22lr - articolo armi e tiro - imprecisione?

legislazione armiera, novità legislative e amministrative, giurisprudenza e dottrina.

Re: 22lr - articolo armi e tiro - imprecisione?

Messaggioda cisco60 » 22/05/2017, 0:35

CORREZIONE !
Intendevo i due scoiattolini dispettosi ed invece mi sono confuso con Qui, Quo e Qua.
Poco male, comunque ho detto una cavolata.
Francesco.
cisco60
Livello 3
Livello 3
 
Messaggi: 728
Iscritto il: 13/05/2017, 17:28

Re: 22lr - articolo armi e tiro - imprecisione?

Messaggioda rossoduc2 » 22/05/2017, 18:08

cisco60 ha scritto:Riassumendo, UN'ARMA LUNGA NON CATALOGATA CHE INCAMERI MUNIZIONI DENOMINATE 22 Long Rifle, non può essere annoverata tra le armi classificate comuni ma tra quelle "ad uso caccia" senza poi togliere nulla alla validità di tutte le altre limitazioni riguardanti la detenzione delle munizioni, il loro uso e le limitazioni specifiche sull'attività venatoria a livello provinciale, regionale e statale; giuste o sbagliate che ognuno di noi, possa ritenerle.


Il 22 lr lo spari solo in armi a canna rigata, e quelle a canna rigata sono obbligatoriamente catalogate, un 22 lr non catalogato è un' arma illegale..... Quelle non catalogate devono avere per forza la canna liscia.
rossoduc2
Livello 1
Livello 1
 
Messaggi: 75
Iscritto il: 14/06/2016, 16:24

Re: 22lr - articolo armi e tiro - imprecisione?

Messaggioda monteaspro » 22/05/2017, 19:51

e quelle antecatalogo??? come a mettiamo,ci sono armi in 22lr dal 1900.fino al 1975 anno del cat. so tutte clandestine???'
monteaspro
Livello 3
Livello 3
 
Messaggi: 674
Iscritto il: 10/03/2017, 19:23

Re: 22lr - articolo armi e tiro - imprecisione?

Messaggioda rossoduc2 » 23/05/2017, 12:19

monteaspro ha scritto:e quelle antecatalogo??? come a mettiamo,ci sono armi in 22lr dal 1900.fino al 1975 anno del cat. so tutte clandestine???'


È opportuno ricordare che il citato Catalogo, sebbene previsto da una legge dell’aprile del 1975, è entrato effettivamente in vigore nel settembre del 1979, quando, per la prima volta, si riunì la Commissione Consultiva Centrale di cui all’art. 6 della legge in parola. Pertanto, vanno considerate armi comuni da sparo anche tutte quelle introdotte sul mercato civile nazionale prima dell’inizio delle procedure di catalogazione e che abbiano le caratteristiche per essere considerate armi comuni.

Per molte di queste armi, il competente ufficio del Ministero dell’Interno, su richiesta dei singoli proprietari, emanò dei provvedimenti di “classificazione”, attribuendo loro la qualifica di “arma comune” seppure non incluse nel Catalogo. Di tali provvedimenti è difficile avere conoscenza perché non è mai stata data loro alcuna forma di pubblicità, in quanto l’esito del procedimento amministrativo veniva comunicato al solo richiedente. Ad ogni modo, anche le armi “ante catalogo”, per poter essere considerate “comuni”, debbono essere in regola con quanto disposto dall’art. 11 della legge 110/75, come di seguito chiarito.

Non si confonda la catalogazione con la detenzione.
rossoduc2
Livello 1
Livello 1
 
Messaggi: 75
Iscritto il: 14/06/2016, 16:24

Re: 22lr - articolo armi e tiro - imprecisione?

Messaggioda marco64 » 26/05/2017, 12:02

più questioni.

22lr
Con la legge 43/2015 si è vietato a caccia tutti i calibri flobert (cartucce a percussione anulare) inferiori al 6 mm.
Quindi il 22lr non è da caccia.
Qui si ricade in un vuoto normativo, alcuni articoli vanno in conflitto, ma non essendo da caccia la linea generale di interpretazione è di poter detenere massimo 200 cartucce.

Trasporto e detenzioni munizioni.
L'articolo 97 del tulps è all'interno del capito 11: della prevenzione degli infortuni e dei disastri. Quindi sono limiti messi per una questione antinfortunistica.
L'articolo recita:
Possono tenersi in deposito o trasportarsi nello Stato senza licenza, omissis, ovvero un numero di millecinquecento cartucce da fucile da caccia caricate a polvere, nonché duecento cartucce cariche per pistola o rivoltella

Quindi io non posso tenere nel solito deposito più di 1500 cartucce da fucile da caccia e 200 cartucce da pistola, letteralmente neanche trasportare più di quel quantitativo. Guardate che non esiste legge che dice io non posso avere più di un deposito, quindi in locali diversi o in case diverse posso detenere quel quantitativo. Come non esiste legge che mi fissa un numero massimo di munizioni in generale. Esiste solo un limite per ogni deposito di 5 kg di polvere da sparo (o equivalenti in cartucce), ma è norma antincendio. Se in casa ci sono più pda è conveniente che polvere e munizioni siano comunque in locali diversi, in modo da non superare i quantitativi indicati nell'art. 97.
C'è da capire che cosa si possa intendere per "deposito", se basta cambiare stanza, appartamento, palazzo.
Se leggiamo la legge in maniera letterale quindi il trasporto su di un auto bisogna che non superi i 5 kg di polvere o gli equivalenti in cartucce, a prescindere da quante persone munite di pda siano a bordo.

Limiti detenzione armi
Qui la cosa è diversa. Il limite di detenzione per le armi è per licenza ed è specificato in leggi apposite ed è individuale.
Quindi ognuno detiene le proprie, la legge non dice che non possono essere tenute insieme a quelle di un altro (art. 20 e 20 bis della 110/75) e i numeri si cumulano.
Per il trasporto ognuno movimenta la proprie, anche col solito mezzo, nel numero massimo a testa di 6 armi, come specificato in circolare ministeriale.
Avatar utente
marco64
Livello 4
Livello 4
 
Messaggi: 1634
Iscritto il: 24/12/2010, 7:22
Località: Pistoia

Re: 22lr - articolo armi e tiro - imprecisione?

Messaggioda cisco60 » 27/05/2017, 2:27

La legge n. 43 del 2015 vigente al 21/04/2015, però, cita espressamente che l'applicazione delle nuove norme, non possa essere retroattiva. Quindi, fino a quella data ed a maggior ragione, se il legislatore ha ritenuto di specificarlo, le armi lunghe, non classificate in altro modo, atte ad incamerare proiettili di calibro superiore i 5,6 mm. secondo l'art. n.6, par. n. 6 della legge n. 204 del 26/10/2010, sono da considerarsi "uso caccia" e conseguentemente detenibili in numero illimitato.
Parlo di detenzione delle armi, e non della possibilità reale di usarle per tale scopo. Infatti, ad esempio, i possessori delle famigerate "B) 7" detenute prima di tale data, non hanno dovuto modificare lo "status" della propria arma salvo non poterle più usare per tale scopo oppure cederle a terzi se non con i caricatori limitati ecc......In tale caso però, a differenza del 22 lr le munizioni incamerabili, non coincidendo con calibri utilizzate anche da "armi corte", non hanno subito le limitazioni delle 200 unità. Personalmente, essendo anche possessore di una rivoltella "calibro 22 lr", non mi sognerei di pretendere di poter detenere più di 200 cartucce.
Invece, contesto specificatamente che la mia carabina, con dimensioni tali da farla configurare arma lunga, solo perchè datata, e quindi "ante-catalogo, ma non d'interesse storico, debba essere considerata comunque "arma comune da sparo" cumulabile con al massimo altre due, similmente classificate e pur avendo tutti i requisiti per un'altra classificazione.
Salomonicamente, mi hanno proposto di inserirla tra le armi da collezione ma oltre a non voler trasformare la mia casa in un fortilizio, l'uso di questa benedetta carabina a leva, è troppo, TROPPO DIVERTENTE per doverla lasciare in un armadio.
Scusate lo sfogo ed (non è una minaccia) alla prossima. Francesco
cisco60
Livello 3
Livello 3
 
Messaggi: 728
Iscritto il: 13/05/2017, 17:28

Precedente

Torna a Le armi e la legge

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

cron