently deactivated;
Tighter rules on the online acquisition of firearms, to avoid the acquisition of firearms, key parts or ammunition through the Internet;
EU common rules on marking of firearms to improve the traceability of weapons;
Better exchange of information between Member States, for example on any refusal of authorisation to own a firearm decided by another national authority, and obligation to interconnect national registers of weapons;
Common criteria concerning alarm weapons (e.g. distress flares and starter pistols)in order to prevent their transformation into fully functioning firearms;
Stricter conditions for the circulation of deactivated firearms;
Stricter conditions for collectors to limit the risk of sale to criminals.

The proposed amendments which the Commission has tabled today now need to be approved by the European Parliament and Council.

An Implementing Regulation on common minimum standards for deactivation of firearms

The Implementing Regulation sets out common and strict criteria on the way Member States must deactivate weapons so that they are rendered inoperable. The possession of the most dangerous firearms – even if they are deactivated – will no longer be allowed.

The Implementing Regulation is based on the criteria for deactivation developed by the Permanent International Commission for the Proof of Small Arms (the CIP). Following a positive vote on the draft Regulation by Member States in a comitology committee earlier this morning, the College of Commissioners formally adopted the text. The Regulation will be published immediately in the Official Journal and will enter into force after 3 months.

Today's package of measures to strengthen the control of firearms within the EU is based on a detailed evaluation of the implementation of the Firearms Directive carried out by the Commission last year in the context of its Regulatory Fitness programme (REFIT), which aims to ensure that existing EU regulation is fit for purpose. To ensure the best practical results on the deactivation of firearms, the Commission will regularly review and update the technical specifications laid down in this Regulation.

An action plan against the illegal trafficking of weapons and explosives

In addition to the adoption of these stricter rules and standards, the Commission also announced today that it is developing an action plan against the illegal trafficking of weapons and explosives. Issues to be tackled in this future action plan will include:

The illegal purchase of weapons on the black market;
The control of illegal weapons and explosives in the internal market (especially from the Balkan countries or ex-war zones);
The fight against organised crime.


While arms trafficking is mainly a national competence, given the clear cross-border dimension there is a need for stronger police and intelligence service coordination and stronger import checks. The Commission will propose actions to support Member States' activities, building on the Action Plan on illicit trafficking in firearms between the EU and the Western Balkans. The EU-Western Balkans summit of Ministers of Justice and Home Affairs on 7 December will be a further opportunity to take stock of progress on the Action Plan.

Background

The responsibility for ensuring internal security is first and foremost with the Member States, but cross-border challenges defy the capacity of individual countries to act alone and require EU support to build trust and facilitate cooperation, exchange of information and joint action.

President Juncker's Political Guidelines identified the security agenda as a priority for this Commission, and the 2015 Commission Work Programme committed to the delivery of the European Agenda on Security.

On 28 April 2015, the European Commission set out a European Agenda on Security for the period 2015-2020 to support Member States' cooperation in tackling security threats and step up our common efforts in the fight against terrorism, organised crime and cybercrime. The Agenda sets out the concrete tools and measures which will be used in this joint work to ensure security and tackle these three most pressing threats more effectively.

In the Agenda and in the Work Programme for 2016, the Commission promised to review the existing legislation on firearms in 2016 to improve the sharing of information, to reinforce traceability, to standardise marking, and to establish common standards for neutralising firearms. In light of recent events we have decided to significantly accelerate this work. Since then, significant progress has been made in implementing the elements of the agenda.

Today's initiatives complement ongoing work to tackle the illegal trafficking of firearms, including notably the operational action plan between the EU and the Western Balkans and joint investigations and police cooperation which have been in place since 2013.



For more information

Directive: http://ec.europa.eu/DocsRoom/documents/ ... ons/native

Report: http://ec.europa.eu/DocsRoom/documents/ ... ons/native

Implementing Regulation (deactivation): http://ec.europa.eu/DocsRoom/documents/ ... ons/native

Annexes to Implementing Regulation: http://ec.europa.eu/DocsRoom/documents/ ... ons/native

Memo/15/6111

European Agenda on Security – Press release

The European Agenda on Security: State of Play

Firearms Directive
http://europa.eu/rapid/press-release_IP-15-6110_en.htm
Salu2 a to2
Bizio

FISAT Life Member & NRA Life Member, AUDA Member
Always keep fighting the good fight

Immagine

Avatar utente
zak68it
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1200
Iscritto il: 25/01/2011, 20:51
Località: Trani, BAT

Re: European Commission strengthens control of firearms

Messaggio da zak68it » 18/11/2015, 16:46

mi sbaglio o anche da quelle parti non capiscono che i terroristi non comprano le armi in armeria??? ma sono dei citroni!!!
Silent... leges inter arma.

oizirbaf
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 13838
Iscritto il: 21/12/2010, 13:26
Località: Gallia cisalpina

Re: European Commission strengthens control of firearms

Messaggio da oizirbaf » 18/11/2015, 17:22

Ormai è scientificamente dimostrato:
http://www.stateofmind.it/2014/01/depre ... cognitiva/
Oppure è proprio il NON voler capire!
Eppure viene accettato pedissequamente il 3=1, l'esistenza dell'indimostrabile...
si nasconde e si nega l'inconfutabile, si nega l'evidenza...
La politica è proprio una patologia incurabile.
Oizirbaf :pipi:
Rem tene, verba sequentur.

Avatar utente
superfilone
Livello 2
Livello 2
Messaggi: 293
Iscritto il: 14/08/2013, 8:56
Località: Milano

Re: European Commission strengthens control of firearms

Messaggio da superfilone » 18/11/2015, 17:39

Google Translate, non è perfetta ma ti fai una buona idea :october:

Commissione europea rafforza il controllo delle armi da fuoco in tutta l'UE

Bruxelles, 18 Novembre 2015

Oggi la Commissione europea ha adottato un pacchetto di misure per rendere più difficile l'acquisizione di armi da fuoco in seno all'Unione europea,

migliore pista le armi da fuoco detenute legalmente, rafforzare la cooperazione tra gli Stati membri, e garantire che le armi da fuoco disattivate siano resi inutilizzabili.

Le proposte presentate oggi sono stati previsti nell'Agenda europea per la sicurezza adottata nel mese di aprile 2015, ma sono state notevolmente accelerato alla luce degli eventi recenti. La Commissione è sostenere gli Stati membri nei loro sforzi per proteggere i cittadini europei e prevenire criminali e terroristi l'accesso di armi.

Il presidente Juncker ha detto: "I recenti attacchi terroristici sulle persone ei valori dell'Europa sono state coordinate a livello transfrontaliero, mostrando che dobbiamo lavorare insieme per resistere a queste minacce proposta odierna, redatta congiuntamente dai commissari Elżbieta Bieńkowska e Dimitris Avramopoulos, ci aiuterà a affrontare la minaccia di. armi cadano nelle mani dei terroristi. Stiamo proponendo controlli più severi in vendita e registrazione delle armi da fuoco, e regole più severe per disattivare definitivamente le armi. Ci sarà anche presentare un piano d'azione nel prossimo futuro per affrontare traffico illecito di armi. criminali organizzate di accesso e negoziazione armi militari di grado in Europa non può e non sarà tollerata ".

Mercato interno e industria commissario Elżbieta Bieńkowska e di migrazione, gli affari interni e il commissario cittadinanza Dimitris Avramopoulos ha aggiunto:. "L'adozione del pacchetto di armi da fuoco oggi è la prova della determinazione della Commissione ad affrontare la nuova realtà ci troviamo di fronte con Dobbiamo rimuovere le divergenze normative attraverso l'UE imponendo severe, norme armonizzate UE per le armi da fuoco e garantire un efficace scambio di informazioni tra gli Stati membri ".

Il pacchetto di misure sulle armi da fuoco adottata dal Collegio dei Commissari oggi comprende i seguenti elementi:

Una revisione della direttiva armi da fuoco, per stringere i controlli per l'acquisizione e la detenzione di armi da fuoco

La Commissione oggi ha presentato proposte di modifica della direttiva UE sulle armi da fuoco, che definisce le regole in base alle quali i privati ​​possono acquisire e possedere armi, nonché il trasferimento di armi da fuoco in un altro paese dell'UE. I principali elementi della revisione proposta sono:

Norme più severe a vietare certe armi semiautomatiche, che non, in nessun caso, essere autorizzati a essere detenuto da privati, anche se sono stati disattivati ​​in modo permanente;
Norme più severe in materia di acquisto on-line di armi da fuoco, per evitare l'acquisizione di armi da fuoco, parti chiave o munizioni attraverso Internet;
Norme comuni dell'UE in materia di marcatura delle armi da fuoco per migliorare la tracciabilità delle armi;
Un migliore scambio di informazioni tra gli Stati membri, per esempio su qualsiasi rifiuto di autorizzazione di possedere un'arma da fuoco deciso da un'altra autorità nazionale, e l'obbligo di interconnessione dei registri nazionali delle armi;
Criteri comuni in materia di armi di allarme (ad esempio, dei segnali di soccorso e pistole di avviamento) al fine di evitare che la loro trasformazione in armi da fuoco perfettamente funzionanti;
Condizioni più rigorose per la circolazione delle armi da fuoco disattivate;
Condizioni più rigorose per i collezionisti per limitare il rischio di vendita per i criminali.

Le modifiche proposte che la Commissione ha presentato oggi devono ora essere approvate dal Parlamento europeo e dal Consiglio.

Un regolamento di attuazione sulle norme minime comuni per la disattivazione delle armi da fuoco

Il regolamento di esecuzione stabilisce criteri comuni e rigorosi sul modo in cui gli Stati membri devono disattivare le armi in modo che essi siano resi inutilizzabili. Non sarà più consentito - Il possesso delle armi da fuoco più pericolosi - anche se sono disattivati.

Il regolamento di applicazione si basa sui criteri di disattivazione sviluppate dalla Commissione internazionale permanente per la prova delle armi di piccolo calibro (il CIP). A seguito di un voto positivo sul progetto di regolamento da parte degli Stati membri in sede di comitato all'inizio di questa mattina, il Collegio dei Commissari ha formalmente adottato il testo. Il regolamento sarà pubblicato immediatamente nella Gazzetta ufficiale ed entrerà in vigore dopo 3 mesi.

Il pacchetto di oggi di misure per rafforzare il controllo delle armi da fuoco all'interno dell'UE si basa su una valutazione dettagliata dell'attuazione della direttiva armi da fuoco effettuata dalla Commissione lo scorso anno nel quadro del suo programma di fitness Regulatory (REFIT), che mira a garantire che regolamento UE esistente è adatto allo scopo. Per garantire i migliori risultati pratici sulla disattivazione delle armi da fuoco, la Commissione regolarmente rivedere e aggiornare le specifiche tecniche di cui al presente regolamento.

Un piano d'azione contro il traffico illegale di armi ed esplosivi

Oltre all'adozione di queste regole e norme più rigorose, la Commissione ha inoltre annunciato oggi che sta sviluppando un piano di azione contro il traffico illegale di armi ed esplosivi. Questioni da affrontare in questo futuro piano d'azione comprenderà:

L'acquisto illegale di armi sul mercato nero;
Il controllo di armi illegali ed esplosivi nel mercato interno (in particolare dai paesi dei Balcani o zone ex-guerra);
La lotta contro la criminalità organizzata.


Mentre il traffico di armi è principalmente di competenza nazionale, data la dimensione transfrontaliera chiaro che vi è la necessità di forti polizia e il coordinamento dei servizi segreti e dei controlli all'importazione forti. La Commissione proporrà azioni per sostenere le attività 'Stati membri, sulla base del piano d'azione sul traffico illecito di armi da fuoco tra l'Unione europea ei Balcani occidentali. Il vertice UE-Balcani occidentali dei ministri della giustizia e degli affari interni, il 7 dicembre sarà un'ulteriore occasione per fare il punto dei progressi compiuti sul piano d'azione.

Sfondo

La responsabilità di garantire la sicurezza interna è prima di tutto con gli Stati membri, ma le sfide transfrontaliere sfidano la capacità dei singoli paesi di agire da solo e richiedono il sostegno dell'UE per costruire la fiducia e facilitare la cooperazione, lo scambio di informazioni e di azione comune.

Orientamenti politici del Presidente Juncker identificato i programmi di sicurezza come una priorità per questa Commissione, e il programma di lavoro della Commissione 2015 impegnata nella consegna di dell'agenda europea per la sicurezza.

Il 28 aprile 2015, la Commissione europea ha definito un'agenda europea per la sicurezza per il periodo 2015-2020 per sostenere la cooperazione 'gli Stati membri nell'affrontare le minacce alla sicurezza e intensificare i nostri sforzi comuni per la lotta contro il terrorismo, la criminalità organizzata e la criminalità informatica. L'Agenda definisce gli strumenti e misure concrete che verranno utilizzati in questo lavoro congiunto per garantire la sicurezza e affrontare in modo più efficace queste tre minacce più pressanti.

Nell'Agenda e nel programma di lavoro per il 2016, la Commissione ha promesso di riesaminare la legislazione vigente in materia di armi da fuoco nel 2016 per migliorare la condivisione delle informazioni, per rafforzare la tracciabilità, per standardizzare la marcatura, e di stabilire norme comuni per la neutralizzazione delle armi da fuoco. Alla luce dei recenti eventi, abbiamo deciso di accelerare in modo significativo questo lavoro. Da allora, sono stati compiuti progressi significativi nell'attuazione degli elementi dell'agenda.

Le iniziative di oggi completano il lavoro in corso per affrontare il traffico illegale di armi da fuoco, tra cui in particolare il piano d'azione operativo tra l'Unione europea ei Balcani occidentali e indagini congiunte e cooperazione di polizia che sono in vigore dal 2013

Beppepac
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1127
Iscritto il: 21/12/2010, 17:52
Località: Torino

Re: European Commission strengthens control of firearms

Messaggio da Beppepac » 18/11/2015, 17:53

qui da Euronews

"Facile procurarsi armi nell'Unione europea, il contrabbando è alimentato dal traffico proveniente dai Balcani"

Dopo gli attacchi di Parigi, la Commissione europea ha accellerato l’adozione di un pacchetto di misure per rendere piu’ difficile l’acquisto di armi nell’Unione europea, per migliorare la tracciabilità e vietare il possesso ai privati di alcune armi semi-automatiche, anche se disattivate.

Altro giornale
Un'accelerazione della realizzazione del registro dei dati dei passeggeri aerei (Pnr) e la revisione delle norme per la circolazione di armi da fuoco nell'Ue: dopo gli attacchi di Parigi la Commissione europea è al lavoro per rafforzare i livelli di sicurezza.

Il primo passo sarà la revisione delle direttiva sulla circolazione e il possesso delle armi. Già mercoledì il collegio dei commissari adotterà le proposte di modifica del testo, che saranno presentate dal primo vicepresidente Frans Timmermans e dal commissario Ue per l'Immigrazione, Dimitris Avramopoluos. La legislazione, adottata per la prima volta nel 1991 e aggiornata una prima volta nel 2001, contiene disposizioni minime per la circolazione delle armi da fuoco.

La Commissione intende rendere più stringente l'identificazione della categoria delle armi, la loro registrazione, e aggiornando la lista degli armamenti prodotti e venduti. Dovrebbero essere previste disposizioni specifiche per le armi semiautomatiche AK-47, note anche come "Kalashnikov".

Avatar utente
cheytac
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1951
Iscritto il: 23/12/2010, 15:01
Località: gallia cisalpina

Re: European Commission strengthens control of firearms

Messaggio da cheytac » 18/11/2015, 18:38

Da ciò che avevo letto la materia riguarda le armi da guerra ,anche disattivate,e definire criteri comuni e rigorosi che definiscano di queste la disattivazione,e l'irreversibilità di quest'ultima.Norme comuni debbono essere varate per la commercializzazione tra stati,che non ledano il diritto del commercio europeo,ma che garantiscano livelli di sicurezza tali per impedire che armi ed armamenti vengano commercializzati a paesi terzi magari sotto embargo.Nel commercio elettronico debbono essere varate norme che impediscano l'acquisto di armi o parti di esse in quanto tali.Questo è ciò che avevo inteso io....Ciao veci

http://www.ansa.it/europa/notizie/rubri ... d21ab.html
ImmagineImmagine

Avatar utente
goerz
Livello 3
Livello 3
Messaggi: 609
Iscritto il: 21/12/2010, 15:28

Re: European Commission strengthens control of firearms

Messaggio da goerz » 18/11/2015, 19:50

In breve propongono di:

Vietare tutte le armi semiautomatiche che assomigliano a quelle militari;

Vietare la vendita delle armi originariamente automatiche convertite in semiautomatiche;

Vietare la possibilità per i privati di pubblicizzare online la vendita di armi;

Imporre visite mediche obbligatorie;

Imporre la verifica di un valido motivo per l'emissione di un'autorizzazione all'acquisto o detenzione di armi.

Sono degli sciacalli che giocano con la nostra pelle. Non sono capaci di garantire la nostra sicurezza, ma in compenso il loro primo pensiero è disarmarci. Bisogna assolutamente resistere a questa proposta scrivere ai nostri parlamentari europei.

goerz

Avatar utente
docpilot
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 11237
Iscritto il: 21/12/2010, 19:27
Località: Neapolis

Re: European Commission strengthens control of firearms

Messaggio da docpilot » 18/11/2015, 20:13

goerz ha scritto:In breve propongono di:

Vietare tutte le armi semiautomatiche che assomigliano a quelle militari;

Vietare la vendita delle armi originariamente automatiche convertite in semiautomatiche;

Vietare la possibilità per i privati di pubblicizzare online la vendita di armi;

Imporre visite mediche obbligatorie;

Imporre la verifica di un valido motivo per l'emissione di un'autorizzazione all'acquisto o detenzione di armi.

Sono degli sciacalli che giocano con la nostra pelle. Non sono capaci di garantire la nostra sicurezza, ma in compenso il loro primo pensiero è disarmarci. Bisogna assolutamente resistere a questa proposta scrivere ai nostri parlamentari europei.

goerz
Chissà cosa c'è sotto...Cosa ci nascondono questi indispensabili individui preposti... : :bla: :bla: :bla:
oizirbaf ha scritto: ...La politica è proprio una patologia incurabile.
Oizirbaf :pipi:
mentre il cittadino è... (sostituire la "r" con la "l"...) :banana90:
Immagine
Moglie che tace casa felice. Confucio.
La gente che grida parole violente non vede, non sente, non pensa per niente.
Immagine

Americanel
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 77
Iscritto il: 16/05/2012, 23:10

Re: European Commission strengthens control of firearms

Messaggio da Americanel » 18/11/2015, 21:10

Ecco, avanti savoia, ora ci lasceranno le fionde, che poi cosa c'entra il mercato civile con quello nero dove si acquistano armi militari, che facciano più controlli alle frontiere, ma che cavolo, è come vietare l'uso delle auto perché i terroristi usano i carri armati.

Avatar utente
goerz
Livello 3
Livello 3
Messaggi: 609
Iscritto il: 21/12/2010, 15:28

Re: European Commission strengthens control of firearms

Messaggio da goerz » 18/11/2015, 21:25

ranger.78 ha scritto:
Scusa goerz, ma dove hai letto queste cose?

Non mi pare ci siano grandi novità in vista per noi appassionati,

Se la messa al bando di tutte le armi lunghe semiautomatiche a canna rigata non ti sembra un gran novità, buon per te. Io sinceramente sono preoccupato.

Qui trovi il comunicato stampa della UE: http://europa.eu/rapid/press-release_IP-15-6110_en.htm
Puoi leggere tu stesso il testo della bozza di direttiva qui: http://ec.europa.eu/DocsRoom/documents/ ... ons/native

ciao
goerz

Avatar utente
cheytac
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1951
Iscritto il: 23/12/2010, 15:01
Località: gallia cisalpina

Re: European Commission strengthens control of firearms

Messaggio da cheytac » 18/11/2015, 21:51

goerz ha scritto:
ranger.78 ha scritto:
Scusa goerz, ma dove hai letto queste cose?

Non mi pare ci siano grandi novità in vista per noi appassionati,

Se la messa al bando di tutte le armi lunghe semiautomatiche a canna rigata non ti sembra un gran novità, buon per te. Io sinceramente sono preoccupato.

Qui trovi il comunicato stampa della UE: http://europa.eu/rapid/press-release_IP-15-6110_en.htm
Puoi leggere tu stesso il testo della bozza di direttiva qui: http://ec.europa.eu/DocsRoom/documents/ ... ons/native


ciao
goerz
mi sa che hanno fatto casino loro mettendo "semi" davanti ad automatic in quanto stavano trattando di armi militari.ciao veci
Ci sono cose che non mi tornano in questo"documento"....primo perchè cita la normativa europea che paerla di $ categorie di armoi A,B,C,D e poi arriva a menzionare le B7 e B4 che sono una mera invenzione Italiota.......temo che questi documenti siano farlocchi!!! :dubbio: :dubbio: :idea: :idea:
ImmagineImmagine

Avatar utente
cheytac
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1951
Iscritto il: 23/12/2010, 15:01
Località: gallia cisalpina

Re: European Commission strengthens control of firearms

Messaggio da cheytac » 18/11/2015, 22:14

ranger.78 ha scritto:Io ho letto la traduzione sopra e non riesco a trovare traccia della messa al bando di tutte le armi lunghe semiautomatiche a canna rigata.
Sarò tardo io ma mi sembra che siano più preoccupati a "livellare" le normative tra un paese e l'altro e di migliorare i controlli di movimenti delle armi tra i paesi dell'unione.
E soprattutto "normare" meglio la disattivazione di armi AUTOMATICHE
Di fatto c'è qualcosa che non mi torna.......Ciao veci
http://europa.eu/rapid/press-release_ME ... 111_de.htm
ImmagineImmagine

Avatar utente
goerz
Livello 3
Livello 3
Messaggi: 609
Iscritto il: 21/12/2010, 15:28

Re: European Commission strengthens control of firearms

Messaggio da goerz » 18/11/2015, 22:21

Pagina 18 della direttiva, paragrafo 13:

in Annex I to Directive 91/477/EC part II is amended as follows:
(a) point A is amended as follows:
(i) in Category A, the following points are added:
‘6. Automatic firearms which have been converted into semiautomatic
firearms;
7. Semi-automatic firearms for civilian use which resemble weapons
with automatic mechanisms
8. Firearms under points 1 to 7 after having been deactivated’;
(ii) in category B, point 7 is deleted.
(iii) In Category C, the following points are added:
‘5. Alarm and signal weapons, salute and acoustic weapons as well as
replicas;
6. Firearms under category B and points 1 to 5 of category C, after
having been deactivated’.

Non ho tempo di tradurre, ma vuol dire che la categoria B7 è abolita e diventa A7 (armi vietate), insieme alle armi convertite da auto a semiauto e a quelle disattivate. Speriamo che la rivista si muova presto a informare il pubblico italiano, perché bisogna bloccare questa mostruosità.
ciao,
goerz

Avatar utente
cheytac
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1951
Iscritto il: 23/12/2010, 15:01
Località: gallia cisalpina

Re: European Commission strengthens control of firearms

Messaggio da cheytac » 18/11/2015, 22:53

Veramente la traduzione dice che in categoria B il punto 7 viene ELIMINATO" (ii) in category B, point 7 is deleted."
Non leggo che diventa A :dubbio: :dubbio: :dubbio:anche perchè A punto 7 sono già queste,Semi-automatic firearms for civilian use which resemble weapons with automatic mechanism. Ciao veci

""Armi da fuoco

La presente direttiva definisce una serie di disposizioni minime per la circolazione delle armi da fuoco civili nel territorio dell'Unione europea (UE).

ATTO

Direttiva 91/477/CEE del Consiglio, del 18 giugno 1991, relativa al controllo dell'acquisizione e della detenzione di armi [Cfr. atti modificativi].

SINTESI

La direttiva stabilisce quattro categorie di armi da fuoco * in base alla loro pericolosità, come definito nell'allegato I della direttiva..........""
http://www.aecac.eu/sites/default/files ... ective.pdf
:dubbio: :dubbio: :dubbio: :dubbio: :dubbio: :dubbio: :dubbio: :dubbio: :dubbio: :dubbio: :dubbio: :dubbio: :dubbio: :dubbio:
ImmagineImmagine

zeroalx
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 129
Iscritto il: 21/06/2015, 2:05

Re: European Commission strengthens control of firearms

Messaggio da zeroalx » 19/11/2015, 1:27


ARpilot
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 25
Iscritto il: 17/04/2015, 17:08

Re: European Commission strengthens control of firearms

Messaggio da ARpilot » 19/11/2015, 3:32

Dal testo della proposta della commissione

"Semi-automatic weapons represent a high share of today's hunting and sport-shooting
weapons. However, the evaluation study concludes that some semi-automatic arms can be
easily converted to automatic arms, and the existing Directive does not provide any technical
criteria to prevent such conversion. However, even in the absence of conversion to category
'A', certain semi-automatic firearms can be very dangerous when their capacity regarding the
number of rounds is high. The proposal bans the semi-automatic weapons which are included
in the current category 'B7'.

Chiaro,no?

Avatar utente
Bizio61
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 14882
Iscritto il: 21/12/2010, 15:05
Località: Mediolanum

Re: European Commission strengthens control of firearms

Messaggio da Bizio61 » 19/11/2015, 10:24

Il messaggio è più che chiaro.

Vorrà dire che dovremo richiedere e ci rilasceranno tante belle licenze di collezione d' armi da guerra, oppure, se vorranno pressarle, dovranno mettere mano al portafoglio visto che noi i soldi per acquistare le nostre belle B7 li abbiamo sudati.

Molon Labe.
Salu2 a to2
Bizio

FISAT Life Member & NRA Life Member, AUDA Member
Always keep fighting the good fight

Immagine

Avatar utente
Bizio61
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 14882
Iscritto il: 21/12/2010, 15:05
Località: Mediolanum

Re: European Commission strengthens control of firearms

Messaggio da Bizio61 » 19/11/2015, 10:52

Questo avviene per le armi clandestine, irregolari o comunque non conformi che vengono sequestrate.
Per le armi regolarmente detenute non è ancora avvenuto, che io sappia, alcun ritiro che è diverso da un sequestro per cui credo non sappiamo nulla.
Salu2 a to2
Bizio

FISAT Life Member & NRA Life Member, AUDA Member
Always keep fighting the good fight

Immagine

Avatar utente
cheytac
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1951
Iscritto il: 23/12/2010, 15:01
Località: gallia cisalpina

Re: European Commission strengthens control of firearms

Messaggio da cheytac » 19/11/2015, 11:30

ranger.78 ha scritto:
"Armi semiautomatiche rappresentano una quota elevata di caccia e sport-shooting di oggi
Armi. Tuttavia, lo studio di valutazione conclude che alcuni bracci semiautomatiche possono essere
facilmente convertito in armi automatiche, e la direttiva esistente non fornisce alcuna tecnica
criteri per prevenire tale conversione. Tuttavia, anche in assenza di conversione categoria
'A', alcune armi semiautomatiche possono essere molto pericoloso quando la loro capacità per quanto riguarda la
numero di giri è elevato. La proposta vieta le armi semi-automatiche che sono incluse
nella categoria corrente 'B7'.
Ok, vogliono vietare le B7?
Il succo del discorso è questo?
Hanno paura delle armi che assomigliano ad armi militari automatiche?
Leggendo bene tutto, la faccenda assume una portata ancora maggiore.La categoria B7 europea(non la fantasiosa italiana del banco) verrebbe cancellata,e quella tipologia di armi come giustamente fatto notare da goerz verrebbero inglobate nella A "7"categoria che è vietata ai civili e che ricomprende TUTTE le armi semi-automatiche,che "assomigliano" ad armi automatiche.Tutte.... implica anche le armi corte,che assomigliano ad armi automatiche,ed in giro ve ne sono un bel po!!!!Ciao veci http://www.armietiro.it/tira-una-brutta ... -armi-7082
ImmagineImmagine

Avatar utente
cheytac
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1951
Iscritto il: 23/12/2010, 15:01
Località: gallia cisalpina

Re: European Commission strengthens control of firearms

Messaggio da cheytac » 19/11/2015, 12:03

In europa si parla di misure straordinarie per contrastare il terrorismo.Non gli frega un bel nulla se ci sono piccole aziende che chiudono.Il fatto è che questa cosa cade proprio in seguito a fatti di terrorismo internazionale che può dare la scusante per qualsiasi atto restrittivo.Che questa soluzione sia insensata è evidente,ma questo potrebbe non cambiare le cose.La cosa coinvolgerebbe qualche milione di cittadini europei e molti di più di armi regolarmente detenute.Ciao veci
ImmagineImmagine

Rispondi