LICENZA COLLEZIONE. ARMI ANTICHE

legislazione armiera, novità legislative e amministrative, giurisprudenza e dottrina.
Rispondi
Avatar utente
Bizio61
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 14882
Iscritto il: 21/12/2010, 15:05
Località: Mediolanum

Re: LICENZA COLLEZIONE. ARMI ANTICHE

Messaggio da Bizio61 » 14/12/2014, 13:25

La prassi per richiederla e la documentazione necessaria da presentare sono le stesse che servono per richiedere la licenza di collezione per armi comuni. Puoi detenere un numero illimitato di armi antiche, artistiche e rare senza poter però detenere le munizioni.
La puoi richiedere soltanto quando in detenzione hai giá otto armi antiche. Al momento di acquistare la nona, ti rechi presso il tuo ufficio armi e fai richiesta. Le armi in collezione le puoi ovviamente movimentare tenendo conto che dovrai sempre pagare la marca da bollo da 16 Euro.
:october:
Salu2 a to2
Bizio

FISAT Life Member & NRA Life Member, AUDA Member
Always keep fighting the good fight

Immagine

Avatar utente
Bizio61
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 14882
Iscritto il: 21/12/2010, 15:05
Località: Mediolanum

Re: LICENZA COLLEZIONE. ARMI ANTICHE

Messaggio da Bizio61 » 14/12/2014, 13:55

Puoi detenere 6 armi sportive, 3 armi comuni, 8 armi antiche, artistiche o rare ed un numero illimitato di armi comuni per uso venatorio.
Per le 8 armi antiche in detenzione puoi detenere le munizioni ma non per quelle che avrai invece inserito in collezione.
Per quanto riguarda il porto non saprei dato che non ho nè PdA nè armi antiche.
Salu2 a to2
Bizio

FISAT Life Member & NRA Life Member, AUDA Member
Always keep fighting the good fight

Immagine

Avatar utente
Bizio61
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 14882
Iscritto il: 21/12/2010, 15:05
Località: Mediolanum

Re: LICENZA COLLEZIONE. ARMI ANTICHE

Messaggio da Bizio61 » 14/12/2014, 20:46

Se prendi da una ad otto armi antiche la licenza di collezione non ti serve.
Acquisti l' arma e la denunci inserendola nella voce specifica separata "armi antiche" della tua denuncia di detenzione.
Per rispondere ad una delle tue domande iniziali, cioè come si fa a dimostrare che si tratta di arma antica, te lo fai scrivere sul foglio di scarico che ti fa l'armeria. Se invece la prendi da un privato, dovrá apparire nella sua denuncia di detenzione, di cui ti dovrá dare una copia, nell' elenco delle armi antiche e tu tale e quale la riporti nella tua denuncia.
Salu2 a to2
Bizio

FISAT Life Member & NRA Life Member, AUDA Member
Always keep fighting the good fight

Immagine

Avatar utente
Bizio61
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 14882
Iscritto il: 21/12/2010, 15:05
Località: Mediolanum

Re: LICENZA COLLEZIONE. ARMI ANTICHE

Messaggio da Bizio61 » 21/12/2014, 23:48

Non penso ci siano tante armerie che trattano armi antiche. Ne devi cercare una specializzata oppure consultare un catalogo di aste online come quello della casa d'aste San Giorgio.
Salu2 a to2
Bizio

FISAT Life Member & NRA Life Member, AUDA Member
Always keep fighting the good fight

Immagine

Avatar utente
LeoPx4
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1163
Iscritto il: 22/12/2010, 14:15
Località: Roma

Re: LICENZA COLLEZIONE. ARMI ANTICHE

Messaggio da LeoPx4 » 01/01/2015, 20:29

Buona sera,leggendo il post colgo l'occasione per avere un chiarimento:ho uno zio che mi vuole cedere due revolver,uno a spillo presumo 1860 circa ed un comune revolver bodeo senza ponticello per truppa,a suo dire antecedente al 1889 nella denuncia non vengono specificate come armi antiche e lui ' non è in possesso di un porto d'armi ma solo detenzione quindi non puo portarle da un perito per una certificazione.Chi è in grado di consigliarmi come fare per entrarne in possesso come armi antiche? :october: vi ringrazio anticipatamente
''Disapprovo cio' che dici, ma difenderò alla morte il tuo diritto di dirlo.'' (Voltaire)

Avatar utente
LeoPx4
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 1163
Iscritto il: 22/12/2010, 14:15
Località: Roma

Re: LICENZA COLLEZIONE. ARMI ANTICHE

Messaggio da LeoPx4 » 01/01/2015, 22:40

Grazie per la gradita risposta,appena ho un po di tempo vado dai cc per il comodato e speriamo bene :october:
''Disapprovo cio' che dici, ma difenderò alla morte il tuo diritto di dirlo.'' (Voltaire)

Avatar utente
Oldodes
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 178
Iscritto il: 26/03/2011, 20:43
Località: Lombardia

Re: LICENZA COLLEZIONE. ARMI ANTICHE

Messaggio da Oldodes » 21/01/2015, 21:32

In Italia, il discrimine che si è preso, tiene come confine per le armi moderne il "micidiale" fucile Carcano modello 1891.
Sono armi antiche quelle antecendenti al 1890.

Quindi ad esempio il fucile svizzero Schmidt-Rubin modello 1889 è antico.
Sono altrettanto antiche le rivoltelle modello Bodeo 1889.

Il dubbio riguarda se si tratta di armi "di modello anteriore al 1890" o di armi "costruite anteriormente al 1890".
La lettera della legge fa riferimento alla seconda versione, ma l'uniforme interpretazione data al comma dal 1975 (persone che avevano redatto la Legge e i loro contemporanei) fino a pochi anni fa, accettava come valida la prima l'interpretazione.
Che è estremamente più logica e di più coerente e semplice applicazione. Infatti che maggior pericolosità può avere la Bodeo costruita nel 1904 rispetto a quella costruita nel 1889?
Se non è impresso sull'arma, come si distingue un Winchester mod 1889 costruito in quell'anno, da quello realizzato a gennaio 1890?
Privilegiando la sostanza, riferendosi alla "ratio legis" è forse più pericoloso il fucile che ha un anno in meno?
Ma dai!
Siamo concreti, il malaffare non si combatte con le astrusità burocratiche, ma con la concretezza dell'azione di polizia nella prevenzione dei pericoli veri e concreti!

Anche perché le armi costruite in lotti sensibilmente successivi (tipo le repliche), non sono mai rientrate nella categoria "antiche".

Di queste dispute se ne può leggere ampiamente, tra gli scritti del Giudice Mori.
Ultima modifica di Oldodes il 21/01/2015, 22:14, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Oldodes
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 178
Iscritto il: 26/03/2011, 20:43
Località: Lombardia

Re: LICENZA COLLEZIONE. ARMI ANTICHE

Messaggio da Oldodes » 21/01/2015, 22:04

Io ho una piccola collezione di armi antiche.
Le armi antiche NON sono di difficile reperibilità.
Anche qui scarseggiano di più i soldi che le occasioni disponibili.

Quello che richiede perizia, è la valutazione: delle condizioni, dell'originalità, della rarità e quindi del prezzo.
Si scoprirà così che le armi antiche costano all'incirca come le loro corrispondenti repliche, anzi a volte di meno, a fronte di un fascino incomparabilmente maggiore.

Tutte le armerie che trattano Ex-Ordinanza, hanno tra le proposte anche delle armi antiche.
Molte armerie di un certo respiro, hanno armi antiche.
Gli scambi tra privati appassionati o collezionisti, propongono interessanti occasioni.

In Italia, ricordo che solo le armi antiche si possono battere in asta pubblica, le Case che se ne occupano sono:
- Von Morenberg a Trento;
- San Giorgio a Genova;
- Czerny's a Sarzana.

Tutte le case d'asta inglesi, normalmente hanno delle tornate con armi; in Germania mi viene in mente Hermann Historica
ma basta mettere nei motori di ricerca "guns auction Houses" e avrete di che lustrarvi gli occhi.

Non ho repliche di armi antiche, se ne volessi avere, certamente ne comprerei una italiana, ci sono tanti bravi produttori; ma escluderei la ditta Pedersoli, discriminandola perché tanto ha fatto per ostacolare le armi antiche originali, a favore delle repliche anche da loro prodotte. Con nessuno scrupolo per il conflitto d'interessi, anzi con in mente la sola tutela dei propri interessi venali.
Gli altri operatori, tra l'altro, sono altrettanto bravi nel produrre, sono più efficienti e con prezzi più competitivi. Confrontare per credere.
Ovviamente non è il Vangelo, ma più modestamente è la mia opinione e nessuno è tenuto a seguirla, ma una lettura attenta dei fatti accaduti negli anni, porta gli appassionati ad avere questa convinzione.

Ol Dodés
Ultima modifica di Oldodes il 22/01/2015, 18:11, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Oldodes
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 178
Iscritto il: 26/03/2011, 20:43
Località: Lombardia

Re: LICENZA COLLEZIONE. ARMI ANTICHE

Messaggio da Oldodes » 22/01/2015, 17:02

Eddai... sono stato diligente e mi sono cercato la norma che disciplina la licenza di collezione armi antiche.

Eccola come pubblicata nel sito del TSN di Rovereto:

D.M. 14 aprile 1982
Regolamento per la disciplina delle armi antiche, artistiche o rare di importanza storica.

Di semplice e breve lettura é illuminante sulle possibilità e sui limiti della collezione armi antiche :medioevo:

link: http://www.tsnrovereto.it/legislazione- ... ntiche.htm


Saluti!

Ol Dodés

Avatar utente
Oldodes
Livello 1
Livello 1
Messaggi: 178
Iscritto il: 26/03/2011, 20:43
Località: Lombardia

Re: LICENZA COLLEZIONE. ARMI ANTICHE

Messaggio da Oldodes » 25/01/2015, 22:30

Rispondendo a Monteaspro, relativamente alla questione prezzi, ripeto la frase che ho scritto poco sopra:
"Si scoprirà così che le armi antiche costano all'incirca come le loro corrispondenti repliche"

Leggendo l'attuale numero di A&T, ad esempio, proprio la pistola Mod.1814 da RR.CC. replicata da Pedersoli, costa Euro 800 circa, ebbene nel 2009 io ne cedetti una: originale, funzionante, ma con una cricca del legno nella zona compresa tra l'acciarino e il grilletto; il corrispettivo ottenuto da altro privato fu di Euro 680,-- e fui soddisfatto!

Una originale e in perfette condizioni, si aggira attorno ai mille Euro.
L'originale mantiene o accresce la quotazione. Una replica, posto che ne possono produrre in serie, pensate che possa seguire lo stesso andamento?
Possedere l'originale, vuol dire avere a casa un pezzo di storia; con la replica la soddisfazione di possederla è forse la stessa?
E tutto questo per "FORSE" duecento euro di differenza???

Non c'è paragone!!! O no?

Saluti.
Ol Dodés

Rispondi